Addio isole felici

Addio isole felici

16.12.2014 - 16:40

0

La ’ndrangheta sta vincendo la criminale corsa tra le tante forme di organizzazioni mafiose che soffocano l’Italia. Vince per la solidità della sua struttura clanica, fondata sui vincoli di sangue delle ’ndrine che hanno reso assai rare le collaborazioni dei singoli affiliati con la giustizia; vince in quanto ha saputo riconvertirsi meglio e più rapidamente delle altre mafie dal mercato dei sequestri di persona a quello della droga, dell’edilizia e del riciclaggio del denaro mettendo in relazione, grazie ai flussi migratori, la base locale con un sistema criminale globalizzato, dalla Germania al Canada, all’Australia; vince perché è stata capace di adattarsi come un guanto alla crisi economica nazionale, approfittando delle difficoltà che vivono alcuni settori, come quello delle costruzioni, asfissiato dall’irrigidimento dell’accesso al credito delle banche: e la debolezza chiama il bisogno di protezione e lì può scattare con maggiore incisività il ricatto criminale del prestito d’usura o la vera e propria truffa con false fatturazioni funzionali a ripulire il denaro sporco.

Sia chiaro: siamo davanti a una grande questione nazionale che ormai unisce, seppure con diversi gradi di intensità del controllo sociale, il sud e il nord della penisola. Di conseguenza, per quale ragione il cuore verde dell’Italia, l’Umbria, avrebbe dovuto costituire un’isola felice? E infatti non lo era. La scorsa settimana lo ha definitivamente rivelato l’operazione “Quarto passo” dei carabinieri del Ros, coordinati dalla procura antimafia di Perugia, grazie alla quale sono state arrestate oltre sessanta persone e sequestrati beni per trenta milioni di euro, a riprova delle “diffuse infiltrazioni nel tessuto economico sociale” dell’Umbria e dei “saldi collegamenti” con le cosche calabresi di origine. I reati contestati riflettono l’ampio spettro dei reati tipici dall’associazione mafiosa, una vera e propria “holding criminale”: dall’estorsione all’usura, dal traffico di stupefacenti allo sfruttamento della prostituzione e al condizionamento del settore edile, che in Umbria continua a vivere una fase recessiva sia nel comparto privato che in quello delle opere pubbliche. E’ significativo che i proventi illeciti della ’ndrangheta fossero reinvestiti, attraverso dei prestanome, non soltanto nei tradizionali settori dell’intrattenimento e della ristorazione, ma anche nei nuovi buisness del fotovoltaico e della green economy, ossia in uno dei pochi ambiti che, malgrado la crisi, tuttora gode di sovvenzioni economiche pubbliche. L’inchiesta umbra segue di pochi giorni quella romana ma una differenza tra le due realtà balza agli occhi. Se è vero che nella capitale l’accusa di mafia dovrà reggere il vaglio dei diversi gradi processuali e alcuni studiosi del fenomeno, come lo storico Salvatore Lupo, nutrono forti perplessità perché non è corretto definire come mafia qualunque sodalizio criminale, certamente nella vicenda romana colpiscono la commistione con la politica e con la pubblica amministrazione e la trasversalità dei legami (destra/centro/sinistra) posti in essere nella zona grigia del “mondo di mezzo”. In Umbria, invece, siamo certi di trovarci davanti a un sistema mafioso, ma l’inchiesta ha constatato l’assenza di legami con il mondo della politica e della pubblica amministrazione, come ha sottolineato il procuratore nazionale antimafia Federico Roberti, il quale ha aggiunto che anche “gli imprenditori hanno collaborato con gli inquirenti dando un segnale per altre regioni”. Un’ottima notizia che deve costituire un punto di orgoglio, ma al tempo stesso di rilancio dell’azione di lotta alla mafia su scala nazionale perché il pericolo peggiore, da parte della politica, come ha notato Roberto Saviano, è quello di far scattare un riflesso difensivo, che tende a sottovalutare o addirittura a negare il fenomeno per difendere il buon nome della propria terra. A questo proposito è stato importante che l’attuale Parlamento abbia per la prima volta introdotto nel nostro sistema penale il reato di autoriciclaggio, cioè il riciclaggio di denaro compiuto dalla stessa persona che lo ha ottenuto in maniera illecita e che costituisce da sempre un ponte invisibile, ma solidissimo tra la criminalità organizzata e la società civile. Questo è il ponte che deve essere abbattuto e le notizie provenienti dall’Umbria sono una speranza da non disperdere.

miguel.gotor@senato.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
Nigeria, attacco di Boko Haram in un villaggio: almeno 5 morti

Nigeria, attacco di Boko Haram in un villaggio: almeno 5 morti

Tunhushe (askanews) - Almeno cinque persone sono state uccise e sei ferite in un attacco lanciato da militanti del gruppo jihadista Boko Haram contro Tunhushe, un villaggio del nordest della Nigeria, solo 6 km a nord di Maiduguri, capitale dello stato di Borno, roccaforte storica di Boko Haram. Un kamikaze si è fatto esplodere vicino a un gruppo di residenti che domiva all'aria aperta. Poi i ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018