michele cucuzza bianco e nero

FUORI DAL VIDEO

Una vita da badante

13.10.2017 - 17:35

0

"Non vedo mio figlio, invalido, e le sue due sorelle da 11 anni: nel 2006 ho lasciato il mio paese, la Georgia, in cerca di un lavoro. Per 7 anni sono rimasta in Grecia, in Italia sono arrivata nel 2013 e sono ancora in attesa del permesso di soggiorno. Tutti i soldi che guadagno come badante, 800 euro al mese, li mando a casa. E non ho idea di quando tutto questo potrà finire”. Ha il cuore gonfio Ana Kitiashvili che si occupa stabilmente di un anziano a Noci, Bari. Per lei, a 63 anni, non c’è solo il dolore profondo per una separazione dai suoi così lunga: in agguato c’è anche il rischio della depressione che colpisce, nel nostro Paese, decine di badanti immigrate dall’Est, oltre che dalla Georgia, dalla Romania, dalla Polonia, dall’Ucraina. Donne che finiscono per fare i bancomat dei familiari distanti: sono loro l’unica fonte di reddito. Stessa sorte per le baby sitter straniere: si occupano dei figli degli altri mentre i loro sono lontani. Hanno un solo contatto con la famiglia, la sera, via Skype. La sindrome che colpisce queste donne immigrate è venuta alla ribalta nei mesi scorsi quando alcune di loro, sopraffatte dalla disperazione, si sono tolte la vita: una a Frigento, vicino ad Avellino, un’altra a Ariano Irpino, una terza ad Agerola, periferia di Napoli. Drammi individuali che non fanno notizia in un’Italia concentrata, non senza ragione, sugli sbarchi dei migranti considerati come un’emergenza troppo a lungo subìta. Ana per fortuna non si trova in uno stato di prostrazione così profonda, reagisce, anche se non riesce a riannodare i fili della sua esistenza: “dopo che mio marito è morto, 12 anni fa, nessuno dei miei figli è riuscito a trovare lavoro, né Caterina che oggi ha 44 anni, né Maya che ne ha 36 ed è madre di due ragazzini, il marito disoccupato pure lui, tanto meno Alexandre, 43 anni, invalido per i postumi cronici della poliomielite che ha avuto da bambino. Lasciarli è stata una scelta dolorosa ma obbligata. In Grecia non ho fatto in tempo a ottenere i documenti anche se ho tirato fuori 4mila euro: nel frattempo era arrivata la crisi. Speravo che in Italia i tempi fossero più brevi, invece, dopo 4 anni, non ho ancora avuto il permesso di soggiorno: in Puglia faccio la badante di un anziano di 93 anni che vive da solo ed è bisognoso di ogni tipo di assistenza, costretto com’è a muoversi con il girello. Non mi lamento, anche se, ogni volta che ho un problema di salute, un’influenza o la pressione alta, devo pagarmi dottori e medicine: la settimana scorsa una visita dal ginecologo mi è costata 120 euro. Il mio problema più grande è la famiglia lontana. La sera, parlare con i miei figli al telefonino, vedere i miei nipoti soltanto sullo schermo, è una gioia ma anche una sofferenza: ‘quando torni?’ mi chiedono tutti i giorni. Mi mancano: non è giusto vivere separati per così tanto tempo. Ma i miei figli in Georgia non hanno un lavoro, tocca a me faticare per tutti, fino a quando avrò la forza. Anche se il mio desiderio, quello che sento sempre dentro di me, è di tornare nel mio Paese, dalla mia famiglia”. Intanto, altre badanti reagiscono allo stress organizzandosi: “a loro serve una vita migliore qui, devono essere considerate donne, non macchine” dice Tatiana Nogailic di AssoMoldave, “potrebbero essere loro le figure fondamentali su cui puntare per il contatto tra mondi e culture diverse, per quel minimo di integrazione di cui c’è tanto bisogno”.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano (askanews) - E' grazie a scienza, tecnologia e alle sempre più evolute procedure di indagine che per i responsabili dei delitti è sempre più difficile rimanere impuniti. Oggi l'indagine scientifica ha assunto un ruolo fondamentale. Basti pensare che in uno degli ultimi casi di cronaca è bastato un singolo capello ritrovato sul luogo di un grave delitto di sangue per trovare e catturare gli ...

 
Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Los Angeles (askanews) - Una stella sulla Walk of Fame, la celebre passeggiata degli artisti a Los Angeles, per Dwayne "The Rock" Johnson. L'attore americano, ex culturista 45enne, reso celebre dai ruoli da duro in film come "Il re scorpione", "Fast & Furious" fino ai recenti remake di "Baywatch" e "Jumanji" si è aggiudicato l'ambito riconoscimento che consacra le più famose star di Hollywood. ...

 
Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Genova (askanews) - "È assolutamente un'importantissima conquista di civiltà". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando l'approvazione della legge sul biotestamento, a margine dell'assemblea di Dems a Genova. "Voglio ringraziare - ha sottolineato il Guardasigilli - tutti i parlamentari che hanno concorso all'approvazione di questo importante atto normativo che ci fa ...

 
Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Genova (askanews) - "Lavoriamo per dare un risultato chiaro perché credo che l'ipotesi di nuove elezioni o di larghe intese non sia nell'interesse del Paese". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando, a margine dell'assemblea di Dems a Genova, l'ipotesi di un Gentiloni bis in caso di una situazione di stallo dopo le prossime elezioni.

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017