I film tra arte e letteratura di Ben Rivers: frammenti nel tempo

In Triennale a Milano la prima personale dell'artista inglese

21.04.2017 - 13:30

0

Milano (askanews) - C'è una soglia da superare, all'inizio. Ed è una soglia sonora, che accoglie il visitatore della mostra di Ben Rivers alla Triennale di Milano ancora prima di accedere allo spazio espositivo vero e proprio. Una porta che è una sorta di specchio, per citare il Paese delle Meraviglie, da attraversare per entrare nel mondo dell'artista inglese, un videomaker che ha diretto a lungo la Cinemateque di Brighton e che nei suoi film unisce frammenti e materiali eterogenei in maniera dolce e irreale. Lasciando allo spettatore il dovere, in un certo senso, di perdersi nella narrazione.

"Io - ci ha detto Rivers - sono, in un certo senso, contrario alle spiegazioni. Mi piace avere una deliberata ambiguità, che secondo me è un modo per coinvolgere lo spettatore, facendogli intuire che è lui a poter completare questa narrazione nel modo che preferisce. Perché il film è completo solo con il contributo di chi lo guarda".

La mostra "Phantoms", prima personale di Rivers in una istituzione italiana, presenta tre film intorno ai quali è costruito un vero e proprio percorso e ruota, come ci ha spiegato la curatrice Lucia Aspesi, intorno all'atto di collezionare.

"Tutti i film in mostra sono legati a un concetto, che è quello della collezione, la collezione istituzionale dell'Harvard Museum che ha commissionato il film all'ingresso, e l'idea di collezione privata, che va a formare la storia di ciascun individuo e che in qualche modo crea la narrazione che poi attraversa diverse tracce e diversi tempi".

Inevitabile, con così tanti riferimenti alla narrazione, non chiedere a Ben Rivers, i cui lavori fanno pensare all'uso del frammento nell'opera di Kafka, per esempio, qual è il suo rapporto con la letteratura.

"La letteratura - ci ha risposto - è probabilmente la mia influenza più forte, più del cinema. Sono un lettore avido e penso che, in un certo senso, quello che cerco di fare con i miei film è molto vicino a ciò che fa la letteratura, sollecitando l'immaginazione dello spettatore come se fosse un lettore aprendo la possibilità di ripensare in molti modi diversi a quello che sta vedendo".

Una libertà di interpretazione e una molteplicità di sguardi che sono il collante dei materiali raccolti da Rivers e che rappresentano anche una opportunità di nuove vie per una istituzione come la Triennale che il giovane direttore artistico sta, con discrezione e constanza, continuando a battere.

"Sicuramente - ha concluso Lucia Aspesi - è una grande scommessa da parte di Edoardo Bonaspetti e da parte della Triennale il cercare di portare attenzione su questo medium, che in qualche modo sembra quasi obsoleto, ma che di fondo è profondamente contemporaneo, perché legato a quello che è il significato del tempo e della materialità delle cose".

La mostra di Ben Rivers resta aperta al pubblico fino al 28 maggio.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Birmania, a Rangoon scatta la dance-mania

Birmania, a Rangoon scatta la dance-mania

Rangoon (askanews) - Musica elettronica e dance: in Birmania (Myanmar) è esplosa una vera passione per la musica da ballare. I giovani, per anni tagliati fuori dalle mode, grazie anche ai social network, stanno recuperando il tempo perduto. Concerti con disk jockey occidentali di grido, come Martin Garrix o Timmy Trumpet, riempiono le piazze di Rangoon (Yangon). In una serata in 12mila hanno ...

 
Rosato (Pd): fa piacere che Di Maio riconosca errore su 80 euro

Rosato (Pd): fa piacere che Di Maio riconosca errore su 80 euro

Roma (askanews) - E' un bene che anche M5s riconosca l'utilità degli 80 euro di sgravio Irpef introdotti dal governo Renzi. Lo ha detto il capogruppo Pd alla Camera Ettore Rosato. "La misura degli 80 euro serve a dieci milioni di italiani, fa piacere che anche Di Maio se ne sia accorto. Fa piacere che abbia capito che la pretestuosa contrarietà che hanno avuto in questi anni è stata sbagliata. ...

 
I rohingya in Bangladesh: meglio la morte che tornare in Myanmar

I rohingya in Bangladesh: meglio la morte che tornare in Myanmar

Roma, (askanews) - Sono stipati in massa in oltre 650.000 in campi profughi in Bangladesh, uno dei paesi più poveri del mondo, in condizioni inumane, preda di fame, malattie e nella miseria più assoluta. Ma malgrado tutto, i Rohingya, minoranza musulmana del Myanmar perseguitata dall'esercito birmano con vere e proprie operazioni di pulizia etnica secondo l'Onu, preferisce non rientrare nella sua ...

 
L'omaggio di Erica Mou alla Capitale: la canzone "Roma era vuota"

L'omaggio di Erica Mou alla Capitale: la canzone "Roma era vuota"

Roma, (askanews) - Nel suo nuovo disco, uscito il 1 dicembre per l'etichetta milanese Godzillamarket (distribuzione Artist First), la cantautrice Erica Mou ha dedicato un pezzo alla città che l'ha adottata da tre anni. Si intitola "Roma era vuota". "Roma era vuota inizia dicendo 'ieri ho sognato che mi baciavi, camminavamo, c'era il sole e Roma era vuota'. Io ho sognato che Roma era vuota, quindi ...

 
Marco Presta al "Passioni Festival Winter"

LA RASSEGNA

Marco Presta al "Passioni Festival Winter"

“Le passioni sono godimento, sono pensieri d'amore. La radio, per me, è uno di questi”. Marco Presta, romano, 56 anni, è l'ospite che concluderà la lunga cavalcata del 2017 ...

15.12.2017

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Golden Globe

Tutte le nomination: c'è anche l'Italia con 5 candidature

Annunciate a Los Angeles le candidature per la 75esima edizione dei Golden Globe 2018, che si terranno il 7 gennaio al Beverly Hilton Hotel, sede della manifestazione. Bene ...

11.12.2017

Saione in musica

AREZZO

Saione in musica

E' in programma il 15 dicembre "Saione in musica" concerto prenatalizio promosso dal Lions Club Chimera di Arezzo. Appuntamento alle 18.30 nella chiesa di Saione, collaborano ...

10.12.2017