Date a Cesare ciò che è di Cesare

Date a Cesare ciò che è di Cesare

19.10.2014 - 15:33

0

La famosissima parabola di questa 29esima domenica durante l'anno è forse quella che ha avuto le esegesi e le interpretazioni più diverse, disparate e, per certi versi, opposte. Il contenuto è noto: per trarlo in inganno i Farisei chiedono a Gesù se è lecito pagare il tributo a Cesare. Si tratta di una domanda molto insidiosa, perché per un ebreo praticante pagare le tasse a un romano rappresenta una rottura della fedeltà alla tradizione. Già al tempo di Gesù l'invasione romana era considerata la decadenza del tempo e significata l'arrivo di un messia, in grado di liberare il popolo eletto dal giogo straniero. D'altra parte, una risposta negativa di Gesù avrebbe portato ad un'immediata reazione del procuratore romano, prendendo il suo atto come un'insubordinazione. Gesù dice: “Mostratemi la moneta del tributo. Questa immagine e l'iscrizione, di chi sono? Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.
Dopo aver segnalato che l'immagine sulla moneta è di Tiberio, figlio di Augusto, afferma con saggia chiarezza che il tributo bisogna pagarlo. Le interpretazioni si divaricano. Una certa lettura medievale tende a sostenere che il cristiano deve essere innanzi tutto un buon cittadino e che la spiritualità della Chiesa si occupa delle cose dell'altro mondo. Ma c'è una lettura diversa. Al potere di questo mondo spetta quel denaro al quale Gesù non sembra attribuire in molte pagine della Scrittura un grande ruolo, mentre le cose di Dio sono altre: ciò che il denaro non può comprare. Forse mai un'epoca come la nostra ha visto ascendere così tanto il valore della ricchezza. Non che la ricchezza non sia importante ma certamente mai nessun tempo come il nostro ha fatto della moneta la chiave di una vera idolatria. E a questa idolatria Gesù si oppone, confermando l'autoreferenzialità delle monete. Cesare batte moneta e torna a lui, ciò che davvero importa non può essere né comprato, né venduto. Nel nostro tempo sembra che l'umano sembra sopravanzato da banche e dalla finanza, in un punto di vista che alimenta i complottismi. Gesù apporta una luce di chiarezza: non vi è una verità di Dio che possa essere contrapposta alla concretezza di questo mondo, non c'è neanche una fredda moneta che possa interamente comprare una vita umana. Cesare è il padrone delle monete, Dio della vita e dell'uomo. 
Con la collaborazione di Andrea Grippo

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018