Dio non ci giudica in base alle opere ma sulla capacità di amare

Dio non ci giudica in base alle opere ma sulla capacità di amare

11.01.2015 - 15:51

0

Marco (Mc 1,7-11) non racconta nulla della nascita di Gesù, niente che ricordi l’infanzia, dice semplicemente che Gesù viene da Nazareth di Galilea, un paese sconosciuto, situato in una regione periferica e marginale: Gesù non rispecchia nessun parametro consolidato dalla tradizione ebraica circa il Messia.
Per Marco l’incarnazione è raccontata al Giordano, all’inizio della vita pubblica. Prima ancora del battesimo nel Giordano è il battesimo nella folla di peccatori che ci rivela l’umanità di Cristo e la sua missione tra gli uomini. Di lui non è detto nulla di particolare, Giovanni lo battezza come gli altri senza nulla dire: Gesù è uno come gli altri.
In greco il verbo baptizo significa immergere. L’immagine che Marco ci regala della “immersione” disturba non poco l'abitudine di far “emergere” Gesù dalla folla. Lo immaginiamo e lo abbiamo raffigurato diverso, negli abiti, nel volto, negli atteggiamenti.
Anche le icone e le pitture del battesimo di Gesù lo raffigurano solo, senza folla, con gli angeli che lo servono. Marco, invece, lo nasconde tra la folla come prima lo aveva nascosto a Nazareth. Gesù, dunque, va cercato nell’anonimato di una folla, con il volto di chiunque.
Si chiude oggi il ciclo liturgico natalizio.
In questa festa del Battesimo di Gesù, gli evangelisti narrano un fatto di estrema importanza. Gesù, per trent’anni, aveva condotto un'esistenza del tutto ordinaria nell’anonimato della casa e della bottega di Giuseppe, il carpentiere di Nazareth, che la gente riteneva fosse suo padre. L'uomo Gesù che esce dalle acque come tutti coloro che vi erano entrati a ricevere un battesimo di penitenza, ora diventa pienamente consapevole che Lui, e non altri, è venuto a battezzare? Non con acqua ma con lo Spirito Santo. La manifestazione è semplice ma profonda: una colomba evoca la presenza dello Spirito Santo e la voce del Padre riconosce in Gesù il Figlio per eccellenza, oggetto di inesprimibile amore. Il nostro vivere da cristiani è immerso in questa certezza: questo ineffabile amore del Padre per il Figlio che avvolge anche ognuno di noi.
Il Padre manifesta a lui il suo compiacimento, non per quello che Gesù ha fatto, si è solo messo in fila con gli altri, ma per quello che è, per la sua immersione nella condizione umana. Il compiacimento del Padre spinge Gesù verso una storia che è ancora tutta da vivere. Il compiacimento di Dio è tutto nella prospettiva, Dio si compiace nel Figlio per l’Amore che può riversare attraverso di lui su tutta l'umanità.
Dio guarda al futuro, a quello del Figlio come al nostro. Dio non si compiace di noi se siamo buoni o bravi, se abbiamo accumulato opere buone o riempito la nostra vita di devozioni, ma guarda all'amore che può riversare in noi, gratuitamente, e che crescerà, nonostante le difficoltà che dovremo superare, la fatica che ci frena, le fragilità ed il peccato. Perché attraverso di noi, il suo amore, si riverberi nell’umanità in cui siamo immersi.

con la collaborazione di Andrea Grippo

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018