Lorenzo Lapini va a cento

Storie di calcio

Lorenzo Lapini va a cento

04.11.2014

0

Lapini fa centro e raggiunge quota cento. Tante sono le reti segnate nella sua ormai lunga carriera con la maglia del Marciano. E' un record encomiabile ed eloquente che possono raggiungere solo i bomber di razza, solo i giocatori che considerano una maglia (in questo caso quella azzurra) una seconda pelle altrettanto preziosa e degna della massima cura e dedizione. L'ambizioso e gratificante traguardo è stato raggiunto domenica a Pontassieve. L'esultanza è normale, ma quella di domenica è stata più vistosa, quasi più plateale a dimostrazione che era stata una rete speciale, la centesima in maglia azzurra. Lorenzo è rimasto a terra felice, commosso e, come ci ha confidato nel dopo partita, ha pensato alle persone più care alle quali ha dedicato la rete e con le quali intendeva condividere quel momento di gioia: la famiglia ed in particolare il figlio Pietro e tutti i tifosi Marcianesi presenti e non, perfino quelli che non ci sono più come il Presidentissimo Amelio Caposciutti. "Sono felice, ha detto, che questo traguardo l'abbia raggiunto con la maglia azzurra che vesto con orgoglio e soddisfazione ormai da oltre dieci anni. Condividere questa gioia con gli azzurri aumenta la soddisfazione; è un momento che non dimenticherò". Lorenzo, trentunenne, ha sviluppato tutta la sua carriera a Marciano. In un momento particolare se ne allontanò per ritornare dopo poco più di un anno con rinnovata convinzione che questa era la squadra e la società che lo avrebbe maggiormente soddisfatto. Ha giocato sempre sulla fascia aiutando anche il centrocampo e mettendo in mostra sempre una classe cristallina ed unanimemente riconosciuta. Per i Marcianesi Lorenzo è ormai una bandiera, un vanto, un motivo di orgoglio e non solo per l'attaccamento alla maglia, per le reti segnate, ma particolarmente per la sue doti tecniche che ne fanno uno dei migliori giocatori della promozione e gli assicurano una posizione di primo piano nel top dei giocatori che raccontano la storia calcistica del Marciano. Ogni anno la classifica dei cannonieri lo vede nelle prime posizioni, ma è fra i primi anche in quella che riguarda gli assist per i compagni, anzi è propria questa la sua miglior caratteristica oltre a quella di deliziare i buongustai del calcio con i suoi tocchi sempre efficaci e mai leziosi, la sua rapidità nel trovare la coordinazione, la sua velocità così utile nei contropiedi come è accaduto a Pontassieve, la sua capacità di servire i compagni in modo che il passaggio sia anche un suggerimento per superare più facilmente gli avversari. Ma i Marcianesi apprezzano e stimano Lapini non solo come giocatore, come bomber e come "professionista" serio, disponibile, impegnato e fedele, ma anche per le sue doti umane che ne fanno un esempio di affabilità, gentilezza, educazione, sincerità e capacità di rapportarsi con i colleghi, con la società e tutti gli sportivi. Insomma è il "cocchino" dei Marcianesi che approfittano di questa occasione per rivolgergli un caloroso ringraziamento, un sincero applauso ed un fiducioso augurio di migliorare rapidamente e significativamente questo già prestigioso traguardo.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Il Teatro Mecenate di Arezzo

SPETTACOLO PER BAMBINI

Al Teatro Mecenate va in scena "Nella stanza di Max"

Termina la rassegna Altre Danze_Portiamo i ragazzi a teatro!, ideata dall’Associazione Sosta Palmizi e rivolta ai bambini, agli adolescenti, alle famiglie e alle scuole. L’ultimo ...