La bara della nostra storia

La bara della nostra storia

20.12.2017 - 11:51

0

Non abbiamo una grande considerazione della nostra storia e la vicenda del rientro delle spoglie del Re Vittorio Emanuele III in Italia ne è un’emblematica conferma. In primo luogo i diretti interessati fanno di tutto per farsi male da soli. Leggendo i giornali scopriamo di dissidi fra le sorelle Savoia di una che decide il trasporto senza dire nulla all’altra, del marito di una delle medesime che parla di collezione da completare al Pantheon? Insomma, una bega familiare, l'ultima di tante in cui i rami dei Savoia si sono esibiti negli anni, e una dinastia regale assimilata all'album delle figurine dei calciatori o alla raccolta dei francobolli. E che dire del fuoco di sbarramento automatico contro la possibilità di una tumulazione nel Pantheon che si è levato dalle postazioni più diverse, tutte certo con una loro giustificazione, l’Anpi, l’Istituto Storico della Resistenza, la comunità ebraica di Roma, il sindaco della Capitale, il Presidente del Senato? Scempio inammissibile, inopportunità, profonda indignazione, al massimo un gesto di compassione. Tutto ciò, alla fine, è solo colore, cronaca, riflesso condizionato su cui forse non varrebbe nemmeno soffermarci se non stessimo parlando una cosa molto seria e che tutti - proprio tutti - ci riguarda, il rapporto tra noi e la nostra storia, il nostro essere alla fine di un tragitto di secoli e millenni che ci ha prodotto così come siamo, con tutte le contraddizioni, i problemi, i paradossi ricorrenti, i luoghi comuni che ci caratterizzano. La bara di Vittorio Emanuele III solleva, e di questo almeno gli va dato atto, la questione della nostra memoria storica. Il problema è che ci svegliamo all'improvviso, che occorre una scossa esterna e occasionale per guardare all’indietro e lo facciamo sull’onda della polemica immediata, senza nemmeno provare a saltare di livello, a fare cioè di un accadimento contingente lo spunto per una riflessione più larga e profonda. Cosa percepiscono le generazioni più giovani di questa rissa? Già a scuola faticano a entrare in contatto con il tempo che li ha preceduti e, una volta fuori, sono in tanti che hanno lacune estese se solo vengono messi di fronte all’8 settembre, al 25 luglio, alla marcia su Roma, alle leggi speciali, alla prima e pure alla seconda guerra mondiale, ai vent'anni venti del regime fascista. Non dico di andare più indietro, Risorgimento, Unità d’Italia, Rivoluzione Francese, la scomposizione secolare della penisola in pezzi che hanno dovuto attendere il 1861 per mettersi insieme. Credo che se domandassimo in giro che era Vittorio Emanuele III riceveremmo risposte allarmanti. Non si tratta di colpevolizzare, piuttosto sarebbe il caso di fare un serio ragionamento sul modo in cui la storia - la nostra storia e quella del mondo, tanto per non essere provinciali - entra nei programmi scolastici. E’ possibile che uno studente, dopo cinque anni di elementari, tre di medie e cinque di superiori, esca dalle aule senza una mappa in testa di ciò che accaduto nei secoli e nei millenni? Dobbiamo aspettare che a ciò provvedano wikipedia e qualche navigazione, per i volenterosi, fai da te? E poi i luoghi comuni! Possibile che non si riesca ad accendere un dibattito storico-culturale serio e che ci si ritrovi sempre presi in una guerra per bande mediatico-politiche? Possibile che non si riesca a mettere in piedi un lavoro di contestualizzazione e di conoscenza, senza ridurlo a dove piazzare una bara? Il sangue e il dolore della storia non sono un ostacolo, ma una ragione in più per cominciare finalmente a capire.

guidobarlozzetti@tin.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Il 24 giugno cade tabù in Arabia Saudita: sì a donne al volante

Il 24 giugno cade tabù in Arabia Saudita: sì a donne al volante

Riad, (askanews) - L'Arabia Saudita, l'unico paese al mondo a vietare la licenza di guida alle donne, farà cadere questo tabù domenica 24 giugno. Una riforma storica per il regno ultraconservatore, accusato di una crescente repressione contro gli attivisti per i diritti umani. Annunciata nel settembre 2017, questa decisione è stata voluta dal principe ereditario Mohammed Bin Salman e fa parte di ...

 
Nel Grafene una proprietà che rivoluzionerà le comunicazioni

Nel Grafene una proprietà che rivoluzionerà le comunicazioni

Milano (askanews) - Scoperta nel grafene una straordinaria capacità che potrebbe portare a una rivoluzione nello sviluppo di dispositivi ottici miniaturizzati con lo sfruttamento di frequenze precedentemente inutilizzate per trasmettere su banda larga una grandissima quantità di dati in modo estremamente veloce. Nel maggio 2018, infatti, i ricercatori del progetto Graphene Flagship hanno mostrato ...

 
Agenzia Entrate: sanatoria cartelle? Se nuove norme le attueremo

Agenzia Entrate: sanatoria cartelle? Se nuove norme le attueremo

Roma, (askanews) - "Consentitemi di non rispondere a domande di questo tipo perchè mi sembra che sia nel campo delle dichiarazioni e delle ipotesi quindi attendiamo di capire le norme e poi come sempre, come Agenzia delle entrate, le attueremo". E' quanto ha risposto il vicedirettore dell'Agenzia delle Entrate, Paolo Savini, a chi domandava, a margine di un evento al Cnel, se annunci di nuove ...

 
Altro

Dalla Regione Lazio la prima legge su rider

Più diritti, più tutele, più innovazione in materia di salute e sicurezza per i lavoratori della gig economy. E’ questa in sintesi la proposta di legge sui ‘lavoratori digitali’, già approvata in Giunta, presentata dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. L’amministrazione parteciperà con uno stanziamento di 2 milioni di euro per il biennio 2019-2020.

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018