Cerca

Lunedì 23 Gennaio 2017 | 21:56

AREZZO

Banca Etruria a Ubi: fatta l'offerta, il 17 gennaio l'ok

Ubi punta a Banca Etruria, Marche e Carichieti

La sede di Ubi a Bergamo

Banca Etruria a Ubi Banca. Tante volte il passaggio è stato annunciato, ora ci siamo davvero. Il consiglio di sorveglianza di Ubi, su proposta del consiglio di gestione, ha approvato e inviato al Fondo di Risoluzione l'offerta vincolante: obiettivo l'acquisto del capitale delle "good bank": le nuove Banca Etruria, Banca Marche e Carichieti. Closing dell’operazione nel primo semestre del 2017. Prezzo simbolico 1 euro. Le banche venderanno pro-soluto circa 2,2 miliardi di crediti deteriorati lordi (1,7 miliardi di sofferenze lorde e 500 milioni di inadempienze probabili lorde). Il Fondo di Risoluzione, infine, dovra' impegnarsi a ricapitalizzare le tre banche per 450 milioni prima del closing. Ubi Banca da parte sua si impegna a lanciare un aumento di capitale di 400 milioni di euro. Previsto per oggi, 12 gennaio, l’annuncio ufficiale da parte della banca guidata da Victor Massiah. L’operazione salvataggio prevede questi passaggi: formalizzata l’offerta, è stata inviata all’azionista unico, Banca d’Italia, in veste di Autorità di risoluzione. Decide il direttorio. Riunione martedì 17 gennaio. Quel giorno dovrebbe arrivare l’ok. Serve comunque l’autorizzazione di Bce. UBI Banca (Unione di Banche Italiane) è un gruppo bancario italiano, quinto per numero di sportelli, nato il 1º aprile 2007 dalla fusione fra Banche Popolari Unite e Banca Lombarda.

 

Più letti oggi

il punto
del direttore