Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Brexit: a rischiare siamo noi

01.04.2017 - 23:52

0

La Brexit ha ingranato la marcia. E sarà inarrestabile. Il percorso durerà, al massimo, un paio di anni. Ma non è detto che non possa anche subire un’accelerazione. Comunque sia, il dado è tratto: la Gran Bretagna uscirà dall’Unione Europea. E se per i sudditi di Sua Maestà sarà una fortuna o la più grave iattura lo sapremo, tra qualche decennio, solo dalla storia. Come solo in futuro scopriremo se la Brexit avrà avuto conseguenze lievi o pesanti sull’Unione europea.

Di certo, però, c’è che, al momento, il rischio più grosso non lo corre il regno di Elisabetta II, tensioni interne alla madrepatria a parte (vedi i maldipancia di scozzesi e irlandesi).

La sterlina ondeggia, ma l’economia del Paese, tutto sommato, è in salute e ha prospettive di crescita.

Il commonwealth (che non a caso significa benessere comune), d’altronde, è come un tesoretto tenuto in cassaforte, sempre pronto a garantire utili e redditi. E l’addio ai Paesi uniti del continente non comporta neppure cambiamenti radicali negli stili e nei modi di vivere, a cominciare dalla guida a sinistra e dai segnali stradali che - nonostante le primordiali richieste dell’Europa - i britannici hanno sempre mantenuto inalterati rispetto al passato.

Neppure lo status di “extracomunitari” fa paura. Perché dentro l’Europa lo sono già, da sempre, anche popoli come quello degli svizzeri e abitanti di Paesi che, seppur piccoli e circondati, hanno mantenuto la loro indipendenza, come San Marino, Andorra, il Lichtenstein, il principato di Monaco e la Città del Vaticano. Nessuno di questi Stati ha mai avuto problemi di scambi commerciali e di movimento dei propri residenti con il resto dell’Europa. Né è accaduto viceversa. Basterà stipulare, quindi, i giusti accordi.

Il rischio più alto, invece, è tutto dei 27 Paesi di quell’Unione europea che rimane senza Regno Unito. Ed è un pericolo immediato: quello della disgregazione a catena. Perdere la Gran Bretagna, infatti, dimostra che uscire dalla Ue è possibile. E può anche essere relativamente facile.

La Brexit, per l’Unione, è già ora una iattura: perché matura nel momento più difficile della sua storia. Un momento che vede, uniti tutti insieme in un cocktail velenosissimo, ingredienti tossici come il dilagare dei nazionalismi, l’emergenza immigrazione, la paura del terrorismo, la crisi economica, il malcontento per l’austerità e l’incertezza di una possibile ripresa generale. Un cocktail che - lo rilevano i sondaggi - è guarnito anche da una ciliegina bagnata di cicuta: la più alta disistima dei cittadini nei confronti dell’istituzione europea da quando è nato il progetto comunitario. Solo per quanto riguarda l’Italia si è passati dal 73 per cento di fiducia di 20 anni fa al 34 di oggi (dati Demos per la Fondazione Unipolis).

Per il presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker, un giorno i britannici rimpiangeranno la scelta di aver abbandonato l’Unione europea. Ma - se l’Europa non si rende conto che non è più rinviabile la necessità di dare una nuova svolta alla sua congrega - è più facile che, presto, saremo tutti noi che ora ci illudiamo di essere rimasti uniti dentro un progetto comune a rimpiangere i bei tempi. Quelli di quando c’era l’Unione con ancora dentro la Gran Bretagna.

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

"Get shorty", arriva su Timvision la serie tv acclamata negli Usa

Roma, (askanews) - Dal libro bestseller di Elmore Leonard, "Get shorty", nel 1995 era stato tratto il celebre film con John Travolta, ma oggi un enorme successo ha riscosso negli Stati Uniti l'omonima serie, che arriva in prima visione assoluta per l'Italia dal 22 febbraio su Timvision. La dark comedy per la tv "Get shorty", di cui vediamo una clip in esclusiva, è diretta da Davey Holmes, già ...

 
Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Siria, orrore a Ghouta: regime uccide 200 civili, 60 sono bambini

Damasco, (askanews) - Un massacro con quasi 200 morti fra i civili, di cui 60 bambini. È il bilancio di tre giorni di bombardamenti incessanti sulla roccaforte ribelle della Ghouta, a Est di Damasco, da parte del regime siriano di Bashar al-Assad. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede in Gran Bretagna, l'attacco ha provocato 17 morti domenica 18, 127 morti lunedì 19 e 50 ...

 
Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Perché la regina di Danimarca sorride ai funerali del marito?

Copenaghen, (askanews) - Circa 60 ospiti si sono stretti attorno alla famiglia reale danese per salutare il principe consorte Henrik, marito della regina Margherita II di Danimarca. Nelle immagini si vede la regina, 77 anni, che scende dall'auto vestita a lutto ma in più di un'occasione la si vede sorridente e quasi allegra. Presenti al funerale i figli della coppia, il principe ereditario ...

 
La "Sagra della primavera" di Stravinski arriva a Milano

La "Sagra della primavera" di Stravinski arriva a Milano

Milano (askanews) - Il grande balletto torna al Teatro Manzioni di Milano che ospita un grande classico Sagra della Primavera di Igor Stravinski il 27 febbraio. Andato in scena per la prima volta a Parigi nel 1913 con la coreografia di Nijinski, "Sagra della primavera" è stato ripreso poi da Massine nel 1920 e quindi da Marta Graham, Bejart, e molti altri. La forte timbrica innovativa dell'opera ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

La mostra a Casa Bruschi

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

"Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello", in mostra i gioielli ideati e progettati dagli allievi del master in Storia e Design del Gioiello dell'Università di ...

10.02.2018

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Stagione di prosa a Cavriglia

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Alla stagione del teatro comunale di Cavriglia proseguono gli eventi del cartellone di Fondazione Toscana Spettacolo. Sabato 17 febbraio alle 21.30  Ottavia Piccolo e ...

10.02.2018