Sostenibilità e pubblica amministrazione al Forum 2017

Dominici: puntiamo a Pa semplice e chiara al servizio del paese

19.05.2017 - 11:00

0

Roma, (askanews) - Sostenibilità e Pubblica amministrazione. È il tema su cui si focalizzerà il Forum PA, arrivato quest'anno alla 28esima edizione, che si aprirà il prossimo 23 maggio. Per il direttore generale del Forum Pa Gianni Dominici sarà l'occasione di riflettere in termini di prospettiva: "Non vogliamo un pubblica amministrazione che guarda il suo l'ombelico tutto il tempo. Dobbiamo pensare una pubblica amministrazione che pensa al Paese, che è al servizio del Paese. La domanda che noi ci poniamo è come la pubblica amministrazione possa aiutare questo paese nel percorso fondamentale verso la sostenibilità economica, ambientale, culturale, sociale. Peraltro i temi della sostenibilità della Pubblica amministrazione sono stati individuati dalle Nazioni Unite, come obiettivo al 2030.

Per Dominici bisogna innanzitutto "individuare un progetto condiviso. Da un'indagine tra i dipendenti emerge che uno dei problemi segnalati è la mancanza di un progetto condiviso, di un percorso. Spesso si sentono coinvolti su una pratica ma non su un progetto". Inoltre "la stessa Pa può introdurre dei comportamenti dei consumi sostenibili, cioè introdurre un nuovo modo di fare servizi".

La stessa indagine evidenzia l'esistenza di troppe norme, troppe leggi. "Ogni volta che c'è un problema si introduce una nuova norma. È un paese governato dagli amministrativisti. Abbiamo bisogno di project manager. Abbiamo bisogno di semplificazione e chiarezza. Noi abbiamo introdotto un termine, che è burocrazia difensiva: in questo contesto di ipernormazione il dirigente pubblico per non sbagliare si blocca, convinto che mai potrà essere giudicato per non aver fatto ma potrà invece essere giudicato per aver interpretato male una norma. Noi diciamo meno leggi, meno norme, più linee guida, più formazione.

La nostra è una delle pa con l'età media più alta. I nostri dipendenti pubblici accedono a mezza giornata di formazione l'anno contro le 8 giornate medie dei dipendenti inglesi e francesi. Abbiamo bisogno di formare, di portarci dietro coloro che ci lavorano tutti i giorni nella Pa.

Fondamentale in questo contesto, secondo il direttore generale el Furom Pa, è la digitalizzazione. "Il digitale non è un fine ma uno strumento fondamentale insostituibile. Le tecnologie digitali ci portano ad immaginare una pa più snella. Abbiamo chiesto agli intervistati di immaginarsi una pa al 2030. Poco più della maggioranza la immagina senza carta. Ma è interessante che la maggior parte dica: la immaginiamo più semplice, con accesso unico per il cittadino, nuovi servizi anche riguardo ai pagamenti.

A parlare di digitalizzazione sarà presente al Forum Diego Piacentini, commissario straordinario per l'attuazione dell'Agenda digitale di palazzo Chigi "leader del team per la trasformazione digitale, che dovrebbe aiutare in questo processo e che sarà intervistato da Luca Attias, un dirigente pubblico (Attias è dirigente della Corte dei Conti) che si confronta con un grande supermanager".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Governo, Mattarella riparte da un'(auspicabile) intesa M5s-Pd

Roma (askanews) - "Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico e gli ha affidato il compito di verificare la possibilità di una intesa di maggioranza parlamentare tra M5s e Pd per costituire il governo". Meno di trentasei ore per rendere possibile quello che fino ad oggi sembrava impossibile: un governo di larghe intese ...

 
Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Rupert Everett: Wilde perseguitato, "succede ancora oggi"

Roma, 23 apr. (askanews) - "The Happy Prince", il principe felice: prende il nome dalla favola di Oscar Wilde il film che Rupert Everett ha dedicato al grande scrittore irlandese, alla sua vita rutilante nella società londinese di fine Ottocento e al suo crollo quando la sua omosessualità divenne di pubblico dominio. Oscar Wilde è un ruolo che Everett ha ricoperto anche in teatro. Dal festival di ...

 
Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Rupert Everett nel "Nome della Rosa": "A Eco piacerebbe"

Sorrento, (askanews) - Intervistato al Festival di Sorrento, Rupert Everett racconta del suo impegno in un progetto caro al cuore dell'Italia, una serie tv Fox tratta dal "Nome della Rosa" di Umberto Eco, girata a Perugia: Guglielmo sarà John Turturro. E Umberto Eco, dice, Everett, sarebbe contento. "Penso che sarebbe contento: rispetto al film che doveva riassumere così tanti temi del libro, noi ...

 
Pinti porta in scena "Dall'omonimo libro di Pietro. Storia di un mezzadro"

Teatro comunale di Laterina

Pinti porta in scena "Dall'omonimo libro di Pietro. Storia di un mezzadro"

Sabato 7 aprile alle 21,15 nel nuovo appuntamento con Storie Sospese reloaded, la stagione del Teatro Comunale di Laterina, torna in scena Pietro Pinti protagonista di ...

03.04.2018

"Novecento" di Gabriele Vacis al Teatro Dovizi

Bibbiena

"Novecento" di Gabriele Vacis al Teatro Dovizi

Volge al termine per l’anno 2018 la stagione teatrale del Teatro Dovizi di Bibbiena promossa dal Comune di Bibbiena in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo e la ...

03.04.2018

"Tangosuite", al teatro Donatella Alamprese

Cavriglia

"Tangosuite", al teatro Donatella Alamprese

Un altro grande concerto in cui la vocalità femminile fa da protagonista assoluta: sabato 14 aprile alle ore 21 e 30 al Teatro Comunale di Cavriglia, per la rassegna ...

03.04.2018