Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Siamo al bivio: vivere blindati o scelte drastiche

19.08.2017 - 15:41

0

Fino alle 17 di giovedì 17 agosto 2017, a Barcellona, teneva banco soltanto un argomento: la lotta agli affittacamere abusivi.


Un problema non di poco conto per una città che viene visitata da più di 30 milioni di turisti l’anno. E un danno notevole per le finanze dello Stato e della Catalogna, visto che è stato accertato che - offrendo alloggio ai forestieri - c’è chi incassa, in nero, anche più di 10mila euro al mese.


La parola terrorismo era come bandita dai media locali. Un po’ per non destare paura in una città che fino a ieri - a parte i borseggiatori e gli ubriachi molesti - era considerata tra le più sicure di tutta Europa. Un po’ perché gli spagnoli e i catalani erano convinti di aver già pagato il loro pegno quell’11 marzo del 2004 quando 4 bombe firmate al-Qaeda esplosero su altrettanti treni pieni di pendolari, a Madrid. Un pegno costato il sangue di 192 vittime e 2.057 feriti e la decisione di ritirare, di corsa, le truppe iberiche dall’Iraq.


La guardia, però, non era affatto bassa. Né nel capoluogo catalano, né nel resto della Spagna.

Barcellona, tra l’altro, fin dai tempi del generalissimo Franco è nota per pullulare di poliziotti, con agenti praticamente ovunque, sia in borghese che in divisa e con quest’ultimi che oggi si possono vedere in bicicletta o con i segway, quegli strani trespoli a due ruote che ti fanno muovere rapidamente restando fermo in piedi. Ma qualcosa, è evidente, nei piani di sicurezza non ha funzionato nel verso giusto. Piombare sulla rambla con un veicolo a tutta velocità è stato troppo facile. E visti i precedenti nelle tante altre città europee (Stoccolma, Nizza, Berlino, Londra e Parigi) era sicuramente prevedibile.


La Spagna, negli ultimi anni, è stata tra i Paesi più attivi nell’attività di intelligence anti-terrorismo islamico (69 arresti in 36 operazioni compiute solo lo scorso anno), ma questa volta ha commesso l’errore di non essere prudente anche al di fuori del sommerso, in quei luoghi che le forze di sicurezza di tutto il mondo identificato come i “punti sensibili”. E’ una certezza che si unisce alla consapevolezza che, purtroppo, conteremo ancora altre stragi e che l’Isis non né sconfitta, né ridotta a un gruppetto di soli cani sciolti.


Che fare, quindi, per difenderci?


Vivere blindati o prendere decisioni drastiche per stroncare definitivamente l’arrivo e il proliferare dei soldati del terrore?


Una via di mezzo, purtroppo, non c’è.


Sergio Casagrande
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa delle Donne a Roma, il Senato si mobilita contro lo sfratto

Casa delle Donne a Roma, il Senato si mobilita contro lo sfratto

Roma, (askanews) - È lo storico centro del femminismo romano, diventato in quasi 40 anni di vita una vera e propria "istituzione" per la promozione culturale e sociale del mondo femminile che va ben oltre il panorama della capitale. La Casa Internazionale delle Donne a Trastevere ora rischia però la chiusura a causa proprio di un contenzioso con il Campidoglio guidato da Virginia Raggi. La ...

 
Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Milano (askanews) - E' stata una delle opere d'arte simbolo degli ultimi anni, premiata alla Biennale di Venezia del 2013 e poi in giro per i musei più importanti del mondo. "Grosse Fatigue" di Camille Henrot sembra per certi versi rappresentare l'opera d'arte perfetta per il mondo contemporaneo, con il suo mix di visionarietà e di enciclopedismo. Eppure quello schermo che è l'elemento ...

 
Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Roma, (askanews) - Arrivano i droni nella centrale Enel di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia. A loro sarà affidato il compito di supportare le attività di esercizio, manutenzione e protezione dell'impianto, grazie a soluzioni sviluppate da due star-up: Convexum e Percepto. In particolare, la start-up "Convexum" ha sviluppato un sistema in grado di impedire il sorvolo dell'impianto da parte di ...

 
Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Lo spettacolo

Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Torna il mercoledì del Teatro Virginian di Arezzo (in via de' Redi) che alza nuovamente il sipario sul suo ricco fuori stagione, ciliegina sulla torta di una stagione di ...

14.05.2018

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

La rassegna

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

Torna il festival di teatro spontaneo. Bramosie sessuali, sentimenti intensi e qualche risata per lo spettacolo “Ferdinando” di venerdì 18 maggio, alle ore 21,15 presso il ...

14.05.2018

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Pieve Santo Stefano

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Dalla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze all’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano per raccontare un ventennio di cambiamenti e trasformazioni che ha segnato l’Italia: ...

14.05.2018