Il mistero del no a Vicenza

Le battaglie di retroguardia

15.01.2017 - 20:42

0

Di retroguardia è sicuro: un po’ meno sicuro è che sia una vera battaglia. Ma è così che associazioni di categoria, amministratori pubblici, politici vorrebbero far apparire i pannicelli caldi di dichiarazioni e timide richieste a pioggia all'amministratore delegato di Ubi Banca, Victor Massiah, il giorno dopo la proposta di acquisto di BancaEtruria & Co. al prezzo di un euro. Parole che arrivano dopo tre anni di silenzio sull'agonia prima e sulla fine dopo, di un motore finanziario, che per 125 anni, prima come Banca Mutua Popolare aretina, poi come Bpel, e infine come BancaEtruria, ha fatto da perno alla crescita economica della città. Una intera classe dirigente che si schiera in battaglia, quando ormai la guerra è persa. Le armi sono affilate quanto quelle di un esercito di sconfitti che chiede il rispetto della convenzione di Ginevra. Si vestono tutti da guerrieri, compreso chi esultò alla notizia del decreto "salvabanche" che il 22 novembre del 2015 espropriò delle loro azioni gli azionisti e azzerò il valore delle obbligazioni di BancaEtruria, per poi presentare, a 18 mesi di distanza dalla resa firmata a Palazzo Chigi, accorate richieste a chi ha acquistato BancaEtruria & Co. per un euro, a chi ammette, ci mancherebbe altro, di aver fatto un affare per la città di Bergamo, a chi annuncia una "razionalizzazione del personale" per dire che si comincerà con il taglio di 900 posti di lavoro, a chi anticipa un piano di "migrazione" delle filiali acquistate. Insomma a Ubi Banca, che ha già pronta la nuova insegna per le filiali che di BancaEtruria manterrà nel territorio. Sono le insegne del vincitore al quale la classe dirigente aretina chiede quello che il vincitore non potrà mai concedere più di quanto si concede ad un feudo: a cominciare dal mantenimento del centro decisionale in via Calamandrei. In realtà, quelle delle associazioni di categoria, amministratori pubblici, politici sono dichiarazioni di facciata nel tentativo di acquisire consensi tra le vittime di un disastro sociale, devastante quanto la cancellazione di 125 anni di storia economica costruita dagli aretini, e fino al 22 novembre del 2015 garantita dai 62mila soci espulsi dalla sera alla mattina. Ma al danno ora si aggiunge la beffa: che toglie ogni alibi alla classe dirigente della città che oggi si sorprende se Ubi Banca compra tre banche spendendo un euro. E' la stessa classe dirigente che, riunita a Palazzo Cavallo dall'allora sindaco Fanfani, nella primavera del 2014, quando BancaEtruria era alla ricerca non di un compratore ma di un partner, si ribellò con tutte le sue componenti, ad eccezione di Confindustria e dell'allora consigliere regionale Marco Manneschi, di fronte all'Opa amichevole della Popolare di Vicenza che offriva sì un euro, ma per ogni azione detenuta dai 62mila soci di BancaEruria. Lo fece in nome di un radicamento territoriale, che il partner vicentino avrebbe messo a rischio. Se non fosse per una ormai acclarata incapacità delle componenti sociali, economiche e politiche aretine di costruire un progetto comune per la città, il no del 2014 alla Popolare di Vicenza sarebbe un mistero. Che non può non pesare sulla fine di BancaEtruria venduta a un euro, oltre che sulla cancellazione di 62mila soci azionisti e sulle sofferenze degli obbligazionisti. E che diventa ancora più pesante per chi si è assunto la responsabilità del no a Vicenza senza consultare l'assemblea dei soci, o per chi all'Opa ad un euro in cambio di ogni azione posseduta si ribellò, nel momento in cui il Consiglio dei ministri, non più a guida Renzi, decreta il salvataggio, senza virgolette, con 20 miliardi di fondi pubblici, di tutte le banche a rischio di default come lo era Banca Etruria prima che in risoluzione ci finisse proprio perché a Bankitalia allora la commissione europea vietava l'utilizzo degli stessi fondi pubblici. Due pesi e due misure, è vero. Ma è anche vero che se fosse andata in porto l'Opa lanciata da Vicenza, da almeno due anni in via Calamandrei ci sarebbe un partner protetto, come gli obbligazionisti, dal ministero del Tesoro con 20 miliardi di fondi pubblici. Ed è anche vero che gli azionisti di BancaEtruria non sarebbero stati espulsi, se ne sarebbero andati da soli con un euro in tasca per ogni azione posseduta. E avrebbero perfino avuto l'opportunità di rientrare come soci di via Calamandrei aderendo all'aumento di capitale di un miliardo e 650 milioni nel frattempo andato in porto a Vicenza. Per ogni euro intascato dall'Opa avrebbero potuto acquistare 10 azioni della nuova banca: pazienza se invece di chiamarsi Ubi Banca si fosse chiamata Banca Popolare di Vicenza.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Nigeria, attacco di Boko Haram in un villaggio: almeno 5 morti

Nigeria, attacco di Boko Haram in un villaggio: almeno 5 morti

Tunhushe (askanews) - Almeno cinque persone sono state uccise e sei ferite in un attacco lanciato da militanti del gruppo jihadista Boko Haram contro Tunhushe, un villaggio del nordest della Nigeria, solo 6 km a nord di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, roccaforte storica di Boko Haram. Un kamikaze si è fatto esplodere vicino a un gruppo di residenti che domiva all'aria aperta. Poi i ...

 
In 10mila a Milano per la tavolata multietnica al parco Sempione

In 10mila a Milano per la tavolata multietnica al parco Sempione

Milano (askanews) - Oltre 10mila persone hanno partecipato, sabato 23 giugno 2018, alla tavolata multietnica organizzata al parco Sempione del capoluogo lombardo nell'ambito dell'inziativa del "Comitato insieme senza muri", in collaborazione con l'assessorato alle Politiche sociali del Comune. Un anno dopo la marcia antirazzista che aveva visto sfilare oltre 100mila persone, la nuova iniziativa ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018