Ad aprile giù le immatricolazioni, ma forse c'è la giustificazione

MERCATO AUTO

Fca mette il turbo e in Europa supera tutti

21.01.2018 - 16:55

0

Nonostante un dicembre in forte frenata, il mercato dell’auto accelera in Europa e infrange la barriera dei 15 milioni e mezzo di veicoli venduti. Per la precisione, secondo l’Acea, l’Associazione dei costruttori europei, nel 2017, sono stati 15.631.687. Una crescita, quindi, del 3,3 per cento rispetto al 2016 che, secondo Econometrica - Centro Studi Promotor, costituisce il 21 % di tutto il mercato mondiale.

Tra i cinque principali mercati del vecchio continente, Italia e Spagna vantano le crescite maggiori con, rispettivamente, un +7,9 e un 7,7 per cento. Seguono Francia (+4,7%) e Germania (+2,7%), che precedono il Regno Unito sceso di volumi per la prima volta in sei anni (-5.7%).
Per quanto riguarda gli altri mercati, da segnalare i buoni risultati dei paesi dell’est europeo che crescono quasi tutti con tassi a due cifre, mentre sicuramente degna di nota è l’impennata del mercato greco (+11,7%) e quella del mercato portoghese (+7,1%) che insieme ai mercati di Italia e Spagna sono stati particolarmente colpiti dalla crisi delle immatricolazioni innescata dal crollo dell'economia a cavallo tra il 2007 e il 2008.

Per quanto riguarda le case costruttrici, le performance migliori spettano a Fca che con i marchi Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep e Abarth mette la freccia in classifica e supera, conquistando il quarto posto, una delle eterne rivali dirette: Ford.
Il gruppo di Marchionne, tra l’altro, rispetto a tutte le concorrenti, può vantare l’incremento più alto, nell’intero 2017, di immatricolazioni: 1.044.714 (+5,2%).

Altro gruppo che ottiene un 2017 da incorniciare è Psa - Peugeot Citroen che, grazie all’avvenuto acquisto di Opel-Vauxhall, può ora salire al secondo posto della classifica delle vendite spodestando la connazionale Renault.

Il podio vede, comunque, saldamente in testa il gruppo Volkswagen (Vw, Audi, Seat, Skoda, Bentley, Bugatti, Lamborghini e Porsche) che ha chiuso un 2017 con consegne record: oltre 3,5 milioni di veicoli (+2,3%). Il gruppo tedesco, tra l’altro, ha ottenuto ottimi risultati anche nel resto del pianeta toccando i 10,74 milioni di veicoli globali (+4,3%) in barba a chi prevedeva un crollo a seguito del dieselgate.

 A proposito di dieselgate e di auto con motori diesel, dalle statistiche diffuse ieri emergono alcuni dati interessanti. Le auto a gasolio non fanno sicuramente paura agli italiani, visto che nel nostro Paese è stato registrato - anche in questo caso contrariamente a quanto era stato previsto da molti analisti - un aumento delle vendite del 7%. Ma impensieriscono sicuramente gli altri europei: -17% nel Regno Unito; -13% in Germania; -9% in Spagna; e -5% in Francia.

Gli analisti, intanto, guardano al futuro con grande ottimismo. Secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, a dare un “forte risalto alle prospettive di sviluppo del settore” c’è il fatto che “la fortissima innovazione tecnologica che ha caratterizzato l’automobile nell’ultimo decennio sta esercitando una forte attrazione sugli automobilisti e ancor più la eserciterà nei prossimi anni '20 con l’affermarsi dell’auto a guida autonoma”. E, come stanno dimostrando ormai molte case, da Mercedes a Volkswagen, da Bmw a Nissan, la guida autonoma ormai non è più roba da fantascienza, ma alla portata di tutti e di tutte le auto.


Più difficile, invece, ancora immaginare quale sarà il vero motore del prossimo futuro: l’ibrido (benzina e diesel) è in pole position, inseguito a ruota dall’elettrico e, a maggiore distanza, dal propulsore a idrogeno. Ma la vera partita, su questo circuito, si gioca sulle normative e sulle volontà politiche. E forse anche fuori dall’Europa, perché quel 21 per cento del mercato è lontano dalla maggioranza.

Sergio Casagrande

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Siria, pesanti raid del regime su Ghouta: morti almeno 44 civili

Siria, pesanti raid del regime su Ghouta: morti almeno 44 civili

Damasco, (askanews) - Una raffica di attacchi aerei siriani, razzi e colpi di artiglieria contro la Ghouta orientale, enclave controllata dai ribelli alla periferia di Damasco, ha provocato la morte di 44 civili. Lo ha annunciato l'Osdh, l'Osservatorio siriano dei diritti umani. Tra le vittime di questo pesante bombardamento, secondo l'ong, anche quattro bambini.

 
Spazio, il Presidente Mattarella riceve Nespoli e i vertici Asi

Spazio, il Presidente Mattarella riceve Nespoli e i vertici Asi

Roma (askanews) - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella nel pomeriggio del 19 febbraio 2018 ha ricevuto al Quirinale l'astronauta italiano dell'Esa, Paolo Nespoli, rientrato da poco sulla Terra dopo la missione di lunga durata dell'Asi sull'Iss "Vita". Con lui c'erano il presidente dell'Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston, il direttore generale dell'Asi, Anna Sirica e il ...

 
Meridiana diventa Air Italy: punta a essere il vettore nazionale

Meridiana diventa Air Italy: punta a essere il vettore nazionale

Milano (askanews) - Meridiana cambia pelle e diventa Air Italy. È la nuova compagnia aerea targata Qatar Airways, evoluzione del vettore sardo presentata a Milano nel corso di una conferenza stampa da Akbar Al Baker, Ceo del gruppo Qatar Airways, che da settembre 2017 detiene il 49% della compagnia Italiana tramite la holding AQA. Alisarda, in precedenza unico azionista di Meridiana e controllata ...

 
Economia

Borsa, prese di beneficio su Milano

Giornata di prese di beneficio sulla Borsa di Milano, che lascia sul terreno un punto percentuale, frenata da Fiat Chrysler, Ferrari e Mediaset, tra le più comprate la scorsa settimana. Le Borse europee sono deboli e scontano l’assenza di una guida come Wall Street, chiusa per festività. Il primo giorno di aumento di capitale non lascia scampo al titolo di Creval, che perde il 7 per cento del ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

La mostra a Casa Bruschi

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

"Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello", in mostra i gioielli ideati e progettati dagli allievi del master in Storia e Design del Gioiello dell'Università di ...

10.02.2018

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Stagione di prosa a Cavriglia

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Alla stagione del teatro comunale di Cavriglia proseguono gli eventi del cartellone di Fondazione Toscana Spettacolo. Sabato 17 febbraio alle 21.30  Ottavia Piccolo e ...

10.02.2018