Spende on line 7.000 euro per un trattore, ma è una truffa

SANSEPOLCRO

Truffe on line, smascherati mamma e figlio

13.02.2018 - 13:55

0

Truffavano utenti di internet desiderosi di fare acquisti a buon mercato. Un uomo ed una donna, madre e figlio, residenti al confine tra umbria e toscana, nella zona di Sansepolcro, sono stati smascherati dalla polizia. Le indagini dell’Ufficio Anticrimine del Commissariato di Polizia di Sansepolcro sono scattate dopo che un cittadino di Sansepolcro è caduto in trappola. L’uomo a gennaio, attratto da un annuncio su un noto sito, aveva deciso di acquistare l’ultimo modello di una nota marca di cellulari ad un prezzo vantaggioso e dopo una trattativa su una piattaforma di messaggistica istantanea di un noto social ed alcune telefonate aveva versato 600 euro su una carta poste pay.                                         

L’ignaro acquirente ha pagato quindi il prezzo pattuito, senza però mai ricevere il telefono acquistato, perdendo poi ogni contatto con il venditore che non rispondeva più alle sue chiamate. Con il passare dei giorni la vittima ha realizzato di essere stata truffata e si è decisa così a presentarsi al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sansepolcro.

Le indagini consentivano di appurare quasi subito che il malcapitato era purtroppo solo una delle innumerevoli vittime del disegno criminoso che madre e figlio avevano messo in atto. Dall’esame dei movimenti della sola carta di credito indicata dalla vittima, risultava che negli ultimi giorni erano state almeno altre cinque le persone cadute nella rete dei truffatori, con una media di 600 euro di guadagno illecito ogni due giorni; i malcapitati sono residenti nelle città di Arezzo,  Ravenna, Bologna, Ancona e Cesena.

Sentiti tutti i truffati, gli inquirenti hanno raccolto elementi e i filmati delle telecamere di videosorveglianza posti in prossimità dei bancomat dove risultavano essere state prelevate le somme di denaro. E' così scattata la perquisizione sfociata nel sequestro della carta di credito e di tutto il materiale utilizzato per le truffe. Oltre ai cellulari, gli altri oggetti delle truffe on line erano scarpe, materiale informatico, vestiti ed altro, per un giro di affari ancora da quantificare.

I due, B.N. di anni 27 e P.S. di anni 52, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso Tribunale di Perugia per il reato di truffa aggravata in concorso.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Milano (askanews) - Si sono guardati e sorrisi a lungo, poi si sono presi per mano e così si sono scambiati le promesse di matrimonio: il principe Harry d'Inghilterra e Meghan Markle sono diventati marito e moglie nella cappella di St George del castello di Windsor. La sposa, arrivata in auto con la madre Doria, è entrata da sola in chiesa, seguita dai 10 paggetti e damigelle, tra cui i ...

 
Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Lo spettacolo

Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Torna il mercoledì del Teatro Virginian di Arezzo (in via de' Redi) che alza nuovamente il sipario sul suo ricco fuori stagione, ciliegina sulla torta di una stagione di ...

14.05.2018

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

La rassegna

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

Torna il festival di teatro spontaneo. Bramosie sessuali, sentimenti intensi e qualche risata per lo spettacolo “Ferdinando” di venerdì 18 maggio, alle ore 21,15 presso il ...

14.05.2018

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Pieve Santo Stefano

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Dalla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze all’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano per raccontare un ventennio di cambiamenti e trasformazioni che ha segnato l’Italia: ...

14.05.2018