Nuova Provincia: Vasai e Bernardini, sfida per la presidenza

Arezzo

Nuova Provincia: Vasai e Bernardini, sfida per la presidenza

11.10.2014

0

Chiamiamola sfida anche se l'esito appare scontato: a dirimerla non saranno, domenica i cittadini, il cui voto si conosce solo dopo l'apertura delle urne, ma chi è già stato eletto dai cittadini tra le liste dei vari partiti o su quelle civiche.
Nell'unico seggio, che sarà aperto domani alle 8 e chiuso alle 20 in Sala dei Grandi, depositeranno le schede solo 501 elettori: sono i sindaci, escluso Stefano Gasperini che sindaco è ma solo reggente dopo la partenza di Fanfani per Roma, e i consiglieri dei 37 comuni del territorio aretino. Decideranno chi, tra Roberto Vasai, presidente uscente della Provincia, e Daniele Bernardini, sindaco di Bibbiena, avrà il compito di guidare per primo la Nuova Provincia, come è nata dalla legge di riforma delle vecchie Province. Sceglieranno anche i 12 consiglieri provinciali che affiancheranno il presidente alla guida del nuovo ente che, proprio perché governato da non eletti direttamente dai cittadini, si chiama di secondo livello. Li sceglieranno tra i componenti di tre liste, i cui nomi sono riportati nel grafico in pagina, due a sostegno di Vasai, il Pd e la lista "Progetto per Arezzo", una per Bernardini presidente , "Insieme per Arezzo".
Sfida con esito prevedibile, perché la stragrande maggioranza dei 501 elettori sono stati già eletti come candidati in liste di centrosinistra, a cominciare da chi è stato poi eletto sindaco. Roberto Vasai è comunque in pole essendo il presidente uscente eletto da chi ha poi eletto i sindaci e i consiglieri di centrosinistra: lo sfida Bernardini, che è alla sua seconda legislatura di sindaco eletto a Bibbiena per una lista civica sostenuta da Forza Italia. A definire l'esito della sfida non contribuiranno tutti allo stesso modo i sindaci e i consiglieri comunali. Il voto sarà ponderato: ovvero ciascun elettore peserà sull'esito, sia dell'elezione del presidente che quella dei 12 consiglieri, in proporzione dal numero degli abitanti dei comuni che rappresentano. E che sono divisi in cinque fasce, nella prima c'è Arezzo i cui rappresentanti hanno l'indice di ponderazione più alto, circa 900. Le altre quattro fasce comprendono rispettivamente i comuni con più di diecimila e meno di trentamila abitanti, con un indice di ponderazione di 257, i comuni con una popolazione compresa tra 5000 e 10.000 abitanti, quelli tra 3.000 e 5.000 e quelli con meno di tremila abitanti, che pesano meno di tutti con un indice di 42, 414. Neppure la durata in carica del presidente e dei 12 consiglieri provinciali sarà uguale: il primo governerà per quattro anni, i consiglieri due anni. E al contrario di quanto avviene per l'elezione del sindaco, che tra gli oppositori si trova in consiglio anche il candidato o i candidati a sindaco sconfitti, chi tra Vasai e Bernardini perderà non potrà far parte del consiglio provinciale. L'esito del voto si conoscerà, comunque, solo lunedì quando verranno aperte le urne.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...

 
Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Il Teatro Mecenate di Arezzo

SPETTACOLO PER BAMBINI

Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Termina la rassegna Altre Danze_Portiamo i ragazzi a teatro!, ideata dall’Associazione Sosta Palmizi e rivolta ai bambini, agli adolescenti, alle famiglie e alle scuole. L’ultimo ...