Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Il giustiziere americano e il mondo cieco

08.04.2017 - 20:49

0

Donald Trump impugna lo spadone del giustiziere vendicatore e, senza attendere le decisioni dell’Onu, scatena una pioggia di missili sulla Siria di Assad, il sospettato numero uno della strage di martedì scorso con i gas nervini.

L’America torna quindi a mostrare i muscoli avocando a sé il ruolo di paladino dei giusti (giusti dal suo punto di vista), ma con quali effetti?


Quelli immediati sono palesi a tutti: innanzitutto, bombardando la Siria, gli Usa di Trump hanno mandato in fumo, in un solo colpo, tutto quello che l’amministrazione Obama - di positivo e di negativo - era riuscita a costruire nella diplomazia internazionale e hanno acuito notevolmente le già forti tensioni presenti in Medio Oriente e non solo.


Quelli futuri, invece, sono un’incognita perché occorrerà vedere quali fatti seguiranno (e se seguiranno) alle condanne giunte da Russia e Iraq. E occorre capire se la scelta di Trump di ricorrere alle armi si ripeterà - e con quale misura - anche in altre gravi crisi internazionali, Corea del Nord in primo luogo.


Di certo, però, oltre agli effetti politici immediati di un’azione del genere, c’è anche l’inutilità della stessa dal punto di vista pratico e concreto: non risolve di certo la crisi siriana; non sconfigge Assad; e non salva la popolazione siriana dai massacri, perché non li interrompe né li rallenta. Nella più probabile delle ipotesi, insomma, quanto accaduto la scorsa notte potrebbe rimanere fine a se stesso e rischiare di essere ricordato, in futuro, come la solita americanata hollywoodiana già vista in altri scenari.


A rendere, poi, ancor più triste la giornata, ci sono le reazioni dei Paesi amici degli Usa. Tutti pronti a giustificare Trump e il lancio dei missili sostenendo che è stata la giusta risposta a una strage compiuta con i gas.


E’ vero, 74 civili e tra loro 25 bambini, sono stati uccisi usando un’arma, il Sarin, considerata universalmente uno strumento da crimine di guerra. E per questo il regime di Assad (se è stato realmente lui ad utilizzarlo) non poteva rimanere impunito.


Ma è anche vero che questi 74 morti vanno ad allungare una lista di civili uccisi in Siria per una guerra che ha già superato le 430mile vittime e ha costretto 4milioni di persone a fuggire all’estero. Una guerra che è iniziata nel 2011 e che, dopo 6 anni, non ha visto ancora qualcuno fare qualcosa di realmente efficace per farla concludere. Ma ha visto tanti contribuire a prolungarla.

Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Voto in Giappone, Abe chiede l'ok per la riforma costituzionale

Tokyo (askanews) - Shinzo Abe alla prova della verità. Il 22 ottobre in Giappone si vota per la Camera dei rappresentanti, un passaggio importante per il premier nipponico che ha indetto le elezioni anticipate con il doppio obiettivo di ottenere un mandato per la riforma costituzionale e dirottare in ambito sociale l'extragettito che dovrebbe giungere dal 2020 grazie all'incremento della tassa ...

 
Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Conegliano Valdobbiadene superiore Docg, il prosecco eroico

Milano (askanews) - Nel variegato mondo del prosecco, occupa un posto di eccellenza. Un'eccellenza garantita dal territorio su cui nasce, quelle colline adagiate tra le asperità delle Dolomiti e la laguna veneta. E dalla sapienza degli uomini che qui lo producono da oltre 140 anni. Il Conegliano Valdobbiadene prosecco superiore Docg è il frutto di questo lembo di terra fortunata, 15 Comuni nelle ...

 
Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Kenya, Odinga: solo con riforme potremmo partecipare ad elezioni

Roma, (askanews) - Ancora non è troppo tardi per approvare le riforme che farebbero riconsiderare al leader dell'opposizione kenyana Raila Odinga la sua decisione di ritirarsi dalle elezioni presidenziali del 26 ottobre. Lo ha affermato lo stesso Odinga parlando con la stampa dopo le dimissioni di Roselyn Akombe, membro della Commissione elettorale che si è detta convinta della parzialità di ...

 
A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

A Ischia al via il G7 dei ministri dell'Interno tra le proteste

Ischia, (askanews) - I sette ministri dell'interno delle principali democrazie industrializzate del mondo si incontrano a Ischia per il vertice del G7 su contrasto al terrorismo, anche via web, e lotta ai foreign fighters di ritorno dai territori liberati dall'Isis. In tanti però sono scesi in piazza per chiedere ai grandi politiche diverse e che tutelino i diritti umani. Ecco alcune voci del ...

 
"Anche io ho subito delle avances"

La rivelazione dell'attrice Isabelle Adriani

"Anche io ho subito delle avances"

Nel Corriere dell'Umbria di oggi, 19 ottobre, riportiamo le rivelazioni  di Isabelle Adriani, nome d’arte di Federica Federici, attrice, scrittrice, giornalista perugina di ...

19.10.2017

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Il fatto

Marco Della Noce rovinato dalla separazione: il comico di Zelig ora vive in auto

Dalla fame all'indigenza. E' la storia di Marco Della Noce, celebre comico di Zelig. Il cabarettista, del quale è impossibile dimenticare il personaggio di Oriano Ferrari, ...

19.10.2017

Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017