michele cucuzza bianco e nero

L'Unicef tende una mano ai giovani

13.01.2017 - 12:13

0

In tempi di disoccupazione giovanile crescente (39,4 %) un’iniziativa di formazione e lavoro per 83 ragazzi arriva dall’Unicef, il fondo delle Nazioni unite per l’infanzia finanziato da milioni e milioni di donazioni e conosciuto in tutto il mondo per le sue iniziative in difesa dei minori , dall’assistenza ai ragazzini sconvolti dai bombardamenti ad Aleppo alla cura dei più piccoli che approdano senza i genitori insieme agli altri profughi sulle nostre coste. “Garantiamo un anno di servizio civile, il percorso alternativo alla vecchia chiamata alle armi obbligatoria e che è tuttora previsto dalla legge, a giovani fino a 26 anni che abbiamo opportunamente selezionato” spiega Paolo Rozera, direttore generale di Unicef Italia: “6 ore al giorno nelle nostre strutture compensate con un rimborso spese e con la possibilità di proseguire l'esperienza nello staff professionale che affianca i nostri 4.500 volontari sparsi sul territorio nazionale. La scelta di questi giovani di dedicare un anno della propria vita a una onlus impegnata nel sociale costituisce un momento importante di crescita, un impegno che fa onore all'Italia e, crediamo, anche alla nostra organizzazione”. In maggioranza donne, per lo più laureate (ma non obbligatoriamente), provenienti da 32 province in buona parte meridionali, gli 83 volontari selezionati dall'Unicef con criteri piuttosto severi, basati su titoli e colloqui secondo quanto previsti da un apposito bando pubblico, si mobiliteranno su quattro progetti concordati con il dipartimento della gioventù del ministero del lavoro e delle politiche sociali che ne verificherà costantemente con ispezioni la qualità dello svolgimento. Il primo è intitolato “Cittadinanza attiva, ambiente e stili di vita”: “Vogliamo arrivare - chiarisce il direttore generale dell'Unicef - a far crescere i luoghi dedicati ai ragazzi, a ripensare gli spazi di città e comuni, e contemporaneamente a sviluppare abitudini adatte a una migliore qualità della vita di tutti.” Il secondo impegno dei volontari dell'Unicef ha un titolo evocativo: “Gioventù bruciata: droga, alcol e altre dipendenze”. E riguarda anche le schiavitù psicologiche più recenti, comprese quelle da palmare e da cellulare. In questo caso i giovani analizzeranno i problemi più evidenti nel loro territorio e, per arginarli, interverranno in collaborazione con gli enti locali. La finalità deI terzo progetto è dedicata ai “Diritti delle bambine e dei bambini” e viene svolto in collaborazione con le istituzioni locali e con le scuole perché i più piccoli imparino a farsi ascoltare dai grandi, a sentirsi liberi di esprimere la propria opinione, a partecipare. L'ultimo progetto è intitolato “insieme per i bambini e i giovani migranti” e ha per obiettivo l'inclusione sociale delle decine di migliaia di minori non accompagnati che, come si diceva, arrivano sempre più spesso in Italia insieme con gli altri migranti. “Un minore straniero ha gli stessi diritti di un bambino italiano, lo stabilisce la legge” - sottolinea Rozera: “Con l'educazione peer to peer, da pari a pari, i nostri ragazzi possono aiutare i piccoli profughi a imparare la lingua italiana, a fare sport, a sviluppare nei laboratori la manualità e le abilità necessarie perché non finiscano per rimanere emarginati”. Da sottolineare il fatto, secondo il punto di vista dell'Unicef, che mentre una parte dell'opinione pubblica e dei media non fa che lamentare l' “invasione” degli stranieri, una vasta area dei giovani italiani si sta attrezzando per fronteggiare fattivamente e in maniera costruttiva il fenomeno. A cominciare da chi partecipa alle attività della stessa Unicef: “Avere questa linfa nuova nelle nostre strutture - sottolinea Rozera - dà a noi stessi una spinta notevole. Sappiamo di formare i futuri leader della nostra società”. Prossima opportunità per chi fosse interessato a svolgere il servizio civile presso l'Unicef a luglio, quando cominceranno le nuove selezioni.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

LOVE DESIGN, la mostra mercato per la ricerca contro il cancro

LOVE DESIGN, la mostra mercato per la ricerca contro il cancro

Milano (askanews) - Le eccellenze del design Made in Italy al servizio della ricerca contro il cancro. Dal 20 al 22 ottobre torna a Milano, negli spazi della Fabbrica del Vapore, LOVE DESIGN, l'appuntamento in cui il grande pubblico potrà sostenere la ricerca oncologica acquistando prodotti e accessori di arredo di design, donati dalle aziende italiane che hanno aderito all'iniziativa organizzata ...

 
Premio Zanibelli, vince libro su rapporto madre-figlio e malattia

Premio Zanibelli, vince libro su rapporto madre-figlio e malattia

Roma, (askanews) - E' "Soffia forte il vento nel cuore di mio figlio", di Carolina Bocca, il vincitore del "Premio Zanibelli - Leggi in Salute", promosso da Sanofi e premiato all'Ambasciata di Francia a Roma alla presenza del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Un volume sul cammino impervio e drammatico di una madre che affronta l'adolescenza difficile del figlio. Ottantanove i titoli ...

 
"Ferdinando", identità sconvolte con Ruccello al Piccolo Eliseo

"Ferdinando", identità sconvolte con Ruccello al Piccolo Eliseo

Roma, (askanews) - Una baronessa borbonica, una parente povera, un prete ambiguo, un bel ragazzo che semina disordine: va in scena al Piccolo Eliseo a Roma "Ferdinando", capolavoro di Annibale Ruccello, ambientato nel 1870, viaggio nei meandri dell'individuo e dell'identità sessuale, ma anche nell'identità dell'Italia. La regista, Nadia Baldi: "ha questa capacità Ruccello in questo testo di ...

 
Il cast di "Ferdinando": Ruccello, che genio del teatro

Il cast di "Ferdinando": Ruccello, che genio del teatro

Roma, (askanews) - Se ne andò a soli trent'anni in un banale incidente d'auto. Era il 1986. Annibale Ruccello, napoletano, il cui capolavoro "Ferdinando" è in scena al Piccolo Eliseo, era uno dei grandi talenti contemporanei del teatro. Eccolo, nelle parole degli interpreti. Gea Martire è Donna Clotilde: "Il linguaggio di Ruccello è un altissimo linguaggio teatrale come solo i grandi drammaturghi ...

 
Berlusconi VS Sorrentino

Film e polemiche

Berlusconi VS Sorrentino

Dalla conferenza per appoggiare il referendum sull'autonomia in Lombardia e Veneto, Silvio Berlusconi coglie l'occasione di rispondere a una domanda sul nuovo film di Paolo ...

18.10.2017

Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017

Colin Firth diventa italiano

Concessa la cittadinanza

Colin Firth diventa italiano

Colin Andrew Firth ha ottenuto la cittadinanza italiana. Lo rende noto il ministero dell'Interno. Il famoso attore, premio Oscar per il film "Il discorso del re", ha sposato ...

22.09.2017