Bracciali: “Non deluderò chi ha votato per una città solidale e non per la paura”

Arezzo

Bracciali: “Non deluderò chi ha votato per una città solidale e non per la paura”

18.06.2015 - 15:20

0

Se Ghinelli, prima del 31 maggio,  non avrebbe scommesso un caffè  sulla vittoria al ballottaggio, Bracciali, dopo il 31 maggio sulla sua vittoria non avrebbe rischiato la casa.  Sapeva bene che quegli otto punti di vantaggio al primo turno non lo avrebbero messo al riparo dalle sorprese che escono ogni volta dall’uovo del ballottaggio. Per questo ha provato ad alzare i toni nel supplemento di campagna elettorale per lo spareggio con Ghinelli, dopo aver confidato per almeno un mese sulla capacità di trasmettere agli elettori la sua voglia di cambiare passo anche rispetto agli ultimi faticosi passi, sorretti da qualche stampella,della amministrazione a monocolore Pd voluta da Fanfani. “Non è bastato metterci più voce e passione sul nostro progetto di città solidale, con messaggi di speranza contro quelli della paura usati dal centrodestra, per cancellare l’idea di una città vittima predestinata della Regione e in preda alla paura” – dice  Bracciali di ritorno da Roma dove il lavoro lo ha aiutato metabolizzare la sconfitta.   Altri errori? “Avremmo dovuto rimarcare con più forza la discontinuità del nostro programma – dice – per un cambiamento radicale rispetto agli ultimi quattro anni di governo della Giunta Fanfani. Il centrodestra  ha saputo comunicare meglio la sua idea più di resistenza che di cambiamento. La nostra voglia di cambiamento è stata percepita nelle frazioni e in periferia, dove il dialogo è stato più aperto. E lì torneremo, come promesso, almeno una volta l’anno. Ma è la città che ora ha bisogno di buoni esempi, più che di enunciazioni di programmi. E Io sarò il primo a darli, con l’entusiasmo di un giovane che si è laureato lavorando, e con la nuova consapevolezza che viene dalla responsabilità di essere stato il portavoce di un progetto di cambiamento condiviso dal Pd e dalla sua coalizione. Il fatto che sia stato bocciato, pur per una manciata di voti, non può esimermi dal riproporlo come leader, ancora più responsabilizzato dopo aver perso la prima battaglia”. Per la prima volta nella storia di Palazzo Cavallo, la sinistra radicale che ha permesso a Fanfani di vincere al primo turno nel 2011, non sarà rappresentata in consiglio. E’ il risultato anche di una scelta di campo della coalizione di centrosinistra più spostata al centro con i Popolari per Arezzo, e coperta a sinistra solo da una lista civica. Dopo il taglio dei cespugli, che  fecero vincere Fanfani, c’erano ancora margini per una coalizione secondo tradizione a Palazzo Cavallo? “Abbiamo provato, dialogando con i leader storici della sinistra, a costruire un programma comune, includendo tra l’altro temi che già sono condivisi, come acqua pubblica, ambiente, gestione dei rifiuti. Ci riproveremo partendo dal ruolo di opposizione per costruire una nuova esperienza che farà bene a tutti. Ci sentiremo rispondere qualche no, ma se il nostro progetto è quello di una città solidale nel suo rilancio economico e sociale, nessuno potrà tirarsi fuori. Di certo io non farò un passo indietro sulla responsabilità che mi sono assunto candidandomi a sindaco di una città protagonista del suo futuro, dopo che lo è stata del suo passato”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Usa: l'attentatore di NY voleva la vendetta per i palestinesi

Usa: l'attentatore di NY voleva la vendetta per i palestinesi

New York (askanews) - Voleva vendicarsi degli attacchi israeliani contro i palestinesi. Lo ha detto nel primo interrogatorio il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City. Una volta catturato e trasferito in ospedale - dove è stato curato per le ferite subite per l'esplosione del dispostivo rudimentale che ...

 
Macron a Trump: su clima ha responsabilità di fronte a storia

Macron a Trump: su clima ha responsabilità di fronte a storia

Parigi (askanews) - Il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato un appello al suo omologo Usa Donald Trump a ricordare la sua "responsabilità di fronte alla Storia" in relazione alla decisione di ritirare gli Stati uniti dall'Accordo di Patrigi sul clima, in un'intervista ieri alla CBS alla vigilia di un summit sullo stesso tema che si terrà nella capitale francese. "Ci sono più di 180 ...

 
Brucia la California, incendio più grande di New York

Brucia la California, incendio più grande di New York

Roma, (askanews) - Brucia la California: il più devastante degli incendi che abbiano mai colpito la California del Sud continua ad espandersi, alimentato dai forti venti, e interessa una superficie più grande di New York City. L'incendio Thomas nelle contee di Ventura e Santa Barbara ha carbonizzato 230mila ettari nel corso di una settimana, allargandosi di oltre 50mila ettari in un solo giorno. ...

 
Usa: trasporti tornano alla normalità dopo esplosione a New York

Usa: trasporti tornano alla normalità dopo esplosione a New York

New York (askanews) - E' tornata la normalità nel sistema di trasporti di New York City, mandato in tilt da un tentato attentato terroristico ad opera del 27enne Akayed Ullah. Il terminal degli autobus di Port Authority, tra la 42esima Strada e l'ottava Avenue, è stato riaperto così come le stazioni della linea metropolitana che avevano accesso diretto al terminal. Resta invece ancora ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017