Oro dei furti fuso arrivava a tre ditte aretine: un arresto

AREZZO

Oro dei furti fuso arrivava a tre ditte aretine: un arresto

15.02.2017

0

L'oro dei furti nelle case arrivava a tre ditte di Arezzo. Un procacciatore d’affari aretino di 44 anni arrestato - F.A., 44 anni - e perquisizioni in tre aziende del distretto: Arezzo era un punto focale nei traffici della maxi organizzazione smantellata dalla Guardia di Finanza di Torino e dedita al riciclaggio di oro provento di furti nelle abitazioni piemontesi e di rapine. Il Nucleo Tributario ha concluso una indagine che ha permesso di scoprire il flusso di metallo prezioso: circa 800 chilogrammi di metallo per un giro d’affari di svariati milioni. Le ditte aretine dove confluivano le verghe aurifere sono risultate estranee al disegno criminoso:compravano senza conoscere la provenienza del metallo, che veniva “ripulito” grazie alle fatture di una società 'cartiera' con sede in Ungheria. L’aretino finito in cella a San Benedetto, incensurato, stando agli inquirenti avrebbe avuto un considerevole peso nell’ambito dell’organizzazione perché faceva da mediatore tra i riciclatorie una delle tre aziende orafe che compravano le verghe.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI AREZZO IN EDICOLA DEL 15 FEBBRAIO 2017

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

La video ricostruzione dell'omicidio di Alatri

Così è morto Emanuele Morganti, il ventenne di Alatri massacrato di botte nella notte tra venerdì 24 e sabato 25 marzo. La ricostruzione dei fatti, dallo scontro nel locale al pestaggio in strada. Testi di Corrado ZuninoAnimazione di Paolo Samarelli

 
Alla scoperta del Teatro Petrarca

VISITE GUIDATE

Alla scoperta del Teatro Petrarca

Alla scoperta del Teatro Petrarca con le visite guidate del Centro Guide Arezzo e Provincia grazie alle quali i partecipanti potranno vedere e scoprire il Teatro, la sua storia e ...