Abbruscato: "Arezzo il mio stadio. 
Sbagliai ad andare al Toro"

Lega Pro

Abbruscato: "Arezzo il mio stadio.
Sbagliai ad andare al Toro"

21.10.2014 - 15:22

0

di Francesca Muzzi
Un rammarico ce l’ha. E svelarlo oggi, a distanza di otto anni, fa anche un po’ rabbia. Elvis Abbruscato che torna sabato, per la prima volta da avversario, con la maglia del Feralpi Salò, dichiara: “Se tornassi indietro non lascerei l’Arezzo per il Torino”. E rincara: “Magari se fossi rimasto saremmo andati in serie A”. Che a vederlo sabato quasi gli daresti volentieri “du schiaffi”, come si dice qua e invece a risentire Elvis, parte solo il treno della nostalgia. Prima stazione proprio l’approdo al Torino. Gennaio 2006. “Me ne sono andato - racconta Abbruscato - perché ero rimasto lusingato dai complimenti del presidente Cairo. Pensavo, speravo e invece....”. E invece era meglio se restava. “Sì, quando mi chiedono quale è il rammarico più grande, io rispondo ‘avere lasciato l’Arezzo’. Credo davvero che con quella squadra se non era quell’anno, ma l’anno successivo saremmo andati in serie A. Peccato. Tornare indietro...”. Chissà se la previsione di Abbruscato sarebbe stata giusta. I fatti dicono che nell’anno di Gustinetti, l’Arezzo non andò nei play off per la serie A per colpa di un gol. “Magari lo segnavo”, dice ancora Elvis. Seconda stazione sul treno della nostalgia e dei ricordi, è l’Arezzo in B. “Indimenticabile la giornata della promozione in serie B. Mi ricordo di Pupo che venne in mezzo al campo, dei tifosi e della città che era tutta amaranto. Si respirava calcio e pallone ovunque. Che emozioni”. Come emozionato è adesso Elvis. E come lo sarà sabato. “Quello è il mio stadio. Il Comunale me lo sento mio in tutto e per tutto. E’ lì che nato Elvis Abbruscato. Quando arrivai ero un calciatore che si era messo in luce, ma ad Arezzo con Mario Somma, con tutti i compagni formidabili che ancora sento, sono diventato uomo e calciatore”. Ad Arezzo Elvis si sposò il giorno dopo la promozione in serie B - allora aveva una figlia, oggi ne ha altre due - e ben presto diventò un vero idolo della Curva. “Ancora ho la maglietta dove avevo scritto ‘La Sud porta bene’. Ai tifosi non posso altro che dire grazie. Nei confronti della città ho davvero un senso di gratudine per quello che ha fatto per me. Spero che sia reciproco”. Un affetto che lega Abbruscato ad Arezzo che sabato, se dovesse segnare: “Non mi sognerei affatto di esultare. Ma come farei? Dopo tutto quello che Arezzo mi ha dato”. E come si aspetta Abbruscato di essere accolto? “Sicuramente bene - dice - Non vedo perché. Ad Arezzo ho tanti amici che non elenco per non fare torto a nessuno. Sicuramente la sera mi fermerò a mangiare in città”. La sera, dopo la partita. Perché comunque sia Abbruscato torna ad Arezzo da avversario e per quanta nostalgia avrà nel suo cuore, il suo compito è quello di segnare. Incredibile ma vero, Elvis non ha nessuna voglia di parlare della partita. “Sento troppo l’emozione. Che dire? L’Arezzo cercherà di rifarsi dopo la sconfitta, mentre noi arriviamo da una vittoria, ma sinceramente non è proprio questa la partita che ho voglia di analizzare dal punto di vista tecnico. Ad Arezzo sono diventato quello che sono oggi. Ogni tanto mi sento con il presidente Mancini. Gli anni ad Arezzo hanno rappresentato tanto per me.Magari mi commuoverò anche”. Piangi pure Elvis, l’importante che tu non faccia piangere i tuoi ex tifosi. A sabato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Nasce Luiss Open, research magazine del pensiero aperto

Nasce Luiss Open, research magazine del pensiero aperto

Roma, (askanews) - Presentato LUISS OPEN, primo research magazine nato per sviluppare la ricerca e la formazione, dando voce a docenti, studenti, top manager e influencers su argomenti di ampio respiro e su temi di stretta attualità, suscettibili di dibattito e di riflessioni aperte. In sintesi un innovativo aggregatore di idee, fonte di approfondimento scientifico a favore del pubblico esterno e ...

 
Gina Miller, la donna che guida la campagna anti hard-Brexit

Gina Miller, la donna che guida la campagna anti hard-Brexit

Londra (askanews) - Lei è Gina Miller, la donna che da sola combatte la Brexit e che ha lanciato "Best of Britain" un'iniziativa per promuovere la causa europeista nel corso della campagna elettorale delle elezioni legislative britanniche anticipate dell'8 giugno 2017. "Best of Britain - spiega - è nato un'ora esatta dopo l'annuncio delle elezioni dell'8 giugno da parte del Primo ministro, ...

 
A Roma una palestra outdoor: all'Eur 30 discipline per 9 giorni

A Roma una palestra outdoor: all'Eur 30 discipline per 9 giorni

Roma, (askanews) - Per il sesto anno torna a Roma, al Laghetto dell'Eur, la manifestazione "Sport in famiglia", in programma fino al primo maggio, evento che si lega in particolare ai temi dell'integrazione sociale, del bullismo e dell'utilizzo dei social network in ambito sportivo. Un maxi evento, dove per nove giorni il parco e il laghetto dell'Eur diventeranno una palestra a cielo aperto, per ...

 
Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Milano (askanews) - Partire dal paesaggio extraterreste... per tornare a casa. Potremmo forse riassumere così la mostra "Planetarium" di Flavio De Marco che è allestita sui due piani della galleria M77 di via Mecenate a Milano. Potremmo farlo perchè l'artista, leccese con base a Berlino, ha scelto di partire dagli altri pianeti del Sistema solare e dal loro registro cromatico per strutturare i ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...