Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Il giustiziere americano e il mondo cieco

08.04.2017 - 20:49

0

Donald Trump impugna lo spadone del giustiziere vendicatore e, senza attendere le decisioni dell’Onu, scatena una pioggia di missili sulla Siria di Assad, il sospettato numero uno della strage di martedì scorso con i gas nervini.

L’America torna quindi a mostrare i muscoli avocando a sé il ruolo di paladino dei giusti (giusti dal suo punto di vista), ma con quali effetti?


Quelli immediati sono palesi a tutti: innanzitutto, bombardando la Siria, gli Usa di Trump hanno mandato in fumo, in un solo colpo, tutto quello che l’amministrazione Obama - di positivo e di negativo - era riuscita a costruire nella diplomazia internazionale e hanno acuito notevolmente le già forti tensioni presenti in Medio Oriente e non solo.


Quelli futuri, invece, sono un’incognita perché occorrerà vedere quali fatti seguiranno (e se seguiranno) alle condanne giunte da Russia e Iraq. E occorre capire se la scelta di Trump di ricorrere alle armi si ripeterà - e con quale misura - anche in altre gravi crisi internazionali, Corea del Nord in primo luogo.


Di certo, però, oltre agli effetti politici immediati di un’azione del genere, c’è anche l’inutilità della stessa dal punto di vista pratico e concreto: non risolve di certo la crisi siriana; non sconfigge Assad; e non salva la popolazione siriana dai massacri, perché non li interrompe né li rallenta. Nella più probabile delle ipotesi, insomma, quanto accaduto la scorsa notte potrebbe rimanere fine a se stesso e rischiare di essere ricordato, in futuro, come la solita americanata hollywoodiana già vista in altri scenari.


A rendere, poi, ancor più triste la giornata, ci sono le reazioni dei Paesi amici degli Usa. Tutti pronti a giustificare Trump e il lancio dei missili sostenendo che è stata la giusta risposta a una strage compiuta con i gas.


E’ vero, 74 civili e tra loro 25 bambini, sono stati uccisi usando un’arma, il Sarin, considerata universalmente uno strumento da crimine di guerra. E per questo il regime di Assad (se è stato realmente lui ad utilizzarlo) non poteva rimanere impunito.


Ma è anche vero che questi 74 morti vanno ad allungare una lista di civili uccisi in Siria per una guerra che ha già superato le 430mile vittime e ha costretto 4milioni di persone a fuggire all’estero. Una guerra che è iniziata nel 2011 e che, dopo 6 anni, non ha visto ancora qualcuno fare qualcosa di realmente efficace per farla concludere. Ma ha visto tanti contribuire a prolungarla.

Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Birmania, a Rangoon scatta la dance-mania

Birmania, a Rangoon scatta la dance-mania

Rangoon (askanews) - Musica elettronica e dance: in Birmania (Myanmar) è esplosa una vera passione per la musica da ballare. I giovani, per anni tagliati fuori dalle mode, grazie anche ai social network, stanno recuperando il tempo perduto. Concerti con disk jockey occidentali di grido, come Martin Garrix o Timmy Trumpet, riempiono le piazze di Rangoon (Yangon). In una serata in 12mila hanno ...

 
Rosato (Pd): fa piacere che Di Maio riconosca errore su 80 euro

Rosato (Pd): fa piacere che Di Maio riconosca errore su 80 euro

Roma (askanews) - E' un bene che anche M5s riconosca l'utilità degli 80 euro di sgravio Irpef introdotti dal governo Renzi. Lo ha detto il capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato. "La misura degli 80 euro serve a dieci milioni di italiani, fa piacere che anche Di Maio se ne sia accorto. Fa piacere che abbia capito che la pretestuosa contrarietà che hanno avuto in questi anni è stata sbagliata. ...

 
I rohingya in Bangladesh: meglio la morte che tornare in Myanmar

I rohingya in Bangladesh: meglio la morte che tornare in Myanmar

Roma, (askanews) - Sono stipati in massa in oltre 650.000 in campi profughi in Bangladesh, uno dei paesi più poveri del mondo, in condizioni inumane, preda di fame, malattie e nella miseria più assoluta. Ma malgrado tutto, i Rohingya, minoranza musulmana del Myanmar perseguitata dall'esercito birmano con vere e proprie operazioni di pulizia etnica secondo l'Onu, preferisce non rientrare nella sua ...

 
L'omaggio di Erica Mou alla Capitale: la canzone "Roma era vuota"

L'omaggio di Erica Mou alla Capitale: la canzone "Roma era vuota"

Roma, (askanews) - Nel suo nuovo disco, uscito il 1 dicembre per l'etichetta milanese Godzillamarket (distribuzione Artist First), la cantautrice Erica Mou ha dedicato un pezzo alla città che l'ha adottata da tre anni. Si intitola "Roma era vuota". "Roma era vuota inizia dicendo 'ieri ho sognato che mi baciavi, camminavamo, c'era il sole e Roma era vuota'. Io ho sognato che Roma era vuota, quindi ...

 
Marco Presta al "Passioni Festival Winter"

LA RASSEGNA

Marco Presta al "Passioni Festival Winter"

“Le passioni sono godimento, sono pensieri d'amore. La radio, per me, è uno di questi”. Marco Presta, romano, 56 anni, è l'ospite che concluderà la lunga cavalcata del 2017 ...

15.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017