Cerca

Mercoledì 22 Febbraio 2017 | 02:43

Lega Pro

Lui, lei e l'Arezzo: amore amaranto da 60 anni

Lui, lei e l'Arezzo: amore amaranto da 60 anni

Alberto e Mirna Farsetti

Il loro amore, che ha festeggiato le nozze d’oro, è più giovane rispetto a quello per il Cavallino. Fate un po’ i conti. Sorride la signora Mirna mentre i conti li fa davvero e dice: “Saranno più di sessant’anni che si segue l’Arezzo. Si giocava al Mancini. Eravamo fidanzati e si andava insieme in tribuna”. Ma nessuno dei due ha contagiato l’altro di passione amaranto. “Ci siamo conosciuti e già eravamo tifosi”, dice ancora la signora Mirna che di cognome fa Farsetti e ha sposato il ragioniere Alberto che per un periodo (anni Novanta) è stato prima vice presidente e poi presidente dell’Arezzo. “Ma noi non si andava mai sulla tribuna riservata alle autorità”. I coniugi Farsetti il posto lo hanno sempre avuto sulla tribuna centrale. Sempre lo stesso. Anno dopo anno. Stagione dopo stagione. Fino a quest’anno. “Adesso ci hanno messo nel settore Cuore Amaranto riservato a tutti gli ex dirigenti e presidenti dell’Arezzo”. E i coniugi Farsetti di ex presidenti, giocatori e allenatori, ne hanno visti tanti. “Il giocatore che ci è rimasto nel cuore è senza dubbio Menchino Neri. Il nostro Menchino”, dice la signora Mirna. “Se mi chiedete del presidente, rispondo Terziani e l’allenatore preferito resta Angelillo. Mio marito è stato anche testimone alle sue nozze”. Se gli chiediamo invece dell’Arezzo di oggi, o anche quello dell’era Mancini, la signora Mirna risponde che non ha un allenatore che le è rimasto più impresso di un altro: “Ne abbiamo visti passare così tanti”. Così come tante sono state le emozioni che su quella tribuna hanno provato insieme. 

SERVIZIO COMPLETO SUL CORRIERE IN EDICOLA IL 14 FEBBRAIO 2017

Più letti oggi

il punto
del direttore