Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Perché non riusciamo a convivere con il terremoto

02.09.2017 - 12:05

0

Mentre c’è ancora chi polemizza sulle valutazioni fatte dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) sull’entità del terremoto che ha squassato Ischia, è piombato il silenzio, dopo il clamore dei primi giorni, sul vero problema che ha nuovamente provocato vittime, in Italia, in occasione di un evento tellurico: l’incapacità della maggioranza degli edifici, presenti nelle aree del Paese a più alto rischio sismico, di resistere anche a una scossa di non eccezionale intensità.


Dal terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 (che si stima abbia falciato circa 120mila vite), la scienza - e in particolare la sismologia italiana - ha fatto passi da gigante proprio studiando le conseguenze dei principali terremoti italiani che, da allora, sono stati tantissimi. Gli annali della simicità nazionale ne contano una quarantina (per una media di quasi un terremoto grave ogni 2 anni e mezzo) che hanno provocato circa 40mila morti.


Anche se ancora non siamo in grado di prevedere un sisma (e forse non lo saremo mai), il progresso della scienza ha permesso di mettere a punto studi, piani e tecniche di difesa che sappiamo essere efficaci soprattutto in occasione di eventi tellurici che non travalicano i limiti dell’eccezionalità. Tecniche che, pur non riuscendo a impedire danni alle strutture, sono comunque capaci di salvare vite umane.


La dimostrazione si è avuta a Norcia, l’unica città, di quelle più colpite dalla recente crisi sismica del Centro Italia, a non contare vittime: merito di un’oculata ricostruzione e delle opere di consolidamento generale del patrimonio immobiliare eseguite dopo i terremoti del 1979 e del 1997-’98.


Ma Norcia è un’eccezione della quale non ci si può vantare. Amatrice, Accumoli, Arquata del Tronto e ora Ischia testimoniano che l’Italia, quando la terra trema, è ancora indifesa. E lo è addirittura proprio in quelle zone che i terremoti del passato, remoto e recente, ci hanno palesato come i territori a maggior rischio.


Una realtà imperdonabile per un Paese che ha tutta la tecnologia necessaria e si considera tra i più sviluppati al mondo e che, invece di polemizzare sulle virgole da apporre alla magnitudo di un terremoto che dovrebbe far parte dell’“ordinarietà sismica” del suo territorio, dovrebbe vergognarsi di essere ancora incapace di proteggere i suoi cittadini e il suo patrimonio perfino di fronte a un movimento tellurico di media entità.


Ormai è chiaro che ci vuole un piano nazionale di consolidamento antisismico serio, organico e da condurre su vasta scala e che, oltre che agevolato, è necessario imporre, senza eccezioni.


Ovvio che per mettere in sicurezza l’intero Paese non basteranno pochi decenni. Ma, se non si comincia subito, il traguardo resterà sempre lontano. E l’Italia, intanto, di terremoti di entità paragonabile a quello di Ischia continuerà ad averne decine ogni anno, intervallati, di tanto in tanto, da botte anche molto più forti.

Sergio Casagrande
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

Maire Tecnimont, nuovo traguardo per progetto russo Amursky

San Pietroburgo, (askanews) - Nuovo passo di Maire Tecnimont nel progetto da 3,9 miliardi di euro, Amursky Gas Processing Plant, per il ritrattamento del gas che la società italiana ha firmato lo scorso anno e che sta portando avanti in Russia nella regione orientale di Amur per il gruppo Gazprom. Maire Tecnimont ha siglato a San Pietroburgo, nell'ambito del Forum economico internazionale, ...

 
Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Iveco Bus pronta alla sfida della sostenibilità nel Tpl

Torino, (askanews) - Si è svolta all'Innovation Park di Torino la seconda tappa del Mobility Innovation Tour, l'iniziativa articolata in cinque incontri in altrettante città italiane, nata per analizzare modelli di sviluppo sostenibile per il trasporto pubblico mettendo a confronto tutti gli attori coinvolti: istituzioni, aziende di trasporto pubblico locali e produttori di mezzi pubblici. ...

 
Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Barilla lancia Winparentig: essere genitori risorsa per l'azienda

Milano, (askanews) - Quando parliamo di famiglia e lavoro tendiamo a usare verbi come conciliare, trovare un equilibrio che nascondono una deformazione culturale, come se i genitori fossero costantemente alla ricerca di una difficile convivenza tra queste due sfere della vita quotidiana. Nei fatti diventare mamme o papà può essere una opportunità anche sul lavoro, come sanno in Barilla dove è ...

 
Altro

Milano ancora in rosso con banche, vola lo spread

Le Borse europee tengono, mentre Milano perde ancora terreno sulle incertezze legate al nuovo esecutivo Lega-M5S. L'indice Ftse Mib cede l'1,54%; lo spread tra Btp e Bund sale a 206 punti base e torna ai livelli segnati nell'aprile. Debole Parigi -0,11%, in progresso Londra +0,18% e Francoforte +0,65%, male Madrid -1,70% sul rischio di instabilità politica. A Piazza Affari tonfo per il comparto ...

 
Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Lo spettacolo

Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Torna il mercoledì del Teatro Virginian di Arezzo (in via de' Redi) che alza nuovamente il sipario sul suo ricco fuori stagione, ciliegina sulla torta di una stagione di ...

14.05.2018

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

La rassegna

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

Torna il festival di teatro spontaneo. Bramosie sessuali, sentimenti intensi e qualche risata per lo spettacolo “Ferdinando” di venerdì 18 maggio, alle ore 21,15 presso il ...

14.05.2018

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Pieve Santo Stefano

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Dalla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze all’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano per raccontare un ventennio di cambiamenti e trasformazioni che ha segnato l’Italia: ...

14.05.2018