Dal 1850 la curva della temperatura globale a 'mazza da hockey'

Dal 1850 la curva della temperatura globale a 'mazza da hockey'

Dell'uomo la responsabilità dell'impennata del grafico, l'analisi nel libro 'La terra brucia'

11.06.2018 - 12:45

0

Roma, 11 giu. - (AdnKronos) - E' una curva della temperatura 'a mazza da hockey', quella che nel grafico frutto della ricerca dello scienziato Michael E. Mann, ripercorre il comportamento del clima dal 1850 a oggi. Cosa significa? Che fino al 1850, la curva della temperatura risulta essere praticamente piatta per poi mostrare un velocissimo incremento nel XX secolo in corrispondenza del periodo in cui si sono iniziati a usare carbone, gas e petrolio.

Per il fisico e climatologo, che per primo ha pubblicato la ricostruzione della temperatura media del pianeta nei secoli passati, la “mazza da hockey” (hockey stick) costituisce la base di dati essenziale per analizzare e modellare le cause del fenomeno del riscaldamento globale. Dal lavoro di analisi e modellazione successivo si è stabilito che le cause, con una probabilità del 95%, sono antropogeniche. Così, la hockey stick è diventata il simbolo della responsabilità umana nel riscaldamento globale.

I dati pubblicati da Mann sono stati raccolti grazie a un originale metodo statistico e utilizzando diversi indicatori, quali lo spessore degli anelli degli alberi, i gradienti termici del sottosuolo e la composizione isotopica, poi elaborati in un grafico pubblicato su Geographical Research Letters nel 1999, che ha stupito gli stessi scienziati (e destato scalpore e critiche feroci negli Stati Uniti).

A causa del suo lavoro di ricerca, Michael E. Mann ha subito numerosi attacchi personali dai sostenitori del negazionismo del cambiamento climatico, particolarmente numerosi e in crescita da quando negli Stati Uniti si è insediata l’amministrazione Trump.

“Nel mio lavoro – spiega Michael E. Mann - porto delle evidenze scientifiche del cambiamento climatico, espongo le ragioni per le quali noi dobbiamo occuparcene e gli effetti deleteri e assurdi dell’operare interessato di alcune figure pubbliche faziose, che tendono a confondere il pubblico, attaccando la scienza e gli scienziati e negando l’esistenza stessa del problema. Nonostante la portata del cambiamento che stiamo vivendo, particolarmente grave nell’era di Trump, io sono cautamente ottimista. Credo infatti che, nonostante tutto, prevarremo nella più grande battaglia che la civiltà umana ha mai combattuto, ossia quella per evitare gli impatti di un cambiamento climatico irreversibile”.

Mann sarà ospite al Muse - Museo delle Scienze di Trento, lunedì 18 giugno alle 21, nell'incontro promosso da Muse, Università di Trento e Provincia autonoma di Trento, con Novamont come main sponsor dell’iniziativa. Punto di partenza sarà il libro “La Terra brucia”, pubblicato da Mann assieme a Tom Toles del Washington Post per la casa editrice Hoepli.

Classe 1965, Michael E. Mann è climatologo e geofisico, professore di Meteorologia e attualmente direttore dell’Earth Systems Science Center presso la Pennsylvania State University. Attraverso l’uso di modelli teorici e dei dati storici osservati, le sue ricerche hanno contribuito alla comprensione scientifica del cambiamento climatico e delle cause che lo determinano.

È stato uno degli otto autori principali del capitolo "Observed Climate Variability and Change” del terzo rapporto di valutazione scientifica Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) pubblicato nel 2001. L'Ipcc ha riconosciuto che il suo lavoro, insieme a quello di molti altri autori principali e redattori di revisioni, ha contribuito all'aggiudicazione del Premio Nobel per la Pace 2007, che è stato vinto congiuntamente dall'Ipcc e da Al Gore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Sala: non demonizzare Salvini, Milano lo batterà con idee e fatti

Milano, 23 giu. (askanews) - "Le paure ci sono, tutti noi abbiamo delle paure, però Milano le paure le gestisce e non le butta addosso agli altri, Milano non ha paura della diversità perché sulla diversità ci costruisce il futuro, e non è una bella dichiarazione di principio perché Milano lo fa da 26 secoli ed è arrivata dove è arrivata, integrando e mettendo insieme le qualità di tutti noi. ...

 
Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Contemporaneo a 360 gradi, il freestyle invade Palazzo Grassi

Venezia (askanews) - Una grande rampa da skateboard dove, fino a qualche mese fa, troneggiava il demone colossale di Damien Hirst. A Palazzo Grassi a Venezia la cultura freestyle entra dalla porta principale in uno dei musei più importanti del mondo con la tre giorni di "Skate the Museum", evento collegato alla mostra del pittore tedesco Albert Oehlen, ma che vive di una vita e di un'energia ...

 
Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Immigrati, il sindaco di Riace: campagna di odio produce la morte

Reggio Calabria (askanews) - Nelle baraccopoli di San Ferdinando e di Rosarno non c'è rispetto dei diritti umani, c'è un degrado umano. Perché le autorità se ne accorgono solo quando succedono questi casi gravi e si continua a mantenere operative queste strutture quando si potrebbe benissimo fare l'ospitalità diffusa e utilizzare le case della piana e dei centri storici che non sono abitate. Non ...

 
A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

A Reggio Calabria la marcia di solidarietà per Soumaila Sacko

Reggio Calabria (askanews) - C'erano centinaia di migranti, lavoratori stagionali, sindacalisti ma anche tanti amministratori locali a Reggio Calabria, in occasione della manifestazione organizzata dall'Unione sindacale di base (Usb) per chiedere giustizia dopo l'omicidio di Soumaila Sacko, il bracciante del Mali ucciso a fucilate il 2 giugno 2018 mentre recuperava alcune vecchie lamiere in una ...

 
"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Cavriglia

"I pirati dell'isola che non c'è" al teatro di Piazza Berlinguer

Sabato 16 giugno alle 21 al Teatro Comunale di Piazza Berlinguer a Cavriglia si terrà l'atto conclusivo del corso di teatro promosso dall'Associazione Culturale Teatrale ...

15.06.2018

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Teatro

CastleTheatre porta in scena Don Chisciotte al Castello di Sorbello

Secondo e ultimo appuntamento di CastleTheatre, la nuova rassegna di teatro nei castelli ideata dall’associazione aretina rumorBianc(O). Domenica 17 giugno al Castello di ...

15.06.2018

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

LA RASSEGNA

Capitan Moscardelli si racconta al Passioni Festival

Penultima e attesa giornata del Passioni Festival venerdì 15 giugno al cinema Eden di Arezzo con due grandissimi appuntamenti. Il primo, alle 18,30, è quello con il capitano ...

15.06.2018