Anna Lapini eletta presidente Confcommercio Toscana

Arezzo

Anna Lapini eletta presidente Confcommercio Toscana

12.02.2015 - 12:02

0

L’aretina Anna Lapini è stata eletta all’unanimità presidente regionale di Confcommercio Toscana. Un plebiscito che arriva con una votazione a scrutinio segreto, come previsto dallo Statuto dell’organizzazione degli imprenditori del commercio, del turismo e dei servizi, a sancire ancora di più la forza di una nomina che conferma la credibilità personale della presidente dell’Ascom di Arezzo.

Con questa elezione la Lapini riceve inoltre un’autorevole investitura che le consente un’importante proiezione in vista del prossimo rinnovo degli organi nazionali della Confcommercio, previsto per marzo. Anna Lapini, che siede già da tempo nel consiglio nazionale della più importante associazione di categoria del terziario, ha infatti buone chance di essere nominata addirittura nella giunta esecutiva, l’organo ristretto che ne decide le politiche.

Classe 1955, sposata con due figli, alle spalle studi di matematica all’Università di Firenze, Anna Lapini è titolare di un noto negozio di design e oggettistica per la casa nel centro storico di Arezzo.

Presidente della Confcommercio della provincia di Arezzo dal 2012, è stata la prima donna a ricoprire tale carica in Toscana , poi seguita dalle colleghe presidenti di Pisa e Grosseto. Sotto la sua presidenza e con la direzione di Franco Marinoni, la Confcommercio aretina ha raggiunto il primato nazionale per trend di crescita, con +124% di associati nel quinquennio ed il più alto indice di penetrazione (cioè il rapporto fra imprese esistenti e imprese iscritte).

Fra gli altri incarichi, quello di membro di Giunta della Camera di Commercio di Arezzo, per la quale dal 2004 riveste anche il ruolo di presidente del Comitato per l’Imprenditoria Femminile. È proprio nella rappresentanza sindacale femminile che la Lapini ha esordito costruendosi una carriera solida e apprezzata a livello nazionale: alla guida del Gruppo provinciale aretino di Terziario Donna Confcommercio per due mandati dal 2001 al 2011, dal 2006 al 2011 ha affiancato a questo impegno la carica di vicepresidente nazionale e, dal 2011, quella di presidente regionale del Gruppo.

Tra le sfide che la attendono ora nel suo nuovo incarico regionale, e nelle proiezioni nazionali, la fase esecutiva del progetto di riorganizzazione della Confcommercio in Toscana per macro-aree, che l’associazione sta portando avanti come progetto pilota a livello nazionale e che dovrebbe vedere il superamento della tradizionale impostazione su base provinciale e la conseguente trasformazione in cinque macro-aree interprovinciali. Ci sono poi da vincere la sfida del credito, per sostenere l’approvvigionamento finanziario delle imprese attraverso una serie di accordi con le principali banche del territorio, e quella dell’innovazione, per traghettare perfino i settori più tradizionali del terziario toscano, come il commercio, innestandoli con le nuove idee creative che vengono dal web e dalla riscoperta del marketing territoriale.

“Ringrazio tutti i colleghi che, all’unanimità, mi hanno voluto alla guida regionale”, ha dichiarato la neoeletta Anna Lapini, “il consenso di tutto il sistema, nessuno escluso, era infatti la condizione sine qua non che avevo posto per accettare questo importante incarico, che devo riuscire a coniugare con la gestione della mia azienda. Sono infatti convinta, e questo è un punto fondamentale del programma che ho presentato anche a livello nazionale, che le organizzazioni di categoria funzionino se c’è una netta distinzione di ruoli fra la tecnostruttura, che deve essere affidata a professionisti capaci e intraprendenti, e la dirigenza “politica”, che deve essere espressa da imprenditori veri, che come si suol dire tutte le mattine “alzano la serranda” del negozio. Altrimenti, si rischia di perdere il contatto con la realtà che invece dobbiamo rappresentare. Sono altrettanto convinta dell’importanza di una rotazione ai vertici, e quindi del rispetto del limite del doppio mandato previsto nello statuto ma troppo spesso disatteso. Se il direttore infatti, è un professionista che ha la responsabilità della conduzione dell’ “azienda” Confcommercio e ne rappresenta la continuità, il presidente deve invece necessariamente svolgere un incarico a termine, che non può e non deve diventare un mestiere”.

Anna Lapini ha le idee chiare sulla natura del suo ruolo e le priorità da affrontare: “le piccole e medie imprese sono il pilastro della nostra economia, ma hanno sofferto troppo in questi anni, soprattutto quelle che, come il terziario che noi rappresentiamo, hanno a che fare solo con il mercato interno. È vero, il commercio ci ha dato tanto in passato e ora ci chiede altrettanto in termini di sacrifici, impegno, determinazione. Ma le amministrazioni locali e regionale in prima istanza, Governo ed Europa poi, devono ascoltare meglio e di più gli imprenditori e sostenerli nel recupero di una competitività degna delle sfide internazionali. Una Toscana, e un’Italia, senza terziario, è un paese che rinuncia alla sua spina dorsale”.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Gentile (Rfi): gelicidio imprevedibile, complicata prevenzione

Gentile (Rfi): gelicidio imprevedibile, complicata prevenzione

Bologna (askanews) - Il fenomeno del gelicidio che ha provocato ritardi sulla rete ferroviaria è un "fenomeno che si presenta in modo istantaneo" quindi "improvvisamente" ed è perciò "complicato" prevenire. Lo ha detto Maurizio Gentile, amministratore delegato e direttore generale di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi). "Le situazioni più critiche permangono tra la Liguria, il Piemonte e un po' ...

 
Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Le mascotte per Tokyo 2020 scelte dai bambini giapponesi

Tokyo, (askanews) - Sono iniziate nelle scuole elementari del Giappone le votazioni per scegliere le mascotte per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Fino al 22 febbraio 2018 i bambini di ogni scuola giapponese - nel paese come all'estero - potranno scegliere la mascotte preferita. Il vincitore sarà annunciato il 28 febbraio. Dall'orsetto lavatore al supereroe, gli organizzatori dei Giochi di Tokyo hanno ...

 
Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Letteratura al tempo del Web: O'Hagan testimone e scrittore

Milano (askanews) - Chi siamo noi: se lo chiede la filosofia da secoli, se lo chiedeva Paolo Conte e continuiamo a chiedercelo anche noi. A volte, nel sostanziale deserto di risposte, arrivano dai barlumi, imprevisti, di chiarezza. Succede, per esempio, con uno dei libri più interessanti usciti negli ultimi mesi: "La vita segreta" di Andrew O'Hagan, "tre storie vere dell'era digitale", recita il ...

 
Le prime immagini dell'esplosione di New York

Le prime immagini dell'esplosione di New York

Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. Scondo i media americani diverse persone sono rimaste ferite e una persona è stata arrestata. Le linee della metropolitana A, C ed E, che si incrociano nei pressi del luogo dove è avvenuta l'esplosione, sono state fatte evacuare.

 
Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017

Concerto di Natale all'Auditorium dell'ospedale San Donato

Arezzo

Concerto di Natale all'Auditorium dell'ospedale San Donato

La stagione concertistica all’ospedale San Donato di Arezzo volge al termine. L’ultimo appuntamento è in programma all’auditorium Pieraccini domenica 10 dicembre con il ...

08.12.2017