Vietato dire non ce la faccio più

Vietato dire non ce la faccio più

Quando "casa loro" non c'è più

10.04.2017 - 15:55

0

Potremmo immaginare il futuro come un gigantesco puzzle. Ogni bambino ne è una tessera. In Siria quel puzzle è incompleto. E’ incompleto perché in Siria c’è la guerra. Banale da dirsi? No, perché in troppi sembrano averlo scoperto solo la scorsa settimana. In troppi sembrano aver scoperto solo adesso, dopo l’attacco con i gas tossici, che in guerra si muore davvero e che muoiono anche i bambini.
Lo sgomento, l’indignazione si sono sollevati solo adesso, ma quella guerra si combatte da anni. Eppure dovremmo saperlo perché su quei barconi che arrivano nelle nostre coste, ci sono quelli che scappano da quella guerra. Quelli che diciamo di non volerci, quelli a cui diciamo, nella migliore delle ipotesi, “aiutiamoli a casa loro”.
Ecco, “casa loro” non c’è, “casa loro” non esiste più. A “casa loro” si muore, ogni giorno, sotto le bombe, respirando gas tossici. “Casa nostra” non è una scelta, è l’unica possibilità che hanno di vivere, è la fuga verso la vita, trainati dall’istinto di sopravvivenza per non essere la tessera mancante di un puzzle che si chiama futuro.
Chissà quali sono i desideri dei bambini siriani. Quelli dei bambini di “casa nostra” li conosciamo bene. Sono desideri che hanno il futuro in sè, la sfrontata arroganza verso la vita che solo un bambino può avere, quella che fa iniziare le frasi con “io vorrei...”, quella che fa dire “da grande farò quello che mi piace fare”, “da grande sarò il miglior pasticcere del mondo”, “da grande farò il capostazione perché mi piacciono i treni”, “da grande sarò una scrittrice perché in italiano sono proprio brava”. Quante emozioni in un bambino che si immagina “grande” perché si immagina felice.
In questi giorni abbiamo visto video e foto di bambini morire “a casa loro”, nell’impotenza di soccorritori eroi che provavano l’impossibile per salvare le tessere del puzzle. Chissà se avevano anche quei bambini l'arroganza dei desideri, chissà se quelli che sono sopravvissuti pensano “da grande...”. Forse sì, forse il loro unico desiderio è “da grande vorrei essere vivo”.
Abbiamo tutti il dovere di non fare di un diritto un privilegio. Diventare grande per i bambini siriani è un privilegio. Restituiamo loro il diritto a desiderare, a vivere.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Nasce Luiss Open, research magazine del pensiero aperto

Nasce Luiss Open, research magazine del pensiero aperto

Roma, (askanews) - Presentato LUISS OPEN, primo research magazine nato per sviluppare la ricerca e la formazione, dando voce a docenti, studenti, top manager e influencers su argomenti di ampio respiro e su temi di stretta attualità, suscettibili di dibattito e di riflessioni aperte. In sintesi un innovativo aggregatore di idee, fonte di approfondimento scientifico a favore del pubblico esterno e ...

 
Gina Miller, la donna che guida la campagna anti hard-Brexit

Gina Miller, la donna che guida la campagna anti hard-Brexit

Londra (askanews) - Lei è Gina Miller, la donna che da sola combatte la Brexit e che ha lanciato "Best of Britain" un'iniziativa per promuovere la causa europeista nel corso della campagna elettorale delle elezioni legislative britanniche anticipate dell'8 giugno 2017. "Best of Britain - spiega - è nato un'ora esatta dopo l'annuncio delle elezioni dell'8 giugno da parte del Primo ministro, ...

 
A Roma una palestra outdoor: all'Eur 30 discipline per 9 giorni

A Roma una palestra outdoor: all'Eur 30 discipline per 9 giorni

Roma, (askanews) - Per il sesto anno torna a Roma, al Laghetto dell'Eur, la manifestazione "Sport in famiglia", in programma fino al primo maggio, evento che si lega in particolare ai temi dell'integrazione sociale, del bullismo e dell'utilizzo dei social network in ambito sportivo. Un maxi evento, dove per nove giorni il parco e il laghetto dell'Eur diventeranno una palestra a cielo aperto, per ...

 
Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Pittura extraterrestre per tornare a casa: Flavio De Marco a M77

Milano (askanews) - Partire dal paesaggio extraterreste... per tornare a casa. Potremmo forse riassumere così la mostra "Planetarium" di Flavio De Marco che è allestita sui due piani della galleria M77 di via Mecenate a Milano. Potremmo farlo perchè l'artista, leccese con base a Berlino, ha scelto di partire dagli altri pianeti del Sistema solare e dal loro registro cromatico per strutturare i ...

 
Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...