Abbruscato: "Arezzo il mio stadio. 
Sbagliai ad andare al Toro"

Lega Pro

Abbruscato: "Arezzo il mio stadio.
Sbagliai ad andare al Toro"

21.10.2014 - 15:22

0

di Francesca Muzzi
Un rammarico ce l’ha. E svelarlo oggi, a distanza di otto anni, fa anche un po’ rabbia. Elvis Abbruscato che torna sabato, per la prima volta da avversario, con la maglia del Feralpi Salò, dichiara: “Se tornassi indietro non lascerei l’Arezzo per il Torino”. E rincara: “Magari se fossi rimasto saremmo andati in serie A”. Che a vederlo sabato quasi gli daresti volentieri “du schiaffi”, come si dice qua e invece a risentire Elvis, parte solo il treno della nostalgia. Prima stazione proprio l’approdo al Torino. Gennaio 2006. “Me ne sono andato - racconta Abbruscato - perché ero rimasto lusingato dai complimenti del presidente Cairo. Pensavo, speravo e invece....”. E invece era meglio se restava. “Sì, quando mi chiedono quale è il rammarico più grande, io rispondo ‘avere lasciato l’Arezzo’. Credo davvero che con quella squadra se non era quell’anno, ma l’anno successivo saremmo andati in serie A. Peccato. Tornare indietro...”. Chissà se la previsione di Abbruscato sarebbe stata giusta. I fatti dicono che nell’anno di Gustinetti, l’Arezzo non andò nei play off per la serie A per colpa di un gol. “Magari lo segnavo”, dice ancora Elvis. Seconda stazione sul treno della nostalgia e dei ricordi, è l’Arezzo in B. “Indimenticabile la giornata della promozione in serie B. Mi ricordo di Pupo che venne in mezzo al campo, dei tifosi e della città che era tutta amaranto. Si respirava calcio e pallone ovunque. Che emozioni”. Come emozionato è adesso Elvis. E come lo sarà sabato. “Quello è il mio stadio. Il Comunale me lo sento mio in tutto e per tutto. E’ lì che nato Elvis Abbruscato. Quando arrivai ero un calciatore che si era messo in luce, ma ad Arezzo con Mario Somma, con tutti i compagni formidabili che ancora sento, sono diventato uomo e calciatore”. Ad Arezzo Elvis si sposò il giorno dopo la promozione in serie B - allora aveva una figlia, oggi ne ha altre due - e ben presto diventò un vero idolo della Curva. “Ancora ho la maglietta dove avevo scritto ‘La Sud porta bene’. Ai tifosi non posso altro che dire grazie. Nei confronti della città ho davvero un senso di gratudine per quello che ha fatto per me. Spero che sia reciproco”. Un affetto che lega Abbruscato ad Arezzo che sabato, se dovesse segnare: “Non mi sognerei affatto di esultare. Ma come farei? Dopo tutto quello che Arezzo mi ha dato”. E come si aspetta Abbruscato di essere accolto? “Sicuramente bene - dice - Non vedo perché. Ad Arezzo ho tanti amici che non elenco per non fare torto a nessuno. Sicuramente la sera mi fermerò a mangiare in città”. La sera, dopo la partita. Perché comunque sia Abbruscato torna ad Arezzo da avversario e per quanta nostalgia avrà nel suo cuore, il suo compito è quello di segnare. Incredibile ma vero, Elvis non ha nessuna voglia di parlare della partita. “Sento troppo l’emozione. Che dire? L’Arezzo cercherà di rifarsi dopo la sconfitta, mentre noi arriviamo da una vittoria, ma sinceramente non è proprio questa la partita che ho voglia di analizzare dal punto di vista tecnico. Ad Arezzo sono diventato quello che sono oggi. Ogni tanto mi sento con il presidente Mancini. Gli anni ad Arezzo hanno rappresentato tanto per me.Magari mi commuoverò anche”. Piangi pure Elvis, l’importante che tu non faccia piangere i tuoi ex tifosi. A sabato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano, scienza e tecnologia sulla scena del crimine

Milano (askanews) - E' grazie a scienza, tecnologia e alle sempre più evolute procedure di indagine che per i responsabili dei delitti è sempre più difficile rimanere impuniti. Oggi l'indagine scientifica ha assunto un ruolo fondamentale. Basti pensare che in uno degli ultimi casi di cronaca è bastato un singolo capello ritrovato sul luogo di un grave delitto di sangue per trovare e catturare gli ...

 
Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Cinema, Dwayne "The Rock" Johnson conquista la Walk of Fame

Los Angeles (askanews) - Una stella sulla Walk of Fame, la celebre passeggiata degli artisti a Los Angeles, per Dwayne "The Rock" Johnson. L'attore americano, ex culturista 45enne, reso celebre dai ruoli da duro in film come "Il re scorpione", "Fast & Furious" fino ai recenti remake di "Baywatch" e "Jumanji" si è aggiudicato l'ambito riconoscimento che consacra le più famose star di Hollywood. ...

 
Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Orlando: biotestamento importantissima conquista di civiltà

Genova (askanews) - "È assolutamente un'importantissima conquista di civiltà". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando l'approvazione della legge sul biotestamento, a margine dell'assemblea di Dems a Genova. "Voglio ringraziare - ha sottolineato il Guardasigilli - tutti i parlamentari che hanno concorso all'approvazione di questo importante atto normativo che ci fa ...

 
Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Orlando: Gentiloni bis? Lavoriamo per risultato chiaro

Genova (askanews) - "Lavoriamo per dare un risultato chiaro perché credo che l'ipotesi di nuove elezioni o di larghe intese non sia nell'interesse del Paese". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando, a margine dell'assemblea di Dems a Genova, l'ipotesi di un Gentiloni bis in caso di una situazione di stallo dopo le prossime elezioni.

 
Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Il concorso

Trecento danzatori e 7 ore di spettacolo al Teatro Petrarca

Trecento ballerini da trentuno scuole da tutta la penisola, per una maratona di oltre cento coreografie. Il concorso internazionale di danza "Piero della Francesca" raggiunge ...

08.12.2017