Dindalini con la Boschi: “Mai il Pd ha avuto a che fare con la gestione di BancaEtruria”

Arezzo

Dindalini con la Boschi: “Mai il Pd ha avuto a che fare con la gestione di BancaEtruria”

06.01.2016 - 21:21

0

Il titolo a nove colonne è nella prima pagina del numero di domenica de “la Nuova Ferrara”, il quotidiano locale della città estense: “Il poltronificio ferrarese è morto”. Il contenuto dell’articolo è una inquietante ricostruzione della gestione del potere alla guida di Cariferrara, con una Fondazione e Consigli di amministrazione, all’interno dei quali  “poltrone, seggiole e sgabelli – scrive il direttore Stefano Scansani – venivano divisi in un consociativismo così perfetto tra associazioni di categoria che faceva tutti contenti”. Ad ognuno il suo: perché allora l’attenzione dei media nazionali sulla crisi delle quattro banche  salvate da un bail in annacquato è tutta e solo concentrata su BancaEtruria e Arezzo?  Basta a spiegarlo il fatto che uno degli ultimi ex vicepresidenti di BancaEtruria sia il padre del superministro Maria Elena Boschi, peraltro  non  imputabile di conflitto di interessi per la grande maggioranza dei deputati e a parere dell’Antitrust”? “Se Pierluigi Boschi era stato chiamato alla vicepresidenza  - dice il segretario provinciale del Pd, Massimiliano Dindalini – era solo per la sua esperienza personale e professionale. Accettare l’incarico è stata una sua scelta, forse inopportuna, ma del tutto legittima , che comunque non può coinvolgere la figlia ministro, vittima di una inutile strumentalizzazione politica, e che ha tutta la nostra solidarietà”. Dindalini non si limita alla solidarietà nei confronti del superministro aretino, scava un fosso tra le responsabilità della politica e quelle della gestione di BancaEtruria: “Mai – dice – il Pd, le istituzioni  e il governo della città, per sessanta anni guidato dalla sinistra o dal centrosinistra, hanno avuto a che fare  con la gestione della banca aretina”. E’ toccato però a un governo nazionale a guida Pd firmare il decreto che salva la banca  ma non i suoi azionisti e chi ha sottoscritto le obbligazioni. “Certo – dice Dindalini –nel decreto potevano  essere previste subito misure di maggior tutela nei confronti dei risparmiatori, come quella di una valutazione più favorevole dei crediti deteriorati. Ma Renzi , al contrario di altri, ha rispettato le norme comunitarie e con lui l’Italia ha riconquistato una credibilità in Europa”.  Ha però negato che Arezzo abbia una storia di sinistra, non è una terrarossa. “Due sindaci di centrodestra  alternatisi a Fanfani negli anni duemila - dice Dindalini – non bastano a cancellare una storia politica e amministrativa con la sinistra e il centrosinistra per sessanta anni alla guida della città e del territorio: la cui crescita  ha avuto l’imprenditoria aretina come protagonista, e i governi di sinistra a governarne dinamiche di uno sviluppo economico, urbanistico e sociale che ha trasformato la città  in un  polo industriale”. Il sindaco Ghinelli ha usato termini duri per giudicare il decreto firmato da Renzi come una prova di subalternità nei confronti di chi comanda in Europa. “Ghinelli – dice Dindalini – nel suo ruolo di sindaco farebbe meglio a chiedere al presidente e all’amministratore delegato di BancaEtruria che il prossimo acquirente della Banca ponte garantisca il mantenimento del centro direzionale della nuova banca ad Arezzo.  Per ora, invece, in sei mesi non è andato oltre il taglio del nastro di opere già realizzate dalla Giunta Fanfani, e all’approvazione di un regolamento per l’erogazione dei contributi  a chi è in difficoltà, che esclude chi non è residente ad Arezzo da almeno cinque anni, e che per questo è incostituzionale”.  La vicenda di BancaEtruria, e soprattutto il sacrificio di 62mila azionisti e cinquemila obbligazionisti, rischiano di avere ripercussioni sul piano dei consensi alle prossime elezioni amministrative. “Sarà nostro compito – conclude Dindalini – incontrare gli elettori dei comuni chiamati al voto, per un confronto aperto su ogni tema, a cominciare appunto dai disagi sociali. Ma contiamo soprattutto sulla fiducia dei cittadini che hanno potuto apprezzare la capacità amministrativa dei sindaci uscenti e che si ripresentano agli elettori dopo cinque anni di buon governo”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

A Barcellona le Festes de Gràcia continuano: "Vincere la paura"

Barcellona (askanews) - Quella delle feste rionali estive è una delle tradizioni più sentite di Barcellona, ed è stata travolta dall'attentato della Rambla, come tutta la vita della metropoli catalana. Nel quartiere di Gràcia quest'anno si celebra il 200mo anniversario delle "Festes" più antiche e scenografiche della città, che durano un'intera settimana e cominciano a Ferragosto. Dopo l'attacco ...

 
Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Terrorismo, a Milano nuove barriere in centro e sui Navigli

Milano (askanews) - "Ci stiamo concentrando sulla zona del Duomo, della Galleria Vittorio Emanuele II e delle zone più visitate in questo momento, e stiamo facendo una verifica per rafforzare il posizionamento dei 'new jersey' in Darsena e sui Navigli". A Milano spuntano nuove barriere di cemento armato antiterrorismo per impedire l'accesso ai veicoli nelle zone pedonali più frequentate da ...

 
I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

I musulmani di Barcellona: "Ora noi soffriamo due volte"

Barcellona (askanews) - A nemmeno un chilometro dalla grande Rambla di Barcellona c'è un'altra Rambla, quella del Raval. Ma è una Rambla molto diversa: questo è il quartiere più "multietnico" di Barcellona e quello con la più alta concentrazione di musulmani del centro storico, con ben cinque piccole moschee. L'attacco sulla Rambla rivendicato dallo Stato islamico suscita sgomento, rabbia e ...

 
Venezuela, la costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Venezuela, la costituente pro-Maduro assume potere legislativo

Caracas (askanews) - L'assemblea costituente legata al presidente venezuelano Nicolas Maduro ha dichiarato di aver assunto i poteri dal parlamento, che è invece controllato dall'opposizione al presidente. In una riunione, l'assemblea ha adottato un decreto che autorizza ad "assumere tutte le funzioni per legiferare su materie direttamente collegate con la garanzia della pace, della sicurezza, ...

 
Daniel Craig sarà ancora 007

Cinema

Daniel Craig sarà ancora 007

Daniel Craig ha confermato che sarà nuovamente 007 nel 25esimo film della saga di James Bond. Ma sarà la sua ultima volta nel ruolo dell’agente segreto più famoso al mondo. ...

16.08.2017

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Gossip

Laura Freddi sarà mamma a 45 anni

Laura Freddi sarà mamma all'età di 45 anni. Lo rivela il settimanale 'Chi', che nel numero in edicola da oggi pubblica le immagini della showgirl in dolce attesa. La diretta ...

16.08.2017

Samantha Iorio, una "lady in soul" alla Fortezza del Girifalco

Cortona

Samantha Iorio, una "lady in soul" alla Fortezza del Girifalco

Ancora un appuntamento musicale nell’intensa programmazione estiva della Fortezza del Girifalco a Cortona. Per “Fortezza Live Summer”, nella serata di mercoledì 16 agosto, ...

14.08.2017