Vietato dire non ce la faccio più

VIETATO DIRE NON CE LA FACCIO PIU'

Carlotta dopo la tempesta

11.09.2017 - 12:15

0

“È come ritrovarsi in un mare in tempesta, col piombo attaccato ai piedi, devi nuotare e nuotare. Quando riesci a tornare a galla non sei più la stessa persona di prima, ma questo non è necessariamente un male"
Così descrive il cancro Carlotta, trentaduenne fiorentina. Lei che è stata un'atleta di nuoto a livello agonistico, ha affrontato la prova più dura della vita come la gara di nuoto più importante.
Nell'Aprile 2014 Carlotta inizia a stare male, non riesce a dormire, ha forti tachicardie. Tutti le dicono che è lo stress. Ha appena vissuto un momento particolare, si convince anche lei che deve essere stress. Il medico di base le segna però degli esami. É il 7 Aprile quando, dopo una visita cardiologica, viene ricoverata in terapia intensiva. "Mi hanno fatto altri esami. È salita nella mia stanza l'oncologa, da lì è partito tutto". Carlotta ricorda quello come il momento peggiore, quello della diagnosi, quello in cui il cancro fa l'ingresso ufficiale nella tu vita e ci si rende conto che nulla sarà più come prima. "il primo pensiero che hai, appena te lo dicono, è che morirai. Il secondo è che devi cambiare prospettiva, non pensare più -sto per morire-, ma -come faccio a salvarmi la vita-"
E ce l'ha fatta, si è salvata la vita. Ha lottato, ha "nuotato", ha affrontato le cure,l a perdita dei capelli "ho comprato subito una parrucca, non avevo il coraggio di stare senza. Ero rasata come una strega nel Medio Evo, non sei più te, non hai più ciglia, sopracciglia, stenti a riconoscerti allo specchio. Restano solo gli occhi, solo quelli sono i tuoi".
Ha affrontato tuto con l'amore, della famiglia, del compagno Enea, delle persone che ha avuto intorno, del suo canone golden retriver. E poi della scrittura. "Durante la malattia, ogni sera scrivevo un pensiero felice su un blog. Scrivere davvero ti salva la vita. Grazie a questo si è creata una catena di persone che non mi ha mai fatto sentire sola"
Questa catena è quella che l'ha salvata anche dopo. "Quando guarisci vieni catapultata di nuovo nella vita normale. La sensazione è quella di essere un sopravvissuto in un mondo di persone " normali"
Chiedo a Carlotta se si è mai chiesta "perché, perché proprio a me" perché se la malattia è sempre un'ingiustizia, se arriva che non hai neanche 30 anni, ti sembra che la vita si sia proprio accanita. Lei sorride, mi risponde con la sua voce dolce, con il tono calmo di chi la vita sa apprezzarla in ogni suo aspetto "certo che me lo sono chiesto perché fosse toccato a me. E ho trovato anche la risposta: avevo le carte per giocarmi questa partita. Dopo non sei più la stessa. Nel mio caso, dal cancro, è nata una vita bellissima".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

Salvini querela Saviano, Delrio: "Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Salvini querela Saviano, Delrio incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania."Incommentabile, ministro che minaccia chi osa dissentire". Queste le parole di Delrio ai giornalisti sulla querela del ...

 
Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 Bimba rom ferita, Delrio: "Occorre sforzo per affermare principio dell'uguaglianza tra persone" Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Occorre uno sforzo per affermare il principio dell'uguaglianza tra persone nel nostro Paese". Queste le parole di ...

 
PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

PD, Delrio: "Mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente"

(Agenzia Vista) Napoli, 19 luglio 2018 PD, Delrio mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente Il capogruppo del Partito Democratico, Graziano Delrio, incontra presso la sede del consiglio comunale i giovani amministratori Dem della Campania. "Bisogna mettere da parte le correnti e ripartire dalla gente". Queste le parole di Delrio. AltrimondiNews Fonte: Agenzia Vista / Alexander ...

 
26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

26 anni dopo via D'Amelio, Palermo ricorda Borsellino

Palermo (askanews) - Ventisei anni dopo Palermo si è ritrovata ancora una volta in via D'Amelio per ricordare il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Sul palco allestito davanti all'albero che ricorda la strage di Via D'Amelio del 19 luglio 1992, sono saliti in tanti per testimoniare il ...

 
Scorrida a Quarata con la Rettondini e dilettanti allo sbaraglio

AREZZO

Scorrida a Quarata con la Rettondini e dilettanti allo sbaraglio

Tutto pronto a Quarata per la Scorrida, spettacolo che porta in scena le esibizioni di dilettanti allo sbaraglio sulla falsariga del format mitico dello show di Corrado ...

20.07.2018

Stanley Clarke al Valdarno Jazz Summer

Il festival

Stanley Clarke al Valdarno Jazz Summer

Musicista, compositore e performer: sarà il leggendario bassista statunitense Stanley Clarke, accompagnato dalla band composta da Beka Gochiashvili al pianoforte, Cameron ...

19.07.2018

Tre giorni di eventi con l'Arezzo Celtic Festival

La rassegna

Tre giorni di eventi con l'Arezzo Celtic Festival

Tra arpe, cornamuse e tamburi, l’Arezzo Celtic Festival sarà acceso da tre serate di concerti e di spettacoli. La quinta edizione dell’evento è in programma al parco Pertini ...

19.07.2018