Italicum, rebus preferenze

Italicum, rebus preferenze

12.01.2015 - 11:43

0

La riforma della legge elettorale entra nella settimana decisiva: nei prossimi giorni si concluderà il dibattito generale al Senato, si inizieranno a votare gli emendamenti e il provvedimento dovrebbe essere approvato alla vigilia dell’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Si tratta di una legge fondamentale da cui dipenderanno le caratteristiche e la qualità della nostra democrazia nei prossimi anni ed è dunque decisivo farla nel modo migliore possibile. Ciò significa anzitutto rispettare la sovranità del Parlamento e le prerogative costituzionali dei singoli parlamentari perché il provvedimento non riguarda un singolo partito, o la maggioranza di un governo, ma tutte le forze politiche presenti in Italia. Il cosiddetto "Italicum", nell'ultima versione concordata dalle forze politiche, ha due aspetti positivi: per un verso, la previsione del ballottaggio, con una soglia per far scattare il premio di maggioranza sin dal primo turno elevata dal 37 al 40%, per rispondere a una giusta esigenza di governabilità; per un altro, le soglie di ingresso in Parlamento che, nella prima versione della legge elettorale, quella già votata alla Camera, erano troppo alte (8% per un singolo partito, 12% per una coalizione) sono state unificate e abbassate al 3%, un limite che garantisce i principii della rappresentatività e del pluralismo in cui si deve articolare una democrazia parlamentare a carattere maggioritario come la nostra.
Rimane, però, un grave limite che il Parlamento ha il dovere di risolvere e che riguarda le modalità di individuazione dei singoli deputati. L'"Italicum", con i suoi cento capilista bloccati dalle segreterie dei partiti, produrrà un Parlamento con circa il 60% dei deputati nominati dall'alto e il rimanente 40% di eletti con le preferenze. Ma attenzione: le preferenze sono un optional previsto soltanto per chi vince il premio di maggioranza perché una forza che conseguisse il 20% dei voti (e quindi non un piccolo partito, come scrive qualcuno) eleggerebbe con le preferenze soltanto due deputati, oltre ai cento capilista bloccati. Credo che questo meccanismo, escogitato specialmente per soddisfare le esigenze di controllo che Berlusconi vuole continuare a esercitare sul proprio gruppo parlamentare, sia un grave errore soprattutto in considerazione del fatto che siamo impegnati in un processo di riforma del bicameralismo perfetto, che deve proseguire e realizzarsi, in base al quale avremo una sola camera politica, un solo rapporto fiduciario con il governo e un senato composto da eletti di secondo grado. Una sola camera politica a cui spetterà anche l'elezione degli organi di garanzia costituzionale e che in questo modo rischierebbe di essere formata per oltre la metà dei suoi effettivi in base alla volontà di 3-4 "grandi nominatori", producendo un evidente squilibrio tra i poteri in favore dell'esecutivo e una vera e propria chiusura oligarchica della nostra democrazia. Questa serrata oligarchica consegnerebbe ai segretari dei partiti un potere senza uguali e per di più in una fase storica in cui è senso comune ritenere che le forze politiche abbiano smarrito la loro capacità di selezionare classi dirigenti adeguate e dopo la constatazione che dieci anni di nomine con il "Porcellum" hanno certamente peggiorato la qualità della rappresentanza parlamentare. Sbagliare è umano, perseverare sarebbe diabolico. Non a caso il Partito democratico, sia nella campagna elettorale del 2013, sia in quella delle primarie per l'elezione del nuovo segretario, con tutti i suoi candidati si è sempre impegnato nel superare il principio delle liste bloccate con l'obiettivo di restituire ai cittadini lo scettro della scelta dei propri rappresentanti. Un passaggio ineludibile per provare a riparare la frattura che si è aperta tra cittadini e istituzioni e che il "Porcellum" ha certamente aggravato producendo una doppia deresponsabilizzazione: dell'eletto, ma anche dell'elettore. Intendiamoci: il problema è rappresentato dalle proporzioni nominati/eletti previsto dall'"Italicum" e non dal fatto che sia presente un numero di candidati scelti dal segretario politico del partito perché è persino giusto riservare una quota della rappresentanza a esponenti della società civile e del mondo delle professioni che con la loro esperienza possano arricchire il Parlamento e che sarebbero penalizzati da una competizione di sole preferenze. Per questa ragione 37 senatori del Pd (oltre un terzo del gruppo del Senato) hanno presentato un emendamento di mediazione che concede a tutti i partiti, e non solo a quello vincitore, la possibilità di eleggere con le preferenze il 70/75% dei candidati e di nominarne il 25/30%. Auspico che il Parlamento possa approvarlo per migliorare l'"Italicum" e dare al Paese una legge elettorale più equilibrata, in grado di garantire non solo la governabilità e la rappresentatività, ma anche una migliore selezione delle classi dirigenti.
miguel.gotor@senato.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Usa: l'attentatore di NY voleva la vendetta per i palestinesi

Usa: l'attentatore di NY voleva la vendetta per i palestinesi

New York (askanews) - Voleva vendicarsi degli attacchi israeliani contro i palestinesi. Lo ha detto nel primo interrogatorio il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City. Una volta catturato e trasferito in ospedale - dove è stato curato per le ferite subite per l'esplosione del dispostivo rudimentale che ...

 
Macron a Trump: su clima ha responsabilità di fronte a storia

Macron a Trump: su clima ha responsabilità di fronte a storia

Parigi (askanews) - Il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato un appello al suo omologo Usa Donald Trump a ricordare la sua "responsabilità di fronte alla Storia" in relazione alla decisione di ritirare gli Stati uniti dall'Accordo di Patrigi sul clima, in un'intervista ieri alla CBS alla vigilia di un summit sullo stesso tema che si terrà nella capitale francese. "Ci sono più di 180 ...

 
Brucia la California, incendio più grande di New York

Brucia la California, incendio più grande di New York

Roma, (askanews) - Brucia la California: il più devastante degli incendi che abbiano mai colpito la California del Sud continua ad espandersi, alimentato dai forti venti, e interessa una superficie più grande di New York City. L'incendio Thomas nelle contee di Ventura e Santa Barbara ha carbonizzato 230mila ettari nel corso di una settimana, allargandosi di oltre 50mila ettari in un solo giorno. ...

 
Usa: trasporti tornano alla normalità dopo esplosione a New York

Usa: trasporti tornano alla normalità dopo esplosione a New York

New York (askanews) - E' tornata la normalità nel sistema di trasporti di New York City, mandato in tilt da un tentato attentato terroristico ad opera del 27enne Akayed Ullah. Il terminal degli autobus di Port Authority, tra la 42esima Strada e l'ottava Avenue, è stato riaperto così come le stazioni della linea metropolitana che avevano accesso diretto al terminal. Resta invece ancora ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017