Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Brexit: a rischiare siamo noi

01.04.2017 - 23:52

0

La Brexit ha ingranato la marcia. E sarà inarrestabile. Il percorso durerà, al massimo, un paio di anni. Ma non è detto che non possa anche subire un’accelerazione. Comunque sia, il dado è tratto: la Gran Bretagna uscirà dall’Unione Europea. E se per i sudditi di Sua Maestà sarà una fortuna o la più grave iattura lo sapremo, tra qualche decennio, solo dalla storia. Come solo in futuro scopriremo se la Brexit avrà avuto conseguenze lievi o pesanti sull’Unione europea.

Di certo, però, c’è che, al momento, il rischio più grosso non lo corre il regno di Elisabetta II, tensioni interne alla madrepatria a parte (vedi i maldipancia di scozzesi e irlandesi).

La sterlina ondeggia, ma l’economia del Paese, tutto sommato, è in salute e ha prospettive di crescita.

Il commonwealth (che non a caso significa benessere comune), d’altronde, è come un tesoretto tenuto in cassaforte, sempre pronto a garantire utili e redditi. E l’addio ai Paesi uniti del continente non comporta neppure cambiamenti radicali negli stili e nei modi di vivere, a cominciare dalla guida a sinistra e dai segnali stradali che - nonostante le primordiali richieste dell’Europa - i britannici hanno sempre mantenuto inalterati rispetto al passato.

Neppure lo status di “extracomunitari” fa paura. Perché dentro l’Europa lo sono già, da sempre, anche popoli come quello degli svizzeri e abitanti di Paesi che, seppur piccoli e circondati, hanno mantenuto la loro indipendenza, come San Marino, Andorra, il Lichtenstein, il principato di Monaco e la Città del Vaticano. Nessuno di questi Stati ha mai avuto problemi di scambi commerciali e di movimento dei propri residenti con il resto dell’Europa. Né è accaduto viceversa. Basterà stipulare, quindi, i giusti accordi.

Il rischio più alto, invece, è tutto dei 27 Paesi di quell’Unione europea che rimane senza Regno Unito. Ed è un pericolo immediato: quello della disgregazione a catena. Perdere la Gran Bretagna, infatti, dimostra che uscire dalla Ue è possibile. E può anche essere relativamente facile.

La Brexit, per l’Unione, è già ora una iattura: perché matura nel momento più difficile della sua storia. Un momento che vede, uniti tutti insieme in un cocktail velenosissimo, ingredienti tossici come il dilagare dei nazionalismi, l’emergenza immigrazione, la paura del terrorismo, la crisi economica, il malcontento per l’austerità e l’incertezza di una possibile ripresa generale. Un cocktail che - lo rilevano i sondaggi - è guarnito anche da una ciliegina bagnata di cicuta: la più alta disistima dei cittadini nei confronti dell’istituzione europea da quando è nato il progetto comunitario. Solo per quanto riguarda l’Italia si è passati dal 73 per cento di fiducia di 20 anni fa al 34 di oggi (dati Demos per la Fondazione Unipolis).

Per il presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker, un giorno i britannici rimpiangeranno la scelta di aver abbandonato l’Unione europea. Ma - se l’Europa non si rende conto che non è più rinviabile la necessità di dare una nuova svolta alla sua congrega - è più facile che, presto, saremo tutti noi che ora ci illudiamo di essere rimasti uniti dentro un progetto comune a rimpiangere i bei tempi. Quelli di quando c’era l’Unione con ancora dentro la Gran Bretagna.

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
Le prime immagini dell'esplosione di New York

Le prime immagini dell'esplosione di New York

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. Scondo i media americani diverse persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata. Le linee della metropolitana A, C ed E, che si incrociano nei pressi del luogo dove è avvenuta l'esplosione, sono state fatte evacuare.

 
Usa, ecco la canzone di Natale più felice del mondo: lo dice la scienza

Usa, ecco la canzone di Natale più felice del mondo: lo dice la scienza

Joe Bennett, musicologo e professore del Conservatorio di Boston, ha creato 'la canzone di Natale' più felice del mondo. Per farlo ha analizzato le hit natalizie che hanno fatto storia, estrapolato gli elementi comuni e creato assieme a un'equipe di esperti questo barano dal titolo "Love's not just for Christmas"

 
Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017

Concerto di Natale all'Auditorium dell'ospedale San Donato

Arezzo

Concerto di Natale all'Auditorium dell'ospedale San Donato

La stagione concertistica all’ospedale San Donato di Arezzo volge al termine. L’ultimo appuntamento è in programma all’auditorium Pieraccini domenica 10 dicembre con il ...

08.12.2017