Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Ambiente, lo sgambetto di Trump e noi elettori

03.06.2017 - 15:15

0

Davvero sciocco chi ancora pensava che Donald Trump stesse scherzando.


Lo aveva detto alla vigilia della sua elezione a presidente degli Stati Uniti d’America. Lo aveva ribadito anche poco dopo. E ora lo ha fatto: ritira il suo Paese dagli accordi sul clima firmati nel 2015 a Parigi.


Con questo non significa che Trump ucciderà il mondo o lo condannerà inesorabilmente al suo destino con l’impossibilità di una sopravvivenza per colpa del dilagare degli inquinanti e il perdurare dello sfruttamento delle risorse della Terra. Ma, di certo, è un bello sgambetto a quegli impegni che, proprio a Parigi,si era impegnata di condividere la maggioranza dei Paesi responsabili delle emissioni globali dei gas serra. Maggioranza di cui gli Stati Uniti, da molti lustri ormai sul podio dei Paesi più inquinanti del pianeta, erano finalmente entrati a far parte dopo lunghi tentennamenti.


Comunque sia, non è sul merito di questa decisione che intendiamo porre l’attenzione. E sui suoi possibili effetti. Ma sul suo percorso.


E’ stata una promessa elettorale. Ed è stata mantenuta.


Sorprende, quindi, ora scoprire dalle notizie in arrivo dall’America che la maggioranza degli statunitensi non è favorevole alla scelta fatta dal loro presidente sull’intesa siglata a Parigi dal suo predecessore Obama. Sorprende, perché in questa maggioranza ci sono sicuramente moltissimi di quegli americani che si sono recati alle urne per le Presidenziali e hanno votato proprio Donald Trump; e ci sono anche moltissimi di quelli che invece hanno preferito rimanere a casa e astenersi contribuendo così, forse più degli altri, alla vittoria di Donald Trump (nel 2016 l’affluenza negli Usa è stata di appena il 56,9% degli aventi diritto).


Possiamo, quindi, discutere a lungo sul danno causato dalla decisione (è ovvio che non contribuisce ad accelerare la salvaguardia ambientale del pianeta). Ma la scelta fatta ora dal presidente degli Usa va, comunque, considerata politicamente legittima, perché viene da un uomo che si trova alla guida di una nazione dopo essere stato democraticamente eletto. E perché, proprio per questo percorso democratico che lo ha portato al potere e alla responsabilità di certe decisioni, rappresenta la volontà della maggioranza dei suoi cittadini-elettori. Ma si dovrebbe, tuttavia, riflettere sull’importanza delle scelte che si fanno quando ci si reca al voto. O vi si rinuncia.

Una riflessione che dovrebbero fare, in primo luogo, gli americani. Ma anche noi, visto che - troppo spesso - o non andiamo alle urne o diamo la nostra preferenza senza neppure conoscere a fondo il programma e gli impegni che vogliono realizzare i candidati.


O, forse, noi no... perché, d’altronde, le promesse elettorali i nostri candidati in verità non le mantengono mai.

Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

L'arresto per il delitto dei Parioli, due gambe in un cassonetto

L'arresto per il delitto dei Parioli, due gambe in un cassonetto

Roma, (askanews) - E' stato arrestato il presunto responsabile dell'omicidio di una donna a Roma; si tratta del fratello della vittima il cui cadavere fatto a pezzi era stato distribuito in vari cassonetti dei quartieri Parioli e Flaminio. I due abitavano assieme in un appartamento di via Guido Reni e avrebbero spesso litigato per questioni di soldi. La prima macabra scoperta è avvenuta la sera ...

 
Diana indimenticata icona di stile a 20 anni dalla morte

Diana indimenticata icona di stile a 20 anni dalla morte

Londra (askanews) - Ha cambiato il look alla monarchia inglese, ma non solo, è stata un'icona di eleganza e un simbolo del suo tempo. Vent'anni dopo la tragica morte di Lady Diana, il ricordo della "principessa del popolo" è ancora vivissimo. Per comprenderne meglio la figura a Londra è stata allestita a febbraio una mostra a Kensington Palace sulla sua personale concezione di stile. ...

 
La leonessa di Aleppo trasferita ha fatto un leoncino

La leonessa di Aleppo trasferita ha fatto un leoncino

Roma, (askanews) - Ha partorito un leoncino Dana, uno dei tredici animali dello zoo "Magic World" di Aleppo trasferiti dalla città semidistrutta a cura dell'associazione Four Paws. Dana si trova ora in una riserva vicino ad Amman, in Giordania, assieme agli altri animali trasferiti (altri quattro leoni, due tigri, due orsi neri asiatici, due iene e due cani). Poche ore dopo il trasferimento, il ...

 
Usa, rimosse statue sudiste a Baltimora, nessuna violenza

Usa, rimosse statue sudiste a Baltimora, nessuna violenza

Baltimora (askanews) - L'America ancora una volta divisa tra tolleranza e razzismo. Le statue dedicate ai principali protagonisti degli Stati Confederati d'America sono state velocemente rimosse dalle strade e dai parchi di Baltimora, in Maryland, pochi giorni dopo le violenze scoppiate nella vicina Virginia per la rimozione di monumenti simili. Le operazioni della polizia sono state seguite da ...

 
Daniel Craig sarà ancora 007

Cinema

Daniel Craig sarà ancora 007

Daniel Craig ha confermato che sarà nuovamente 007 nel 25esimo film della saga di James Bond. Ma sarà la sua ultima volta nel ruolo dell’agente segreto più famoso al mondo. ...

16.08.2017

Luara Freddi sarà mamma a 45 anni

Gossip

Laura Freddi sarà mamma a 45 anni

Laura Freddi sarà mamma all'età di 45 anni. Lo rivela il settimanale 'Chi', che nel numero in edicola da oggi pubblica le immagini della showgirl in dolce attesa. La diretta ...

16.08.2017

Samantha Iorio, una "lady in soul" alla Fortezza del Girifalco

Cortona

Samantha Iorio, una "lady in soul" alla Fortezza del Girifalco

Ancora un appuntamento musicale nell’intensa programmazione estiva della Fortezza del Girifalco a Cortona. Per “Fortezza Live Summer”, nella serata di mercoledì 16 agosto, ...

14.08.2017