Arezzo a segno, va a -2 dalla vetta

Lega Pro

Arezzo a segno, va a -2 dalla vetta

12.10.2014 - 16:12

0

E’ la festa del Comunale. Con un’autorete e un grande secondo tempo, l’Arezzo, davanti ad una schiera di ex presidenti, tra cui Piero Mancini e davanti al presidente Mauro Ferretti, torna alla vittoria contro il Pordenone, scaccia il ko di Bassano e va a -2 dalla vetta.

E’ stato un Arezzo a doppia faccia: meglio nel secondo tempo rispetto al primo che prende ritmo solo quando Capuano fa entrare Campagna al posto di Cucciniello, in quella parte del campo (esterno destro), dove il Pordenone spinge di più. Primo tempo diesel dunque per l’Arezzo che gioca con l’annunciato Erpen trequartista dietro a Montini e Bonvissuto. Anche il Pordenone si presenta con il trequartista e nei primi minuti conquista più campo, tanto che alla mezzora Capuano è costretto al primo cambio tattico: fuori Cucciniello e dentro Campagna che si posiziona a destra, mentre Brumat va a sinistra. La partita a quel punto cambia volto, l’Arezzo si fa più aggressivo e dopo tre minuti arriva la prima vera occasione con Carcione che su punizione dalla sinistra, costringe Bazzichetto ad alzare sopra la traversa. Fino ad allora gli amaranto erano stati poco incisivi. Una svirgolata di Bonvissuto (8’) e un colpo dal fondo di Brumat che colpisce l’esterno della rete. Rischia anche l’Arezzo (ma solo una volta) quando all’11’ un buco in difesa fa passare la palla davanti allo specchio e l’Arezzo si salva in angolo. Nel finale di tempo, Montini prova due volte dalla distanza: la prima è parata dal portiere, la seconda finisce sul fondo dopo che si accentra bene. L’ultima azione dei primi 45 minuti è sui piedi di Carcione (40’): ancora punizione dalla destra che si alza sopra la traversa. L’Arezzo torna in campo con più benzina e dopo nove minuti sfiora il vantaggio su una splendida punizione calciata da Carcione. Bazzichetto respinge corto e Villagatti batte a colpo sicuro, ma ancora una volta Bazzichetto salva.
Al 16’ doppia occasione: mischia, respinta da un difensore, sulla prosecuzione Villagatti mette fuori di testa. Ma c’è anche il Pordenone che chiama Benassi con una bordata di Paladin. Al 35’ Pordenone in dieci per l’espulsione di Possenti, sulla successiva punizione, Erpen tira a giro, e Capogrosso mette in rete. Nel finale l’Arezzo sfiora il raddoppio con Brumat che colpisce il palo dalla distanza. Alla fine espulso anche Maccan. Applausi del Comunale. L’Arezzo vola a 15 punti, nei piani alti della classifica. E sabato prossimo nuova trasferta. Questa volta a Pavia. E’ festa al Comunale. 

AREZZO (3-4-1-2): Benassi 6.5; Villagatti 6.5, Panariello 6.5, Pisani 6.5; Brumat 7, Gambadori 6 (24’ st Coppola 6.5), Carcione 7, Cucciniello 6 (pt 30' Campagna 6.5); Erpen 7; Bonvissuto 6.5, Montini 6 (13’ st Padulano 6.5).
A disposizione: Leuci, De Martino, Guarino, Morga.
Allenatore: Ezio Capuano.
PORDENONE (4-3-1-2): Bazzichetto 6.5; Capogrosso 6.5, Peccarisi 6, Ghinassi 6, Possenti 5; Bacher 6.5 (38’ st Migliorini), Mattielig 6.5, Buratto 6; Paladin 6 (42’ st Simoncelli); Barbuti 6, Zubin 6.5 (20’ st Maccan).
A disposizione: Maniero, Placido, Corrado, Migliorini, Conti, Simoncelli.
Allenatore: Luciano Foschi.
ARBITRO:Mantelli di Brescia (Vitaloni di Jesi - Pizzagalli di Pesaro). OA: Matteini di Firenze.
RETE:36’ st autorete di Capogrosso
NOTE: spettatori 2.500 circa. Espulsi Possenti, Maccan. Ammoniti: pt 3' Gambadori, 5' Capogrosso, 12' Villagatti e Peccarisi; st 2' Buratto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Le cheerleaders nordcoreane ballano al suono della loro banda

Le cheerleaders nordcoreane ballano al suono della loro banda

Pyeonchang (Corea del Sud), (askanews) - Sono state la principale attrazione nordcoreana durante le storiche olimpiadi invernali di Pyeonchang in Corea del Sud, che hanno segnato un timido disgelo in nome dello sport fra le due Coree: la squadra di cheerleaders della Corea del Nord ha ballato al suono della sua banda per la gioia di centinaia di persone accorse a vederle sventolando la bandiera ...

 
Manifestazione pro-curda a Roma contro attacco turco su Afrin

Manifestazione pro-curda a Roma contro attacco turco su Afrin

Roma, (askanews) - Alcune centinaia di persone hanno sfilato per la strade di Roma in una manifestazione organizzata dalla rete Kurdistan Italia per protestare contro l'operazione militare turca sulla città di Afrin, in Siria. I manifestanti, partiti da piazza dell'Esquilino hanno percorso via Cavour diretti verso via dei Fori Imperiali. Il corteo si è svolto in contemporanea con una analoga ...

 
Bologna, Merola: poteva andar peggio, vince l'ordine democratico

Bologna, Merola: poteva andar peggio, vince l'ordine democratico

Bologna, (askanews) - "Siamo in un paese democratico" quindi è giusto consentire anche a Forza Nuova di organizzare comizi in vista del voto del 4 marzo. Ma ieri a Bologna le regole sono state fatte rispettare e ha vinto l'ordine democratico. Non ci sono vincitori né vinti". Ne è convinto il sindaco di Bologna del Pd Virginio Merola che ha commentato così i disordini di ieri in città, dopo il ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

La mostra a Casa Bruschi

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

"Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello", in mostra i gioielli ideati e progettati dagli allievi del master in Storia e Design del Gioiello dell'Università di ...

10.02.2018

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Stagione di prosa a Cavriglia

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Alla stagione del teatro comunale di Cavriglia proseguono gli eventi del cartellone di Fondazione Toscana Spettacolo. Sabato 17 febbraio alle 21.30  Ottavia Piccolo e ...

10.02.2018