Cerca

Mercoledì 22 Febbraio 2017 | 02:44

Arezzo

Alla scoperta dell'Arezzo dei Grandi: è Fai Marathon

Alla scoperta dell'Arezzo dei Grandi: è Fai Marathon

Domenica 12 ottobre 2014 nel centro cittadino di Arezzo si terrà per la prima volta in città la "Fai Marathon", l'unica maratona che si corre con gli occhi, evento nazionale promosso dal Fai - Fondo Ambiente Italiano giunto alla terza edizione, che si svolgerà in contemporanea in 120 città italiane.
Il gruppo Fai Giovani di Arezzo, coadiuvato dai volontari della Delegazione di Arezzo e dai giovani studenti del Liceo Classico F. Petrarca nel ruolo di "Apprendisti Ciceroni", ha aderito alla manifestazione proponendo un inedito percorso dal titolo "L'Arezzo dei Grandi".
Otto tappe alla scoperta dei palazzi che hanno ospitato alcuni dei grandi aretini nel corso dei secoli, visti da una prospettiva insolita: quella delle targhe celebrative affisse alle facciate esterne, esposte proprio sopra i nostri occhi ma spesso inosservate.
A partire da Piazza San Jacopo, risalendo Corso Italia, Piazza San Michele, via Cavour, Via Cesalpino fino all'arrivo in via dell'Orto, i partecipanti saranno accolti e guidati ad ogni tappa dai volontari FAI alla scoperta dei personaggi illustri della nostra città: alcuni celebri, come Francesco Petrarca o Guido D'Arezzo; altri meno noti ma non per questo meno interessanti, come il teatrante Tommaso Sgricci, il capitano di ventura Girolamo Accorsi detto "Il Bombaglino" o il giurista e umanista Angelo Gambiglioni. Incluso nella quota di partecipazione, l'accesso gratuito e la visita guidata alla Casa Museo di Ivan Bruschi.
L'intero percorso, indicativamente, avrà una durata di circa un'ora e mezzo, soste escluse: oltre alle 8 tappe esterne, infatti, saranno in programma una serie di "visite extra" grazie alle collaborazioni con alcune istituzioni.
Per informazioni, è possibile contattare la Delegazione di Arezzo e il FAI Giovani di Arezzo presso Casa Museo Ivan Bruschi, Corso Italia 14, Arezzo o inviare una e-mail all'indirizzo faigiovani.arezzo@fondoambiente.it.

Più letti oggi

il punto
del direttore