Abbruscato: "Arezzo il mio stadio. 
Sbagliai ad andare al Toro"

Lega Pro

Abbruscato: "Arezzo il mio stadio.
Sbagliai ad andare al Toro"

21.10.2014 - 15:22

0

di Francesca Muzzi
Un rammarico ce l’ha. E svelarlo oggi, a distanza di otto anni, fa anche un po’ rabbia. Elvis Abbruscato che torna sabato, per la prima volta da avversario, con la maglia del Feralpi Salò, dichiara: “Se tornassi indietro non lascerei l’Arezzo per il Torino”. E rincara: “Magari se fossi rimasto saremmo andati in serie A”. Che a vederlo sabato quasi gli daresti volentieri “du schiaffi”, come si dice qua e invece a risentire Elvis, parte solo il treno della nostalgia. Prima stazione proprio l’approdo al Torino. Gennaio 2006. “Me ne sono andato - racconta Abbruscato - perché ero rimasto lusingato dai complimenti del presidente Cairo. Pensavo, speravo e invece....”. E invece era meglio se restava. “Sì, quando mi chiedono quale è il rammarico più grande, io rispondo ‘avere lasciato l’Arezzo’. Credo davvero che con quella squadra se non era quell’anno, ma l’anno successivo saremmo andati in serie A. Peccato. Tornare indietro...”. Chissà se la previsione di Abbruscato sarebbe stata giusta. I fatti dicono che nell’anno di Gustinetti, l’Arezzo non andò nei play off per la serie A per colpa di un gol. “Magari lo segnavo”, dice ancora Elvis. Seconda stazione sul treno della nostalgia e dei ricordi, è l’Arezzo in B. “Indimenticabile la giornata della promozione in serie B. Mi ricordo di Pupo che venne in mezzo al campo, dei tifosi e della città che era tutta amaranto. Si respirava calcio e pallone ovunque. Che emozioni”. Come emozionato è adesso Elvis. E come lo sarà sabato. “Quello è il mio stadio. Il Comunale me lo sento mio in tutto e per tutto. E’ lì che nato Elvis Abbruscato. Quando arrivai ero un calciatore che si era messo in luce, ma ad Arezzo con Mario Somma, con tutti i compagni formidabili che ancora sento, sono diventato uomo e calciatore”. Ad Arezzo Elvis si sposò il giorno dopo la promozione in serie B - allora aveva una figlia, oggi ne ha altre due - e ben presto diventò un vero idolo della Curva. “Ancora ho la maglietta dove avevo scritto ‘La Sud porta bene’. Ai tifosi non posso altro che dire grazie. Nei confronti della città ho davvero un senso di gratudine per quello che ha fatto per me. Spero che sia reciproco”. Un affetto che lega Abbruscato ad Arezzo che sabato, se dovesse segnare: “Non mi sognerei affatto di esultare. Ma come farei? Dopo tutto quello che Arezzo mi ha dato”. E come si aspetta Abbruscato di essere accolto? “Sicuramente bene - dice - Non vedo perché. Ad Arezzo ho tanti amici che non elenco per non fare torto a nessuno. Sicuramente la sera mi fermerò a mangiare in città”. La sera, dopo la partita. Perché comunque sia Abbruscato torna ad Arezzo da avversario e per quanta nostalgia avrà nel suo cuore, il suo compito è quello di segnare. Incredibile ma vero, Elvis non ha nessuna voglia di parlare della partita. “Sento troppo l’emozione. Che dire? L’Arezzo cercherà di rifarsi dopo la sconfitta, mentre noi arriviamo da una vittoria, ma sinceramente non è proprio questa la partita che ho voglia di analizzare dal punto di vista tecnico. Ad Arezzo sono diventato quello che sono oggi. Ogni tanto mi sento con il presidente Mancini. Gli anni ad Arezzo hanno rappresentato tanto per me.Magari mi commuoverò anche”. Piangi pure Elvis, l’importante che tu non faccia piangere i tuoi ex tifosi. A sabato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Elio e le storie tese si sciolgono: il videoblob con i successi

Elio e le storie tese si sciolgono: il videoblob con i successi

Sarcastici e irriverenti. Dalle collaborazioni con Gianni Morandi e Raoul Casadei, all'ironia sul concertone del primo maggio. Dalla Terra dei cachi a Tapparella e Parco Sempione. Ecco il videoblob con alcuni dei maggiori successi di Elio e le storie tese. Il 19 dicembre il gruppo terrà il suo ultimo concerto a Milano

 
Incendi in Portogallo e Spagna: il bilancio sale a 45 morti

Incendi in Portogallo e Spagna: il bilancio sale a 45 morti

Lisbona (askanews) - Il bilancio degli incendi forestali che hanno devastato il Portogallo e la vicina regione della Galizia, in Spagna, è aumentato a 45 morti, mentre i vigili del fuoco sono ancora impegnati a domare gli ultimi focolai. Secondo il più recente bilancio della Protezione civile, 41 persone hanno perso la vita nei roghi divampati nel Portogallo settentrionale e centrale, messo in ...

 
La pasticceria contemporanea di Gianluca Fusto: è un piacere puro

La pasticceria contemporanea di Gianluca Fusto: è un piacere puro

Milano, (askanews) - Il senso della pasticceria per Gianluca Fusto è una ricerca costante di contemporaneità. Un contemporaneo fatto di sperimentazioni, studio, conoscenza delle materie prime per realizzare dolci trasgressioni per tutti, diabetici e celiaci inclusi. Lo abbiamo incontrato in occasione della presentazione di una ricerca sui benefici dello xilitolo, il cosiddetto zucchero del legno ...

 
Cina, Xi al Congresso del partito: non chiuderemo porte al mondo

Cina, Xi al Congresso del partito: non chiuderemo porte al mondo

Pechino (askanews) - Pechino lancia messaggi rassicuranti al mondo economico. Il presidente cinese Xi Jinping, aprendo il Congresso del partito comunista, ha assicurato che l'economia della Cina non chiuderà le porte al mondo, rassicurando gli investitori stranieri che cercano segnali sulla volontà di Pechino di attuare strutturali riforme di mercato. L'apertura porta progressi, la solitudine se ...

 
Elio e le storie tese si sciolgono

Musica

Elio e le storie tese si sciolgono

"Ci vuole l'intelligenza di capire di essere fuori dal tempo. Youtuber, rapper, influencer: queste sono le persone che parlano ai giovani oggi. Staremo insieme fino al 2017, ...

18.10.2017

Colin Firth diventa italiano

Concessa la cittadinanza

Colin Firth diventa italiano

Colin Andrew Firth ha ottenuto la cittadinanza italiana. Lo rende noto il ministero dell'Interno. Il famoso attore, premio Oscar per il film "Il discorso del re", ha sposato ...

22.09.2017

Sanremo: presenta Claudio Baglioni

Non solo direttore artistico

Sanremo: presenta Claudio Baglioni

Ormai per tutti era già una certezza, ma ora è ufficiale: Claudio Baglioni non sarà soltanto il direttore artistico di Sanremo 2018, ma anche il conduttore del festival che ...

22.09.2017