Mengo Music Fest, buona la prima. E stanotte arriva Cristina Donà

arezzo

Mengo Music Fest, buona la prima. E stanotte arriva Cristina Donà

09.07.2015 - 15:25

0

Buona la prima per il Mengo Music Fest. L'undicesima edizione del festival targato Music! ha radunato al Parco di via Alfieri (zona Tortaia) tantissime persone chiudendosi sulle note degli aretini Sycamore Age. E stasera, giovedì 9 luglio, si repilca. Mentre in San Francesco Mengo Cult porta la fumettista Nuke con il suo "Effetto Casimir", la line up, dalle 18, propone in via Alfieri: Digitale Purpurea, Ego e Lamente, per poi proseguire con Ronin, band a cavallo tra rock e post rock, poeti malinconici della world-music, o di un "patchanka" sfavillante di emozioni cupe, combriccola elegante di contaminazioni ritmiche, di arrangiamenti poderosi, di schitarrate vellutate. Prosegue la serata Giovanni Truppi, cantautore liricamente visionario ma concettualmente concreto, caustico ma attaccato alla vita ed alle sue bizzarre sfumature; capace di soffrire di amore e di sublimarne gli effetti con ironia feroce. Chiude il programma della serata il live di Cristina Donà, dalla metà degli anni ’90 una delle voci più originali della scena musicale italiana. Accanto a gruppi come i La Crus, gli Almamegretta, gli Afterhours o i Marlene Kuntz ha contribuito a definire una nuova stagione del rock di matrice mediterranea, riuscendo a conquistarsi il plauso di Robert Wyatt, David Byrne o Peter Walsh.

Di seguito l'intervista che Cristina Donà ha rilasciato al Corriere rimarcando l'importanza di eventi come il Mengo Music Fest.

Cantautrice eclettica, con una lunghissima esperienza e tanti palchi alle spalle, Cristina Donà è uscita l'anno scorso con il suo nuovo album "Così vicini" e sarà in tour insieme a Saverio Lanza e alla band al gran completo con il ritorno anche del suo storico batterista Cristian Calcagnile. "Sarà un concerto eclettico - anticipa Cristina Donà al Corriere - estivo, privilegeremo il nuovo album, ma ci sarà spazio anche per tanti brani del repertorio. Insomma, vi daremo una buona dose di energia". Un piacere per Cristina Donà partecipare al Mengo Music Fest. "Quando ho visto la data ad Arezzo - racconta - ne sono stata molto contenta. Il pubblico della Toscana mi accoglie sempre con tanto calore quindi sono entusiasta di venire a suonare da voi". E poi il Mengo Music Fest è una di quelle occasioni di cui la musica italiana ha bisogno. "Questi festival sono un'occasione molto importante per i gruppi emergenti - commenta la cantautrice - ormai i festival di questo tipo sono una delle poche occasione per chi decide di fare questo mestiere di misurarsi con il pubblico, di monetizzare anche, di sperimentare la risposta di chi sta dall'altra parte, gestire la propria attività artistica e promuoversi. Purtroppo però sono opportunità sempre più sporadiche, i pochi festival non bastano, occorrerebbe un circuito di locali come esistono in molti altri paesi. Invece purtroppo in Italia è sempre più difficile sperimentare. Ormai la musica è diventata un mestiere per chi se lo può permettere. Servirebbe un inversione di marcia, una nuova tendenza, la tv pubblica dovrebbe valorizzare di più chi tenta di emergere. Quando accendo la radio ripenso a quello che ascoltavo io negli anni '70 e mi accorgo che era tutta un'altra storia". Ma se il Mengo è una di quelle occasioni da cogliere al volo per tanti emergenti non resta che precipitarsi a Tortaia per una quattro giorni di musica tutta gratis con una line up che porta sul palco molto più degli emergenti. Per Cristina Donà si tratta di un ritorno. “Sono stata ad Arezzo nel 2003 – dice – ad Arezzo Wave. Poi ci sono tornata nell'edizione salentina di Italia Wave. Una grande espressione di quello che dicevamo prima”. Il Mengo, nel suo piccolo, segue la falsariga del Love Festival delle origini. “Ripartire dal piccolo è l'unica via per ridare fiato alla cultura – conclude Cristina Donà – Il pubblico è stufo, vuole qualcosa di nuovo, di diverso. Ha voglia di sperimentazione. E questi palchi sono il modo migliore per accontentarlo”. Bentornato Mengo Music Fest.

Il festival proseguirà venerdì con Blonde Redhead, M+A, Joycut, Melampus e tanti altri. Per la sezione Mengo Cult ospite Francesca Vecchioni. Sabato 11 luglio gran finale con Lo Stato Sociale.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Shirin Neshat, artista che racconta se stessa attraverso le donne

Shirin Neshat, artista che racconta se stessa attraverso le donne

Roma (askanews) - Shirin Neshat è una delle più importanti artiste del mondo, ha vinto il Leone d'oro della 48esima Biennale d'Arte con "Turbulent", e il Leone d'argento per la miglior regia alla Mostra del cinema con il suo primo lungometraggio, "Donne senza uomini". Nata in Iran 60 anni fa, attraverso i suoi lavori ha sempre denunciato gli integralismi religiosi e la condizione femminile nel ...

 
Orban: nei paesi con migranti cristianesimo perde il suo ruolo

Orban: nei paesi con migranti cristianesimo perde il suo ruolo

Varsavia, (askanews) - Il premier ungherese Viktor Orban ha dichiarato che "il cristianesimo sta perdendo il suo ruolo" nei Paesi che accolgono migranti ed è tornato a difendere i Paesi che rifiutano di accettare le "quote" di profughi da collocare in base ai piani Ue. "Non vogliamo diventare come questi paesi. Non vogliamo diventare paesi con migranti, non vogliamo una popolazione mista, non ...

 
Siria, a Raqqa imminente l'annuncio della vittoria sull'Isis

Siria, a Raqqa imminente l'annuncio della vittoria sull'Isis

Raqqa (askanews) - Ballano i soldati a Raqqa. Nell'ormai ex "capitale" dello Stato Islamico nel Nord della Siria "non ci sono più combattenti" dell'organizzazione terroristica e l'annuncio della vittoria avverà "non appena saranno terminati i lavori di bonifica". E' quanto riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani, una Ong con sede a Londra che conta su una vasta rete di attivisti in ...

 
Stop Glifosato, agricoltori francesi in piazza: Macron ci uccide

Stop Glifosato, agricoltori francesi in piazza: Macron ci uccide

Parigi, (askanews) - In Francia circa 200 agricoltori hanno bloccato gli Champs-Elysées per esprimere le loro preoccupazioni davanti al divieto governativo riguardante l'uso di prodotti fitosanitari, come il diserbante glifosato, che ritengono indispensabili per tutelare l'"eccellenza agricola francese". Tra gli slogan della giornata di protesta "Macron ci uccide". Damien Greffin, presidente ...

 
Sanremo: presenta Claudio Baglioni

Non solo direttore artistico

Sanremo: presenta Claudio Baglioni

Ormai per tutti era già una certezza, ma ora è ufficiale: Claudio Baglioni non sarà soltanto il direttore artistico di Sanremo 2018, ma anche il conduttore del festival che ...

22.09.2017

Ultimi giorni della videoinstallazione "Tristan's Ascension"

ALLA GALLERIA BRUSCHI

Ultimi giorni della videoinstallazione "Tristan's Ascension"

Dopo quasi 4 mesi di apertura termina la mostra che ha sancito la collaborazione tra Fondazione Ivan Bruschi e la Fondazione Strozzi di Firenze: sabato 16 e domenica 17 sono ...

15.09.2017

Morto l'attore Gigi Burruano

Aveva 69 anni

Morto l'attore Gigi Burruano

E' morto a 69 anni l'attore palermitano Gigi Burruano, aveva scoperto di essere gravemente malato qualche mese fa. Attore di teatro, cinema e tv, Burruano ha esordito al ...

11.09.2017