Buoi, barocci e majorette: sfila in città la Sagra di Ruscello

Arezzo

Buoi, barocci e majorette: sfila in città la Sagra di Ruscello

19.07.2015 - 13:10

0

Sfila la sagra di Ruscello. Come ogni terza domenica di luglio, tutti gli organizzatori scendono per strada. In coincidenza con lo svolgimento della Sagra - rievocazione della battitura e mietitura del grano - che si svolge appunto a Ruscello, a due passi da Arezzo, buoi, trattori, micce, barocci e majorette arrivano fino al centro della città. Immancabile Mauro Frosini a dirigere le operazioni con "l'ocio" Piersilvio in braccio, l'unico che non viene sacrificato nei pranzi e cene rigorosamente a base "d'ocio".
“Tutto questo lo facciamo - dice Frosini ideatore della sagra - perchè i bambini e i ragazzi di oggi possano rivevere quella che per noi ed i nostri avi era una grande festa: la mietitura e la battitura del grano. Un’occasione anche per ritrovarsi insieme e per mangiare quei cibi, ocio e coniglio, sognati durante tutto l’anno e concessi solo per le feste comandate di Natale e Pasqua .”
Una rievocazione che inizia in autunno quando viene fatta la semina a mano con il carro trainato dai buoi. Operazione a cui assistono ogni anno numerosi studenti delle scuole aretine. E poi da metà luglio la festa vera e propria attesa dagli alunni, che hanno partecipato alla semina, da tutto il paese di Ruscello, ma anche da tanti aretini che rivivono in questo modo i giorni felici e indimenticabili della loro infanzia. Stand gastronomici, che puntano molto sui piatti tipici della cucina aretina e della battitura: maccheroni fatti a mano “sporcati” con sugo d’ocio, ocio arrosto, colli d’ocio ripieni, coniglio e tante altre specialità. Non mancano poi pizze e antipasti. Subito dopo la cena, non certo dietetica, tutti in pista a ballare per smaltire le calorie in più e per divertirsi, tra un giro di liscio ed una battuta in aretino schietto. Sul palco le migliori orchestre italiane. Sabato 25 luglio concerto ad ingresso gratuito di Gigliola Cinquetti. Una festa che ogni anno aggrega centinaia e centinaia di aretini e che non si dimentica di fare solidarietà. “Tutto quello che incassiamo - spiega Mauro Frosini - lo diamo in beneficenza ad associazioni aretine. In 23 anni abbiamo donato un miliardo delle vecchie lire e tre ambulanze."
 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Di Maio a "Italia 18": Ora per fare notizia sbaglio i gerundi

Milano, (askanews) - "Guardi non fanno più notizia, sto iniziando a sbagliare i gerundi magari riesco a fare più notizia, visto che non parla mai del merito ma di queste cose. Tra l'altro a quei signori che hanno fatto i maestrini ho risposto che quella forma è corretta e lo dicono anche fior fiore di persone che si occupano di grammatica. Vedo sempre questi maestrini che ci correggono ...

 
Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

Malagò: Carolina Kostner portabandiera alla cerimonia di chiusura

PyeongChang (askanews) - "Abbiamo voluto pensare a Carolina per riconoscenza, per gratitudine per questa meravigliosa carriera che ha fatto": così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha annunciato e motivato la scelta di Carolina Kostner come portabandiera azzurra alla cerimonia di chiusura dei Giochi olimpici invernali di PyeongChang. Un omaggio a tutta la sua carriera e un auspicio perché ...

 
Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

Malagò: Olimpiadi al femminile, per le donne ancora più difficile

PyeongChang (askanews) - "Medaglie che hanno ancora più valore a fronte delle maggiori difficoltà che nel nostro Paese le donne continuano ad avere per poter fare sport a livelli importanti". In questo modo il presidente del Coni Giovanni Malagò ha voluto rendere omaggio alle molte medaglie conquistate da atlete nei Giochi invernali di PyeongChang.

 
Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

Olimpiadi, Malago: dieci medaglie, prossima volta ancora meglio

PyeongChang (askanews) - Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, da PyeongChang ha tracciato un bilancio della spedizione italiana alle Olimpiadi invernali sudcoreane. Dieci medaglie, di cui tre d'oro, "un risultato per il quale tutti avremmo firmato prima di partire". Un risultato che migliora quelli degli ultimi Giochi invernali e che ora, per le prossime edizioni, ci impone di fare ancora ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

La mostra a Casa Bruschi

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

"Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello", in mostra i gioielli ideati e progettati dagli allievi del master in Storia e Design del Gioiello dell'Università di ...

10.02.2018

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Stagione di prosa a Cavriglia

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Alla stagione del teatro comunale di Cavriglia proseguono gli eventi del cartellone di Fondazione Toscana Spettacolo. Sabato 17 febbraio alle 21.30  Ottavia Piccolo e ...

10.02.2018