Banca Etruria, Rosi: "Ora serve lo sforzo di tutti"

Lorenzo Rosi, presidente Banca Etruria

L'INTERVENTO

Banca Etruria, Rosi: "Ora serve lo sforzo di tutti"

30.12.2014 - 16:35

0

Ecco l'intervento di fine anno del presidente di Banca Etruria, Lorenzo Rosi:

«L’Europa sta vivendo, ormai da molti, troppi, anni la crisi più grave dal dopoguerra: la globalizzazione dei mercati e gli stili di vita insostenibili sul piano dei consumi individuali e collettivi hanno destabilizzato e forse minato alle fondamenta l’equilibrio su cui era nata la Comunità europea delle origini. Per uscire dalla crisi e immaginare una nuova stagione di ben-essere e civiltà, occorre ripartire da un nuovo patto per l’Europa, un patto di comunità sulla e per la finanza, una vera e propria riforma strutturale che si richiami ai valori e allo spirito dei suoi padri fondatori. Ripartire dal passato, dal patrimonio di valori insito nella nostra ricca tradizione culturale, da quell’economia civile, intesa come “scienza del bene vivere sociale”, che l’abate economista Antonio Genovesi aveva ideato secoli fa, a mio parere, può diventare la bussola per orientare il nostro operato verso una nuova forma di economia, un’economia con l’anima, secondo la felice definizione dell’economista Luigino Bruni.
Siamo di fronte a difficoltà straordinarie dell'economia mondiale. E, come sappiamo, difficoltà straordinarie impongono risposte straordinarie. E’ l’indirizzo che ha intrapreso il Governo e nella stessa direzione si muove anche il mondo imprenditoriale e finanziario: non limitarsi alle restrizioni di bilancio e alla contrazione delle attività, ma assumere quelle misure che, per quanto dolorose, possano consentire di gettare le basi per un nuovo percorso di crescita. Che la crescita sia qualcosa che non appartiene solo al passato, ce lo dicono numeri che vengono da lontano, dagli Stati Uniti, che hanno ritrovato ritmi di sviluppo che non si vedevano da oltre dieci anni. Un rinnovato sviluppo che può trovare la sua declinazione anche in questa terra di Toscana, antica, ma ancora ricca di vitalità, potenzialità e risorse. In particolare l’anno lasciato alle spalle è stato uno dei più difficili dal dopoguerra, per l’economia italiana in generale e per il nostro territorio in particolare. Non possiamo permetterci, e non vogliamo, che l’anno nuovo che sta per iniziare gli assomigli ancora e non mostri invece segnali di cambiamento e novità.
Per il settore bancario il 2014 è stato anche l’anno dei test europei, della continua rettifica del valore degli asset, dell’insistente richiesta al mercato di nuove risorse di capitale. Su questo fronte non sembrano esserci più molti margini. Occorre mettere mano a interventi strutturali, che vadano a incidere all’origine delle difficoltà che abbiamo conosciuto in questi anni, eliminando le criticità che hanno inibito quello che è il motore stesso della crescita: la produzione di reddito duraturo nel tempo. Per quanto riguarda Banca Etruria, come molti altri istituti, queste criticità sono sostanzialmente due: il fardello dei crediti problematici e una struttura dei costi purtroppo non più sostenibile a fronte di una redditività limitata.
Prima che l’anno si chiudesse, siamo voluti intervenire con decisione su entrambi, per affrontare il 2015 su una base nuova, fin dal primo giorno. Il nuovo modello organizzativo di Banca Etruria riguarderà sia le filiali che il Centro Direzionale di Via Calamandrei e ci permetterà di essere più efficienti e maggiormente attrattivi ai fini del processo aggregativo futuro. Al contempo, la creazione di una divisione interna alla banca per la gestione dei crediti deteriorati consentirà di aprirci a un nuovo potenziale business concentrandoci in parallelo sull’attività core dell’industria bancaria: generare più reddito impiegando capitale in modo profittevole a favore di famiglie e imprese. Farlo ora significa gestire direttamente noi questa riorganizzazione. Rinviare avrebbe voluto dire lasciarlo ad altri, all’entità con cui andremo ad aggregarci. Dovrà essere uno sforzo collettivo che, ovviamente, vedrà la banca in prima linea, ma che avrà bisogno della comprensione, del supporto e della vicinanza del nostro territorio, a cominciare dalla città di Arezzo. Un territorio cui la banca ha dato molto in questi anni, facendosi carico di un impegno sociale, anche al di là della sua missione industriale. Penso in particolare anche alla valorizzazione del nostro inestimabile patrimonio artistico, culturale e turistico, che abbiamo contribuito a conservare e a far conoscere sia come Banca che grazie all'impegno della Fondazione Ivan Bruschi, con una continuità e una lungimiranza istituzionale e politica prima ancora che creditizia. Ne hanno beneficiato l’intera città e il territorio, le famiglie, le imprese. Ora serve lo sforzo di tutti per il bene comune: creare le condizioni per riprendere a crescere e scegliere quotidianamente la Banca del territorio.
Siamo convinti che i nostri sforzi e sacrifici non saranno vani e verranno un giorno premiati. Una convinzione che nasce dall'aver impostato, con l’umiltà e l’audacia necessarie, l'unica 'retta via' da percorrere, insieme ai nostri soci, dipendenti e clienti.»

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Usa, sparatoria Baltimora: 3 morti e 2 feriti, è caccia al killer

Usa, sparatoria Baltimora: 3 morti e 2 feriti, è caccia al killer

Edgewood (Maryland), (askanews) - Tre persone sono state uccise e altre due ferite, nel corso di una sparatoria avvenuta in una zona industriale poco distante da Baltimora, negli Stati Uniti. L'assassino sarebbe stato identificato e sarebbe in fuga: si tratterebbe di un 37enne afroamericano, Radee Labeeb Prince, che ha aperto il fuoco con una pistola. Il sospettato e le vittime sono tutte ...

 
Bankitalia, Visco a sorpresa a commemorazione economista Caffé

Bankitalia, Visco a sorpresa a commemorazione economista Caffé

Roma, (askanews) - Il giorno dopo il via libera della Camera alla mozione Pd che ostacola il rinnovo di Ignazio Visco al vertice della Banca d'Italia, il governatore in carica si presenta - a sorpresa per i giornalisti perché il suo nome non figura tra i partecipanti ufficiali - alla commemorazione dell'economista keynesiano Federico Caffè nella sede di Sioi a piazza Venezia a Roma. Nelle ...

 
I sex toys in ultima puntata programma di Rai2 "Giovanni e Sesso"

I sex toys in ultima puntata programma di Rai2 "Giovanni e Sesso"

Roma, (askanews) - E' dedicata ai sex toys, alla pornografia su internet e alle app per incontri l'ultima puntata di "Giovani e sesso", in onda su Rai2 il 18 ottobre, alle 23.30, viaggio di Alberto D Onofrio nell universo giovanile. Con stile observational, neutrale, privo di ogni tipo di giudizio, D Onofrio non cerca risposte ma racconta storie. Quella di una stylist che ha deciso di aprire un ...

 
A teatro "La strana coppia" con Claudia Cardinale e Ottavia Fusco

A teatro "La strana coppia" con Claudia Cardinale e Ottavia Fusco

Roma, (askanews) - Arriva a teatro "La strana coppia", commedia di Neil Simons, riadattata al femminile con protagoniste due artiste d'eccezione: Claudia Cardinale e Ottavia Fusco, un progetto registico di Pasquale Squitieri, con il quale entrambe hanno condiviso un pezzo molto importante della loro vita sentimentale. Lo spettacolo, la cui regia è stata eseguita da Antonio Mastellone, debutterà ...

 
Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017

Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017

Colin Firth diventa italiano

Concessa la cittadinanza

Colin Firth diventa italiano

Colin Andrew Firth ha ottenuto la cittadinanza italiana. Lo rende noto il ministero dell'Interno. Il famoso attore, premio Oscar per il film "Il discorso del re", ha sposato ...

22.09.2017