Manganelli e proiettili in Catalogna: la Spagna vergogna d'Europa

IL REFERENDUM INDIPENDENTISTA

Manganelli e proiettili in Catalogna: la Spagna vergogna d'Europa

02.10.2017 - 09:20

0

Tra Madrid e Barcellona nessuna delle due ha pienamente ragione. Ma di sicuro, da domenica primo ottobre 2017, è Madrid ad avere i maggiori torti. Il duro confronto nato sul referendum indipendentista voluto dalla Catalogna poteva essere facilmente evitato. E, fino alla vigilia del voto, sicuramente in maniera pacifica.

 

La questione, ormai, non poteva di certo finire in una bolla di sapone, ma sarebbe bastato che Madrid rinunciasse all’ostinazione per evitare lo scontro. Soprattutto perché era evidente dell’inesistenza di una vera maggioranza di catalani animata da forti voglie indipendentiste. Non va dimenticato, infatti, che il precedente referendum, quello del 2014, aveva portato ai seggi appena il 35,9 per cento dei residenti della Catalogna.

 

Ma Madrid, accecata dall’intransigenza, ha voluto usare il pugno di ferro. Con il risultato che oggi è proprio il governo centrale spagnolo ad uscire palesemente sconfitto. Anzi, lo è tutta la Spagna che, anche se non può essere annoverata tra i Paesi fondatori dell'Unione europea, è sempre stata tra i paladini dei suoi 6 principi fondanti e fondamentali: Dignità; Libertà; Uguaglianza; Solidarietà; Cittadinanza; e Giustizia.

 

Usare il manganello e i proiettili di gomma; irrompere nei seggi con squadre di poliziotti in assetto antisommossa; colpire i cittadini e calpestare il loro diritto di esprimersi sono scene troppo simili a certe realtà dittatoriali sudamericane e troppo lontane da quelle di un Paese europeo. Anche se è vero che le autorità di Barcellona, in questa vicenda, hanno palesemente peccato di demagogia esaltando malumori e rivendicazioni di quella che fino a ieri era una minoranza e che oggi, molto probabilmente, si è invece trasformata nella maggioranza dei catalani.

 

Proprio qui, in questa rabbia collettiva che da ieri si è fatta maturare in tutta la Catalogna, c’è un altro grave errore di Madrid. Errore che si unisce pure all’incapacità di sfruttare l’incredibile occasione offerta dalla Generalitat di Catalunya nel momento in cui, all’apertura dei seggi e presa dalla disperazione, aveva ingenuamente chiesto a tutti i catalani di votare in qualsiasi seggio. Sarebbe, infatti, bastato questo a invalidare la consultazione. E a risolvere la questione senza la violenza e con il placet dell’intera comunità internazionale.

 

Per quello che è accaduto a Barcellona, Girona, Lleida, Tarragona e in molte altre località della Catalogna, il governo di Mariano Rajoy ha grandi responsabilità. Mentre la monarchia spagnola fa un’altra grama figura dopo quella che portò alle dimissioni di Juan Carlos, visto il colpevole silenzio di Felipe, re di una Spagna che avrebbe meritato si sentir spendere almeno una parola dall’alto affinché il regno restasse unito nella garanzia della libertà di espressione.

 

Quando si calpesta la democrazia c’è sempre un perdente: chi lo fa sostenendo di essere democratico. Che, oltre ad essere perdente, è anche colpevole.

Sergio Casagrande

sergio.casagrande@gruppocorriere.it

Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Teheran (askanews) - Il vicegovernatore della provincia di Kohgiluyeh e Buyer Ahmad in Iran, ha comunicato che sono stati individuati i rottami dell'aereo di linea Atr-72 schiantatosi domenica 18 febbraio 2018, con 66 persone a bordo, in una regione montuosa nel Sud-Ovest del Paese, durante una tempesta di neve. Le ricerche dell'aereo sono riprese nella mattinata di lunedì 19 febbraio dopo essere ...

 
Battiston (Asi): futuro esplorazione spaziale deve essere globale

Battiston (Asi): futuro esplorazione spaziale deve essere globale

Roma, (askanews) - "Noi riteniamo che il futuro dell'esplorazione spaziale debba essere globale, coinvolgere tutti i Paesi che hanno capacità e investimenti importanti nello spazio abitato dagli uomini, la Cina e l'India tra questi. Senza questa collaborazione globale è praticamente impossibile pensare seriamente di andare su Marte in tempi brevi, in tempi ragionevoli, perché il costo di una ...

 
Macchine da scrivere, grafica e design: i 110 anni di Olivetti

Macchine da scrivere, grafica e design: i 110 anni di Olivetti

Roma, 19 feb. (askanews) - La mostra "Looking forward. Olivetti: 110 anni di immaginazione", fino al primo maggio alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma, celebra l'importante anniversario dell'azienda di Ivrea che ha segnato la storia del design, della grafica, dell'innovazione tecnologica e della comunicazione nel nostro Paese. Oltre 300 pezzi tra oggetti iconici, come la ...

 
"Il fronte delle donne" nel '15-'18: lo spettacolo al Vascello

"Il fronte delle donne" nel '15-'18: lo spettacolo al Vascello

Roma, (askanews) - Dov'erano e dove sono le donne che hanno partecipato al farsi della storia? Perché scompaiono così facilmente dalla memoria collettiva? Si tratta di una censura consapevole e voluta, oppure, cosa ancora peggiore, di un'incapacità quasi automatica di riconoscere autonomia al pensiero femminile? "Il fronte delle donne", in scena al Tetro Vascello di Roma dal 20 al 25 febbraio e ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

La mostra a Casa Bruschi

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

"Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello", in mostra i gioielli ideati e progettati dagli allievi del master in Storia e Design del Gioiello dell'Università di ...

10.02.2018

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Stagione di prosa a Cavriglia

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Alla stagione del teatro comunale di Cavriglia proseguono gli eventi del cartellone di Fondazione Toscana Spettacolo. Sabato 17 febbraio alle 21.30  Ottavia Piccolo e ...

10.02.2018