Guerra nel mondo della movida per un marchio

AREZZO

Guerra nel mondo della movida per un marchio

12.01.2017

0

Guerra nel mondo della movida per un marchio. Sentenza del Tribunale delle imprese dà ragione ad una giovane imprenditrice che anni fa ha ideato un logo e una denominazione legata ad eventi per le serate in discoteca. La controversia finita nelle aule di giustizia è nata con un locale che ha iniziato ad usare il marchio dopo l'interruzione della collaborazione con l'imprenditrice. La donna, assistita dall'avvocato Monica Giommetti, si è rivolta al Tribunale delle imprese che, analizzata la complessa vicenda, ha emesso il 10 gennaio una sentenza che inibisce il locale, pena sanzioni, a utilizzare sui social e nella comunicazione il segno distintivo riconosciuto come creazione della giovane.

ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 12 GENNAIO

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Milano, il Papa visita una famiglia di musulmani: ''Ha bevuto il latte con noi''

Karim Mihoual e sua moglie Hanane Tardane abitano all'interno delle Case Bianche di via Salomone a Milano con i loro tre figli. In occasione della sua visita in città, Papa Francesco ha bussato alla loro porta: "Io sono musulmano, ma per me lui è un santo. Ha bevuto il latte con noi e abbiamo parlato della nostra condizione qui nelle case popolari. Quando è andato via gli ho baciato la mano", ...

 
Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Il Teatro Mecenate di Arezzo

SPETTACOLO PER BAMBINI

Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Termina la rassegna Altre Danze_Portiamo i ragazzi a teatro!, ideata dall’Associazione Sosta Palmizi e rivolta ai bambini, agli adolescenti, alle famiglie e alle scuole. L’ultimo ...