Cerca

Domenica 22 Gennaio 2017 | 02:38

AREZZO

Oro sparito per 4,2 milioni: fissato processo a vigilante

Sparito con l'oro, il pm: "Appropriazione indebita"

Il furgone Securpol e Di Stazio

Fissato il processo al vigilante arrestato per il maxi furto di oro: 120 chili di metallo e un valore di 4,2 milioni di euro. Il 2 marzo Antonio Di Stazio comparirà davanti al giudice monocratico di Arezzo. I difensori Marco Treggi e Daniela Paccoi stanno definendo la strategia da adottare e l'eventuale rito alternativo da chiedere.  Per ora l'ex guardia giurata che si allontanò col furgone Securpol non ha collaborato con gli inquirenti e la sua azione è avvolta nel mistero. Possibili colpi di scena. L'istituto di vigilanza Securpol è parte civile con l'avvocato Antonio Bonacci. Non si è mai scoperto se il vigilante fedifrago che ha fatto il colpo del secolo l'11 luglio a Badia al Pino ha agito da solo o per conto di altri, e dove è andato a finire il metallo per essere fuso e riciclato.

ARTICOLO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA E ON LINE DEL 14 GENNAIO

Più letti oggi

il punto
del direttore