Arezzo a segno, va a -2 dalla vetta

Lega Pro

Arezzo a segno, va a -2 dalla vetta

0

E’ la festa del Comunale. Con un’autorete e un grande secondo tempo, l’Arezzo, davanti ad una schiera di ex presidenti, tra cui Piero Mancini e davanti al presidente Mauro Ferretti, torna alla vittoria contro il Pordenone, scaccia il ko di Bassano e va a -2 dalla vetta.

E’ stato un Arezzo a doppia faccia: meglio nel secondo tempo rispetto al primo che prende ritmo solo quando Capuano fa entrare Campagna al posto di Cucciniello, in quella parte del campo (esterno destro), dove il Pordenone spinge di più. Primo tempo diesel dunque per l’Arezzo che gioca con l’annunciato Erpen trequartista dietro a Montini e Bonvissuto. Anche il Pordenone si presenta con il trequartista e nei primi minuti conquista più campo, tanto che alla mezzora Capuano è costretto al primo cambio tattico: fuori Cucciniello e dentro Campagna che si posiziona a destra, mentre Brumat va a sinistra. La partita a quel punto cambia volto, l’Arezzo si fa più aggressivo e dopo tre minuti arriva la prima vera occasione con Carcione che su punizione dalla sinistra, costringe Bazzichetto ad alzare sopra la traversa. Fino ad allora gli amaranto erano stati poco incisivi. Una svirgolata di Bonvissuto (8’) e un colpo dal fondo di Brumat che colpisce l’esterno della rete. Rischia anche l’Arezzo (ma solo una volta) quando all’11’ un buco in difesa fa passare la palla davanti allo specchio e l’Arezzo si salva in angolo. Nel finale di tempo, Montini prova due volte dalla distanza: la prima è parata dal portiere, la seconda finisce sul fondo dopo che si accentra bene. L’ultima azione dei primi 45 minuti è sui piedi di Carcione (40’): ancora punizione dalla destra che si alza sopra la traversa. L’Arezzo torna in campo con più benzina e dopo nove minuti sfiora il vantaggio su una splendida punizione calciata da Carcione. Bazzichetto respinge corto e Villagatti batte a colpo sicuro, ma ancora una volta Bazzichetto salva.
Al 16’ doppia occasione: mischia, respinta da un difensore, sulla prosecuzione Villagatti mette fuori di testa. Ma c’è anche il Pordenone che chiama Benassi con una bordata di Paladin. Al 35’ Pordenone in dieci per l’espulsione di Possenti, sulla successiva punizione, Erpen tira a giro, e Capogrosso mette in rete. Nel finale l’Arezzo sfiora il raddoppio con Brumat che colpisce il palo dalla distanza. Alla fine espulso anche Maccan. Applausi del Comunale. L’Arezzo vola a 15 punti, nei piani alti della classifica. E sabato prossimo nuova trasferta. Questa volta a Pavia. E’ festa al Comunale. 

AREZZO (3-4-1-2): Benassi 6.5; Villagatti 6.5, Panariello 6.5, Pisani 6.5; Brumat 7, Gambadori 6 (24’ st Coppola 6.5), Carcione 7, Cucciniello 6 (pt 30' Campagna 6.5); Erpen 7; Bonvissuto 6.5, Montini 6 (13’ st Padulano 6.5).
A disposizione: Leuci, De Martino, Guarino, Morga.
Allenatore: Ezio Capuano.
PORDENONE (4-3-1-2): Bazzichetto 6.5; Capogrosso 6.5, Peccarisi 6, Ghinassi 6, Possenti 5; Bacher 6.5 (38’ st Migliorini), Mattielig 6.5, Buratto 6; Paladin 6 (42’ st Simoncelli); Barbuti 6, Zubin 6.5 (20’ st Maccan).
A disposizione: Maniero, Placido, Corrado, Migliorini, Conti, Simoncelli.
Allenatore: Luciano Foschi.
ARBITRO:Mantelli di Brescia (Vitaloni di Jesi - Pizzagalli di Pesaro). OA: Matteini di Firenze.
RETE:36’ st autorete di Capogrosso
NOTE: spettatori 2.500 circa. Espulsi Possenti, Maccan. Ammoniti: pt 3' Gambadori, 5' Capogrosso, 12' Villagatti e Peccarisi; st 2' Buratto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Sottili: "Il nostro obiettivo? Arezzo terzo"
Lega Pro

Sottili: "Il nostro obiettivo? Arezzo terzo"

Stefano Sottili, allenatore dell'Arezzo, alla vigilia della partita contro la Pistoiese che si giocherà lunedì 27 marzo alle ore 20.45 allo stadio Comunale. L'allenatore parla dell'obiettivo da qui alla fine del campionato: "Arrivare al terzo posto"

 
"Totti confessa: sono della Lazio", il video del capitano giallorosso per dire #Bastabufale

"Totti confessa: sono della Lazio", il video del capitano giallorosso per dire #Bastabufale

"Totti confessa: sono della Lazio. Clamorosa rivelazione del capitano romanista". Poi, "Ilary di nuovo incinta, partito il toto-nome". E infine, "Totti sul grande schermo, sarà lui il prossimo James Bond di 007". Il capitano della Roma, in un post pubblicato sul suo profilo Facebook, legge una serie di titoli inventati e quindi commenta: "Ah regà, ma ancora credete a queste cose? Io mi sono ...

 
Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Il Teatro Mecenate di Arezzo

SPETTACOLO PER BAMBINI

Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Termina la rassegna Altre Danze_Portiamo i ragazzi a teatro!, ideata dall’Associazione Sosta Palmizi e rivolta ai bambini, agli adolescenti, alle famiglie e alle scuole. L’ultimo ...