Il Vangelo che serve all'Europa: oggi in Grecia, domani in Italia

Il Vangelo che serve all'Europa: oggi in Grecia, domani in Italia

06.07.2015 - 13:22

0

Gli occhi del mondo sono puntati sulla Grecia. Mentre scriviamo i risultati del referendum non si conoscono ancora, ma anche a prescindere dall'esito, dobbiamo avere la consapevolezza della posta in gioco e comprendere perché l'orologio della storia del futuro dell'Europa sta battendo la sua ora proprio adesso. Tsipras sarà sconfitto soltanto se ci sarà una vittoria dei "Sì" con largo margine: negli altri due casi (prevalenza dei "No", o successo di misura dei "Sì") si troverà comunque in vantaggio perché potrà continuare a governare rafforzato, oppure ricorrere a elezioni anticipate che con molta probabilità gli riconfermerebbero un mandato popolare pieno. In queste ore circola una lettura banalizzante del referendum, del tutto speculare a quella apocalittica che dà per inevitabile l'uscita della Grecia dall'euro: da un lato, riduce la vicenda a una normale trattativa tra Stati dell'Eurozona, creditori e debitori, ognuno dei quali fa i propri interessi nazionali nell'ambito di un comune contesto europeo; dall'altro, mette in evidenza come Tsipras, al di là della retorica e della propaganda, usi ogni mezzo per ridurre i debiti da pagare e per lucrare condizioni sempre più favorevoli per il suo Paese. Tale interpretazione riduttiva contiene elementi di verità, ma ha il limite di essere subalterna all'antichissima narrazione che vede opporre le formiche nordiche e tedesche, sempre rigorose e disciplinate, alle solite cicale mediterranee, sfaticate e disordinate, ma piene di astuzia, ovviamente levantina. Se per un attimo provassimo ad alzare lo sguardo, magari con il Vangelo in mano, la realtà apparirebbe immediatamente più profonda e articolata. Il Vangelo come una bussola per orientarci nel mare in tempesta, il Mediterraneo, ormai trasformatosi in cimitero senza sepoltura per migliaia di donne e di uomini senza nome che cercano in Europa la speranza di una vita degna di essere vissuta, ma anche crocevia e fronte dello scontro economico e politico che la Grecia simboleggia e rappresenta. "Chi è senza peccato scagli la prima pietra" si trova scritto nel Vangelo: e infatti, se siamo arrivati sin qui, è perché tutti i Paesi dell'Eurozona, Germania e Francia in testa, hanno tradito lo spirito del trattato di Maastricht, si sono rifiutati di salvare la Grecia quando sarebbe costato una manciata di miliardi, ma non lo hanno fatto perché c'erano da vincere le elezioni regionali in Germania, e la vigilanza delle istituzioni europee è stata tardiva e discrezionale. Quanti in questi anni hanno prestato denaro alla Grecia lo hanno fatto nella cinica consapevolezza di dare da bere a un ubriaco, ma lo hanno continuato a fare in cambio della vendita delle proprie merci e perché ne traevano profitto per le loro economie nazionali. Gli aiuti europei, il cosiddetto primo e secondo salvataggio, sono arrivati quando ci si è resi conto che la Grecia non era più in grado di pagare i debiti, ma i 250 miliardi investiti dall'Europa sono serviti in gran parte per far sì che le banche tedesche e francesi, che si erano troppo esposte, rientrassero del denaro imprestato, nella piena consapevolezza di speculare e di assumersi un rischio. Così facendo si è realizzata una vera e propria partita di giro a scapito dei Paesi mediterranei, a partire dalla Spagna e dall'Italia. Il nostro Paese, ad esempio, all'inizio della crisi greca aveva un'esposizione assai modesta nei riguardi del debito pubblico ellenico (circa 1,7 miliardi di euro), che ora sono saliti a ben 36 miliardi, non perché i soldi dei nostri contribuenti siano serviti a pagare le pensioni dei greci, come da più parti viene scritto, bensì a favore di chi improvvidamente aveva finanziato lo sviluppo dopato dell'economia greca per trarne il massimo profitto possibile. Sempre nel Vangelo (Matteo 6,12) si legge: "e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori". E ciò vuol dire che se ogni discorso sul debito implica una pena da scontare per reintegrate la giustizia, la misericordia di Dio nel condonarli è condizionata dalla nostra disponibilità a perdonare gli altri. La storia dell'umanità è sin dalle origini un'immane lotta tra ricchi e poveri, sfruttatori e sfruttati, creditori e debitori, ma se è vero che è giusto pagare i debiti, è altrettanto vero che non bisogna perseguitare e umiliare chi si trova nel bisogno, soprattutto se chi ha prestato il denaro era consapevole di compiere una speculazione e implicitamente metteva in conto che non gli sarebbe stato restituito integralmente. Purtroppo nell'analisi di queste vicende preferiamo essere senza memoria e storia: e non ci piace ricordare che nel 1953, ben 14 Paesi europei condonarono alla Germania il 50 per cento dei suoi debiti di guerra, una cancellazione che ha permesso il formidabile sviluppo tedesco successivo. Così anche fingiamo di non sapere che il dismorfismo europeo tra un nord atlantico e un sud mediterraneo non è un millenario difetto da correggere, ma è l'unico incrocio possibile, vitale perché perennemente in discussione, che consente di parlare a buon diritto di civilizzazione europea. Un'identità comune (antropologica, culturale, economica, religiosa) che mescola da sempre (attraendo e respingendo tra reciproci slanci di fiducia e abissi di diffidenza) i popoli della birra, del burro e della patata con quelli della vite, dell'olio e del grano, i campi aperti e quelli chiusi, l'aratro pesante e quello leggero, i protestanti e i cattolici, la bionda e la mora. Attenzione allora a non rivivere l'incubo di voler collegare direttamente le presunte attitudini naturali di un popolo alle responsabilità dei governi perché si sa come si comincia e non si sa come si finisce: abbiamo impiegato decenni a separare le colpe del governo nazista da quelle del popolo tedesco e sarebbe bene che tale generosità interpretativa non fosse dimenticata e venisse applicata ovunque e in modo equilibrato. Il punto è che in queste ore è in gioco un'idea di Europa e quel referendum vede contrapporsi (questo è l'errore compiuto da entrambi i negoziatori) da un lato l'economia, la finanza e la tecnocrazia, dall'altra la politica, la democrazia dei cittadini e l'autodeterminazione dei popoli. L'anomalia di Tsipras va spenta perché per la prima volta un'alleanza di larghe intese si è formata non per assicurare l'attuazione dell'ortodossia europea in materia di politica economica, ma per provare a metterla in discussione. E quindi in gioco non è tanto la moneta unica, ma l'Euro come ideologia in cui è consentita una sola politica economica che è più forte delle costituzioni nazionali e delle libere scelte politiche dei cittadini. La scelta è tra la resistenza all'austerità e l'inevitabile depressione economica per l'Europa meridionale, un pezzo di civiltà senza il quale l'Europa stessa non esisterebbe più. Per questo motivo la partita che si sta giocando in queste ore riguarda indirettamente proprio noi: oggi in Grecia, domani in Italia e sarebbe necessario esserne consapevoli e agire di conseguenza.

miguel.gotor@senato.it

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

A Spief dialogo e business, modello vincente di Conoscere Eurasia

A Spief dialogo e business, modello vincente di Conoscere Eurasia

San Pietroburgo, (askanews) - Conoscere Eurasia ha creato un modello di capacità nel dialogo sul business anche in periodo di sanzioni. Ed è riuscita a coinvolgere due nomi importanti del business europeo a Mosca. Parla Antonio Fallico, presidente di Conoscere Eurasia: "Io non vorrei essere molto presuntuoso. Sia Philippe Pegorier che Frank Schauff sono nel nostro comitato organizzativo e ...

 
Chiude sipario Spief, accordi per 38 miliardi e voglia di dialogo

Chiude sipario Spief, accordi per 38 miliardi e voglia di dialogo

San Pietroburgo (Russia), (askanews) - Si chiude oggi il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, dopo giornate molto intense di incontri e una partecipazione internazionale per certi versi, sorprendente. La Russia di Vladimir Putin è apparsa tutt'altro che isolata. Parterre di altissimo profilo, a iniziare dal presidente francese Emmanuel Macron, oltre al premier giapponese Shinzo Abe ...

 
Champions, tutto pronto a Kiev per la finale Real-Liverpool

Champions, tutto pronto a Kiev per la finale Real-Liverpool

Roma, (askanews) - Tutto pronto a Kiev per la finale di Champions League tra Real Madrid e Liverpool. Tifosi e festa per la città, ma non mancano le tensioni, cominciate ieri con scontri tra tifoserie che ha portato a diversi feriti all'interno della capitale ucraina. E' poi arrivata anche la minaccia del terrorismo, come riporta su Facebook Interfax. L'allarme è però rientrato subito.

 
Granelli: a Ronchetto talpe M4 pronte a partire

Granelli: a Ronchetto talpe M4 pronte a partire

Milano, (askanews) - Tutto pronto a Ronchetto per la partenza delle due talpe Tbm che in 12 mesi scaveranno la tratta ovest della M4 fino a Solari. L'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli che ha partecipato all'Open Day organizzato da M4 per permettere ai cittadini di vedere le talpe e visitare il cantiere. "Oggi - ha dichiarato Granelli - è un momento importante perché da ...

 
Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Lo spettacolo

Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Torna il mercoledì del Teatro Virginian di Arezzo (in via de' Redi) che alza nuovamente il sipario sul suo ricco fuori stagione, ciliegina sulla torta di una stagione di ...

14.05.2018

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

La rassegna

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

Torna il festival di teatro spontaneo. Bramosie sessuali, sentimenti intensi e qualche risata per lo spettacolo “Ferdinando” di venerdì 18 maggio, alle ore 21,15 presso il ...

14.05.2018

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Pieve Santo Stefano

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Dalla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze all’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano per raccontare un ventennio di cambiamenti e trasformazioni che ha segnato l’Italia: ...

14.05.2018