La candidata Nardone: "Questa città cade a pezzi"

Arezzo

La candidata Nardone: "Questa città cade a pezzi"

15.03.2015 - 12:02

0

"Interventi e inaugurazioni. Inaugurazioni e interventi. L’amministrazione comunale di Arezzo, come accade spesso ad ogni scadenza di mandato, sta rispolverando cantieri e lavori, senza rendersi conto ciò di cui la città ha davvero bisogno: la manutenzione. Questa è la parola d’ordine della mia lista, “Dalle chiacchiere alle soluzioni” – dichiara la candidata a sindaco Cristina Nardone – Il motivo è talmente evidente che non ci sarebbe nemmeno bisogno di spiegarlo: questa città cade a pezzi! E’ sotto gli occhi di tutti e i cittadini si lamentano per lo stato in cui versano strade, marciapiedi, parchi. E’ inutile inaugurare scatoloni vuoti e poi dove ti giri vedi buche come crateri, parchi abbandonati, marciapiedi pericolosi. Basta con le grandi opere la cui destinazione spesso resta vaga. Avanti invece con un programma serrato di manutenzione”.

Riguardo alle opere legate al Piuss, a distanza di diversi anni ancora su alcune di esse resta un punto interrogativo. E’ il caso del Polo digitale, che digitale lo è davvero, nel senso che non esiste nella realtà. Oppure la Casa delle Energie, la cui utilità è tutt’ora da chiarire. “Tutte queste inaugurazioni sono sospette, ma per fortuna i cittadini hanno ormai capito da un pezzo che questa amministrazione targata Pd ha sonnecchiato per anni e adesso, in fretta e furia, inaugura e taglia nastri come se non ci fosse un domani – commenta la Nardone – Tra le altre cose, le Logge del Grano sono state inaugurate ma sono chiuse. Di solito dopo l’inaugurazione, una struttura dovrebbe essere subito funzionante e fruibile. Invece qui si tagliano nastri e poi dobbiamo aspettare mesi e mesi per vedere le strutture in funzione. Chissà perché”.

C’è anche un’altra questione da non sottovalutare. “Se si realizza un’opera e ci si investe, magari accendendo un mutuo, sarebbe cosa buona che quell’opera fosse produttiva/redditizia. Bene, delle opere legate al Piuss quali sono realmente redditizie e produttive? Quante fanno girare l’economia aretina? E quante, viene invece da domandarsi, sono solo una bella facciata senza niente dietro? Soldi buttati? Il dubbio c’è, eccome” conclude la Nardone.

 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Dallo slow food allo slow drink, il gin punta sui giovani

Milano (askanews) - L'elogio della lentezza non più solo nel mangiare ma anche nel bere, dallo slow food si passa allo slow drink puntando a conquistare i giovani passando per il variegato mondo del cocktail. È la strategia di Star of Bombay, l'ultimo nato in casa dei produttori di gin del gruppo Martini Bacardi: un prodotto completamente rifatto con grande attenzione alla scelta degli ...

 
Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Super Vacanze di Natale, Ruffini celebra 35 anni di cinepanettone

Roma (askanews) - Un successo che dura da 35 anni. I film di Natale prodotti da De Laurentiis, dal primo "Vacanze di Natale" del 1983 all'ultimo "Dio salvi la regina", hanno incassato complessivamente 400 milioni, coinvolto più di 200 attori, e sono stati girati in 50 location, da Cortina D'Ampezzo a New York. Quest'anno, per celebrare il 35esimo compleanno del cosiddetto "cinepanettone", il 14 ...

 
Castello del Trebbio, dai Medici all'agricoltura biointegrale

Castello del Trebbio, dai Medici all'agricoltura biointegrale

Milano (askanews) - Nelle sue sale si progettò la Congiura dei Pazzi, poi fu confiscato dalla famiglia dei Medici e donato al vescovo di Fiesole: inizia così la storia del Castello del Trebbio, dimora del Rinascimento datata 1184, che ha attraversato 800 anni di storia, passando da maniero a fortezza militare, a tenuta agricola per la produzione di vino ed olio di alta qualità. Siamo nel Chianti ...

 
Esplosione a un terminal gas in Austria: 1 morto e 18 feriti

Esplosione a un terminal gas in Austria: 1 morto e 18 feriti

Roma, (askanews) - E' di almeno un morto e 18 feriti il primo bilancio dell'esplosione al terminal di gas di Baumgarten, nell'Est dell'Austria. Lo ha riferito la Croce rossa all'agenzia austriaca Apa dopo l'esplosione "seguita da un incendio", come ha precisato un portavoce della polizia Edmund Tragschitz, secondo cui la situazione è già tornata sotto controllo. In precedenza, tuttavia, la ...

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017