Medici fiscali Anmefi, Giudice del Lavoro ci dà ragione su ricorso

12.06.2018 - 10:15

0

Roma, 12 giu. (AdnKronos Salute) - Esclusa dalle trattative finalizzate alla stipula della convenzione lavorativa tra l'Inps e i medici fiscali, l’organizzazione sindacale Anmefi, che raccoglie la maggior parte dei medici fiscali sindacalizzati, assistita dall'avvocato Anna Buttafoco dello Studio legale Fiorillo e associati di Roma, è riuscita ad ottenere quanto richiesto al Giudice del Lavoro. Con sentenza del 7 giugno 2018 il Tribunale di Roma, sezione Lavoro, ha difatti accolto il nostro ricorso, fa sapere Anmefi.

Un provvedimento "molto atteso dagli aderenti, che si erano visti esclusi a più riprese dal tavolo delle trattative per la convenzione della categoria, oramai scaduta da oltre un decennio ed auspicata dai ministeri competenti". La protesta, ritenuta valida dal Giudice, era montata quando Anmefi "era stata sostituita da sindacati che poco o nulla hanno a che fare con la categoria interessata, per una serie di interpretazioni ed errate applicazioni dell’Istituto rispetto all’atto di indirizzo in fatto di rappresentatività per i medici non dipendenti. L’esclusione, in una fase così importante e decisiva per il destino dei sanitari, tutti a convenzione e liberi professionisti, è stata ritenuta dal Giudice condotta 'antisindacale', poiché 'proprio in occasione di un momento così particolare della vita sindacale dell’Associazione e degli associati - e cioè la stipula della prima convenzione regolante il rapporto tra l’Inps e i medici fiscali - le organizzazioni sindacali rappresentative di questi ultimi sono state private del legittimo esercizio di trattativa e negoziazione con ripercussione evidente sia sull’attività in sé del sindacato sia sull’immagine dello stesso", si legge in una nota.

Da qui "la decisione del Tribunale perché l’ente desista da tale atteggiamento illegittimo, obbligando la ripresa delle trattative con la partecipazione di Anmefi, che a questo punto - rivendica il sindacato - sarà determinante per le successive azioni e per la redazione finale di una convenzione, oramai non più procrastinabile ed impossibile a realizzarsi senza che sia presente il sindacato maggiormente rappresentativo, sulla base del numero dei propri iscritti su base nazionale ed opportunamente documentato al giudicante".

Il presidente di Anmefi, Claudio Palombi, soddisfatto per il riconoscimento di quanto richiesto, ritiene i due aspetti della decisione "molto importanti per la storia della medicina fiscale e dei suoi iscritti, che finalmente vedranno la ripresa delle trattative, con la partecipazione ed innegabile incidenza della sua organizzazione sindacale su quanto si andrà a normare nell’immediato secondo i dettami ministeriali", conclude la nota.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018