Coca Cola in Italia, impatto economico da 813 milioni

Ricerca Sda Bocconi: oltre 25mila posti di lavoro creati

19.04.2017 - 19:30

0

Milano (askanews) - 813 milioni di euro di risorse generate e distribuite, pari allo 0,05% del Pil, e oltre 25mila posti di lavoro creati: è l'impatto economico dell'azienda Coca Cola in Italia secondo una ricerca realizzata da Sda Bocconi School of Management sul 2015, presentata a Milano. Sono 2.100 i dipendenti diretti di Coca Cola nelle 9 sedi italiane, ma i posti di lavoro generati sono 25.610 e si stima che 60mila persone in Italia dipendano in tutto o in parte dai redditi da lavoro generati da Coca Cola. Giangiacomo Pierini, direttore relazioni istituzionali e comunicazione di Coca-Cola Hbc Italia.

"In Veneto a Nogara c'è il più grande stabilimento del gruppo in Europa, ne abbiamo uno in Abruzzo ad Oricola e uno in Campania a Marcianise, per l'imbottigliamento delle acque minerali c'è quello di Rionero in Vulture in Basilicata".

Coca Cola è presente in Italia da 90 anni, dato che nel 1927 la Società Romana Acque Gassose ha iniziato a imbottigliare: nel 2015 ha acquistando direttamente beni e servizi da oltre 1.000 fornitori per 275 milioni di euro.

"Al momento la forza lavoro è adeguata al mercato, ma dipendiamo dal mercato: quello che di sicuro non si ferma sono gli investimenti in tecnologia per rendere i nostri stabilimenti sempre più moderni e rispettosi dell'ambiente".

La ricerca ha anche valutato l'incidenza femminile sull'occupazione: la percentuale di donne in Coca-Cola con riferimento ai quadri e ai dirigenti è superiore alla media delle imprese attive. Le retribuzioni dei dipendenti diretti di Coca-Cola sono in media superiori rispetto a quelle italiane a parità di qualifica professionale e c'è una minore sperequazione tra la paga dei dirigenti e quella delle altre qualifiche professionali rispetto alla media delle imprese italiane.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Per Spotify Beyoncé è la regina dell'addio al nubilato

Per Spotify Beyoncé è la regina dell'addio al nubilato

Roma, (askanews) - Si avvicina la stagione più gettonata per i matrimoni, ed è già iniziata quella degli addii al nubilato e al celibato che organizzano gli amici per i futuri sposi. Per una festa indimenticabile serve la musica giusta e Spotify rivela quali sono le canzoni più popolari scelte per la grande occasione. Per far divertire le future spose il brano preferito è "Single Ladies" di ...

 
I primi 250 anni di Christie's: una storia del costume moderno

I primi 250 anni di Christie's: una storia del costume moderno

Milano (askanews) - Una storia del costume attraverso 250 anni di aste Christie's: la casa editrice Phaidon ha pubblicato il volume "Aggiudicato!", dedicato all'anniversario della storica casa d'aste inglese, la più grande al mondo. In occasione della presentazione del libro e di un'asta milanese di arte moderna e contemporanea abbiamo incontrato il direttore generale di Christie's Italia, ...

 
Brindisi: un arresto e un'espulsione, erano legati ad Amri

Brindisi: un arresto e un'espulsione, erano legati ad Amri

Roma, (askanews) - A Brindisi un arresto e un'espulsione: si tratta di un congolese sbarcato in Italia e un marocchino già espulso. Erano in contatto con Amri, l'attentatore di Berlino. L'operazione è stata condotta dalla polizia di Brindisi. In manette è finito il 27enne congolese Lutumba Nkanga, residente in Germania, ospitato nel Centro di permanenza per rifugiati di Restinco (Brindisi), ...

 
FotoAntiquaria il 30 aprile in Piazza Grande

Arezzo

FotoAntiquaria il 30 aprile in Piazza Grande

Torna l’appuntamento con gli appassionati di fotografia grazie a “FotoAntiquaria”, la prima e più antica mostra mercato di attrezzature fotografiche d’epoca. Arezzo, domenica 30 ...

Elton John ha rischiato di morire

Rara infezione

Elton John ha rischiato di morire

Elton John ha rischiato di morire per una rara infezione contratta mentre era in tour in Sudamerica. Lo fa sapere il portavoce del cantante inglese, che si è sentito male la ...