BancaEtruria: tante stranezze, una sola fine

BancaEtruria: tante stranezze, una sola fine

03.12.2017 - 14:56

0

Come direbbe Renzi, BancaEtruria era solo una banchetta: di certo non era Lehman Brothers, la prima e unica banca americana fallita per i titoli tossici. Eppure sulla fine di BancaEtruria, quando siamo ancora solo all’inizio dei lavori della Commissione d’inchiesta sulle banche, ce n’è già abbastanza, e anche di più che sul fallimento del gigante finanziario americano, perché possa occuparsene il regista J.C. Chandor con un suo film, come Margin Call che racconta il dramma  Lehman Brothers e suoi risparmiatori.  Il regista non avrebbe neppure tanto da faticare per la sceneggiatura di BancaEtruria: gli basterebbe leggere  i fiumi d’inchiostro che in questi giorni scorrono sulle pagine di tutti i maggiori quotidiani italiani. Ci troverebbe una trama già fatta, ancora prima che la Commissione volti pagina per occuparsi di banche e non banchette,  con capitoli pieni di dubbi, stranezze, suspence. Strano,- come ha detto in commissione il pm di Arezzo, Roberto Rossi, è che Bankitalia abbia inoltrato a BancaEtruria un invito di integrazione con la Popolare di Vicenza che era in condizioni simili.  E a saperlo poteva e doveva solo Bankitalia. Che, però, ha fatto di più: ha dato l’ok a Bpvi per annunciare il 28 maggio del 2014 il lancio dell’Opa sul 90 per cento del capitale di BancaEtruria a un euro per azione, il 25,8 per cento in più della quotazione in Borsa nel giorno del lancio dell’offerta.  Fulmini e saette, ma questi per ora non sono ancora caduti nella Commissione presieduta da Casini, entrarono nella sala del consiglio di Palazzo Cavallo, presieduta dal sindaco Fanfani, per opporsi all’Opa di Vicenza a tutela del radicamento nel territorio della banca aretina  che aveva 130 anni di vita. Anche i fulmini e le saette di Palazzo Cavallo potrebbero far parte della sceneggiatura del prossimo film , insieme all’esultanza di chi il 22 novembre del 2015 festeggiò la firma appena apposta da Renzi e Padoan sul decreto salvabanche che in realtà segnava la fine di BancaEtruria, la cancellazione dei suoi 65mila azionisti, l’azzeramento delle obbligazioni, per finire con il radicamento di BancaEtruria nelle mani, non di Vicenza, ma di Bergamo.  Neanche una parola sull’Opa fecero in tempo a dire gli azionisti. Per loro parlarono presidente e vicepresidente  di BancaEtruria, Lorenzo Rosi e Pierluigi Boschi, che insieme al Cda respinsero al mittente l’Opa, che significa offerta di acquisto per contanti e non per scambio di azioni come una Ops. Respinta senza convocare l’assemblea dei soci che, per legge, era la sola che poteva decidere se accettare o no l’offerta di un euro per azione.  Che il no a Vicenza, come afferma nella sua citazione il commissario liquidatore di BancaEtruria, Giuseppe Santoni, abbia provocato un mancato introito di 212 milioni, è facile capirlo con la semplice moltiplicazione del numero delle azioni per un euro. Più strano il fatto che, prima di firmare il primo e unico bail in applicato in Europa a quattro banche, sia stato respinto, per timore di una reprimenda dell’Europa, il piano di salvataggio del Fondo Interbancario, con risorse  ritenute pubbliche ma che  sono poi servite a salvare proprio la Popolare di Vicenza e  Veneto Banca, senza contare Mps. Meno strano il fatto che sia successo in Italia, piuttosto che in Germania, dove con fondi pubblici erano state già salvate circa 300 piccole casse di risparmio. Non è l’Italia il Paese dei due pesi, due misure?

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018