Il Campidoglio e le sue oche

IN FONDO AL POZZO

Il cittadino-portiere Gianluigi Buffon

15.11.2017 - 11:52

0

Gianluigi Buffon è il portiere della Nazionale, anzi lo era, lui stesso ha detto che la partita con la Svezia è stata l’ultima con la maglia della Nazionale. La Nazionale, tout court, non c’è bisogno di aggiungere altro, per gli italiani la Nazionale è una sola. Alla fine dell’incontro, si è presentato al pubblico della tv, ci ha messo la faccia, come si dice, e piangendo ha dichiarato: "Dispiace non per me, ma per il movimento. Abbiamo fallito qualcosa che poteva essere importante a livello sociale".
Ha toccato Buffon un aspetto decisivo del calcio. In un momento difficile, all'ultimo passo di una carriera gloriosa in azzurro e dopo una partita che ha chiuso il capitolo dei mondiali, ha ricordato quanto questo sport conti nel nostro Paese, ben oltre l'aspetto strettamente sportivo.
Il calcio tutti ci riguarda, anche chi non si appassiona ai gol. Restando uno sport - oltre che un affare gigantesco, locale e globale - assolve anche a qualcosa di più, è un discorso diffuso, forse il più diffuso, una cultura trasversale alle generazioni, che produce e governa comportamenti, fonda identità e appartenenze, media tra individuale e collettivo, celebra un rituale in cui in tanti si riconoscono e che, solo per questo, costituisce un fenomeno che riguarda la tenuta stessa di una comunità e l'insieme dei valori in cui si riconosce. Il calcio? Ventidue giovanotti che su un campo di erba rincorrono un pallone? Sì, il calcio. Parliamo di un fenomeno che coinvolge milioni e milioni di persone, che canalizza energie, sentimenti, speranze, aggressività, fino all'estremo del tifo più virulento e, proprio per questa diffusione di massa, si offre a contenitore di spinte e pulsioni che non si restringono solo all'ambito pedatorio ma esorbitano nel costume e nella politica, oltre che - spesso - nella cronaca nera.
Ha detto Buffon: "Abbiamo fallito qualcosa che poteva essere importante a livello sociale". Voleva dire, in prima istanza, che la prossima estate gli italiani non avranno una squadra per cui tifare e che per un mese non dovranno sedersi davanti a un televisore per partecipare alla cerimonia più grande che prevede il calendario del calcio, il campionato del mondo che si terrà in Russia.
Ma la considerazione va oltre. Oltre anche certe sentenze della sociologia e della facile psicologia di massa. Dice di una consapevolezza che purtroppo spesso manca al calcio, ai suoi dirigenti come ai suoi attori, che non si ricordano del ruolo che questo sport assolve nella società, della valenza emotiva e della ricaduta che le sue vicende hanno sullo spirito di ciascuno e di tutti, sull'autostima stessa di un Paese, sull'orgoglio con cui ci si identifica, si parteggia e ci si riconosce in quella squadra chiamata a rappresentarci e a giocare anche con noi e per noi.
In questi casi di cocente delusione, si dice in coro che bisogna azzerare e ripartire. Ebbene, se c'è un punto da cui rimettere in moto il movimento e, appunto, ricominciare un percorso, nulla ci sembra più appropriato di questa matura considerazione del portiere della Nazionale. Nello stadio di San Siro, colmo come nei giorni fatidici, ha sentito che la festa era fallita, ha sentito il grido forte e appassionato dei tifosi, e ancor più si è trovato di fronte, con quel microfono che gli veniva porto, il vuoto che la sconfitta aveva aperto. Su cause e colpe - come in tutti i processi all'italiana e gli psicodrammi che portano con sé - ci sarà tempo per riflettere, ma nelle parole colme di lacrime del cittadino-portiere Buffon c'erano il senso della responsabilità e la confessione addolorata - rara - di chi ha mancato a un dovere civile.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Napoli (askanews) - Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha presenziato, in piazza del Plebiscito a Napoli, alla cerimonia del giuramento di 90 nuovi allievi della scuola militare della Nunziatella in occasione dei 230 anni dalla fondazione della prestigiosa scuola militare, voluta dal Re Ferdinando IV di Borbone il 18 novembre del 1787. Erano presenti anche il ministro della Difesa, Roberta ...

 
Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Parigi (askanews) - Il premier dimissionario libanese, Saad Hariri è stato accolto all'Eliseo dal presidente francese Emmanuel Macron, che gli ha riservato gli onori della Guardia Repubblicana, a sottolineare che per la Francia non si tratta di un premier decaduto, ma ancora in carica. Il 4 novembre 2017, l'annuncio delle sue dimissioni, aveva innescato le accuse che fosse trattenuto nel Paese ...

 
"Vasari, Jacone e la maniera bizzarra" alla Casa Museo Bruschi

La mostra

"Vasari, Jacone e la maniera bizzarra" alla Casa Museo Bruschi

Alla Casa Museo di Ivan Bruschi di Arezzo inaugurata la mostra “Vasari, Jacone e la maniera bizzarra”. All’apertura dell’esposizione, che sarà visibile fino al 18 febbraio ...

18.11.2017

"Fifty/Fifty": collettiva del Cenacolo degli Artisti Aretini

La mostra

"Fifty/Fifty": collettiva del Cenacolo degli Artisti Aretini

Dal 19 al 29 novembre 2017 l’Atrio d’onore della Provincia di Arezzo, con entrata da via Ricasoli 44/46, ospita “Fifty/Fifty”, concorso e mostra collettiva di pittura ...

18.11.2017

Monologo su Maradona per aiutare il Thevenin

Arezzo

Monologo su Maradona per aiutare il Thevenin

Un monologo su Diego Armando Maradona per raccogliere fondi a favore di Casa Thevenin. Lo spettacolo di Michele Ruol, con la regia di Lorenzo Maragoni e la conduzione di ...

16.11.2017