Cerca

Mercoledì 22 Febbraio 2017 | 02:45

Ciclismo

Bimbo scrive al Noce e lui gli fa una sorpresa

Bimbo scrive al Noce e lui gli fa una sorpresa

Rinaldo Nocentini

“Caro Nocentini, scusa se ti dò del tu, ma in bici di solito si usa così! E io che mi chiamo Alex, ho 12 anni e vado in bicicletta, lo uso sempre”. Comincia così la lettera che un ragazzino di 12 anni della scuola media di Badia al Pino ha scritto a Rinaldo Nocentini, il campione di ciclismo. Il Noce è l’idolo di Alessandro che va in bici anche lui e “un giorno vorrei diventare come te, ma sarà un sogno inarrivabile, perché anche se faccio gli allenamenti, ho dei problemi alla schiena, infatti a volte mi fa male e sto crescendo abbastanza in altezza. Io comunque ci provo a seguire il mio sogno e non mi arrendo”. “Mai mollare”, replica Rinaldo Nocentini che appena ha saputo del tema-lettera del ragazzo ha voluto fargli una sorpresa. “Siamo andati alla scuola di Badia al Pino - racconta la moglie di Nocentini, Manola Feira - e quando Alex ha visto Rinaldo non ci credeva e quasi si è commosso”. Tutto nasce, appunto, da un tema assegnato a scuola alcune settimane fa. L’insegnante chiede ai ragazzi di descrivere uno sportivo al quale ispirarsi, al quale somigliare. La maggior parte ha descritto un calciatore. Alex no. A lui piacerebbe un giorno diventare Rinaldo Nocentini. “Il ciclismo professionista è uno sport molto duro - scrive Alessandro - che richiede molti sacrifici, ma sono sicuro che se tu potessi tornare indietro rifaresti tutto quello che hai fatto"...

SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 15 FEBBRAIO

Più letti oggi

il punto
del direttore