Spazio, il "suicidio" della sonda Cassini raccontato dalla Nasa

La ricostruzione grafica in un video spettacolare

15.09.2017 - 14:00

0

Roma, (askanews) - Questa è la ricostruzione grafica del 'suicidio' della sonda Cassini, elaborata dalla Nasa. La "fine spettacolare" di cui parla la voce narrante di questo video, intitolato "Cassini's Grand Finale", è lo schianto sulla superficie di Saturno per proteggere le lune del pianeta, adesso che la sonda non ha più carburante. Il video ripercorre la storia di Cassini dal 1997 ad oggi e spiega il suo ultimo viaggio

La missione Cassini-Huygens, realizzata in collaborazione tra NASA (National Aeronautics and Space Administration), ESA (European Space Agency) e ASI (Agenzia Spaziale Italiana), ha come scopo lo studio di Saturno e del suo sistema di satelliti e anelli con particolare riguardo al satellite Titano, elemento cardine per la decodifica di alcuni dei processi primari dell'evoluzione di un sistema planetario e in particolare per la comprensione del più complesso tra i pianeti gassosi.

La sonda si compone di due elementi: l'orbiter Cassini della NASA e il lander Huygens dell'ESA.

Partita nell'ottobre del 1997 per raggiungere, dopo un viaggio di sette anni, il sistema di Saturno, Cassini è la prima sonda a essere entrata nell'orbita di Saturno, il 1 luglio 2004 (ore 04:12 GMT) e la quarta ad averlo visitato (prima della Cassini erano già passate la Pioneer 11 e le Voyager 1 e 2).

Il 25 dicembre 2004 il lander Huygens si è separato dall'orbiter e si è diretto verso la principale luna di Saturno, Titano. Il 14 gennaio 2005 Huygens è sceso nell'atmosfera di Titano e durante la corsa ha raccolto dati sull'atmosfera, immagini della superficie, rumori dall'ambiente circostante. Ha toccato il suolo dopo una discesa di 2 h e 30 m e ha poi continuato a trasmettere il suo segnale per altri 30 minuti.

Tutti i dati raccolti da Huygens nel corso della discesa e dalla superficie di Titano, tra cui quelli dello strumento italiano HASI realizzato da Leonardo, furono trasmessi all'orbiter Cassini per mezzo del sottosistema di comunicazione PDRS (Probe Data Relay Subsystem), realizzato da Thales Alenia Space. Successivamente Cassini diresse nuovamente l'antenna verso la Terra per ritrasmettere i dati registrati.

La sonda spaziale internazionale Cassini, inoltre, ha sorvolato Encelado, luna di Saturno sede di un affascinante oceano liquido globale sotto la crosta ghiacciata, transitando nella regione del polo sud a soli 49 chilometri dalla sua superficie. Lo storico avvicinamento era mirato a raccogliere tutte le informazioni possibili dalla nube di particelle ghiacciate che vengono emesse dall'area polare meridionale di Encelado.

Dopo aver realizzato numerose scoperte, la missione con una sequenza di spettacolari tuffi tra gli anelli del gigante gassoso, volge al suo termine previsto con una "affondata" finale tra le nubi di Saturno.

Leonardo ha un ruolo di primissimo piano nella missione Cassini-Huygens, avendo fornito gli strumenti di navigazione, le tecnologie per i radar di bordo e importanti strumenti di osservazione e misura sia a bordo dell'orbiter che del lander.

È realizzato da Leonardo il sensore stellare SRU (Stellar Reference Unit), usato per mantenere il puntamento di Cassini sia durante la sua traiettoria interplanetaria sia durante la fase orbitale attorno a Saturno. Leonardo ha anche sviluppato la telecamera nel visibile dello spettrometro VIMS (Visible and Infrared Mapping Spectrometer) in orbita attorno a Saturno a bordo di Cassini e lo strumento HASI, sceso su Titano (Huygens Atmospheric Structure Instrument), realizzati per l'Agenzia

La fine di Cassini è "un'avventura tutta nuova" dice la Nasa.

Ma la storia non finisce certo qui. Continua la sfida per Leonardo e Thales Alenia Space con la missione di esplorazione marziana ExoMars 2020, in particolare con la trivella di Leonardo che scaverà 2 metri sotto la superficie del pianeta rosso.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Spinoza, un artista olandese e un ristorante giapponese a Milano

Spinoza, un artista olandese e un ristorante giapponese a Milano

Milano (askanews) - "Every decision is a final refusal". "Ogni decisione alla fine è un rifiuto". La frase campeggia, sotto forma di wall drawing, su una grande parete in uno dei più noti ristoranti giapponesi di Milano, Zazà Ramen di via Solferino, dove ogni sei mesi il suo proprietario, Brendan Becht, invita un artista a intervenire con un'opera che cambia l'atmosfera del locale. "E' un artista ...

 
Gioia disperata delle madri di Srebrenica alla condanna di Mladic

Gioia disperata delle madri di Srebrenica alla condanna di Mladic

Sarajevo, (askanews) - La condanna all'ergastolo a Ratko Mladic, l'ex comandante militare serbo bosniaco, soprannominato il "macellaio dei Balcani", inflitta dal Tribunale penale internazionale dell'Aia ha lenito, in qualche modo, il dolore delle madri delle vittime del massacro di Srebrenica, il più grave registrato in Europa dalla Seconda guerra mondiale, che hanno assistito le une a fianco ...

 
Rubavano ai coetanei, presi a Milano tre giovani borseggiatori

Rubavano ai coetanei, presi a Milano tre giovani borseggiatori

Milano (askanews) - Mano leggerissima e compagni di "copertura". Con una destrezza da navigati borseggiatori, documentata dalle telecamere di sorveglianza, tre ragazzi (due minorenni e un neo maggiorenne) sono stati identificati come autori di una serie di rapine, scippi e furti a danno di coetanei in diversi locali del centro di Milano. Nelle immagini diffuse dalla polizia, si vedono i giovani ...

 
Cecilia Guerra (Mdp): non possiamo trovare accordo con il Pd

Cecilia Guerra (Mdp): non possiamo trovare accordo con il Pd

Roma, 22 nov. (askanews) - Il tempo è scaduto, nessuna intesa con il Pd alle prossime elezioni. Così i capigruppo di Mdp e Sinistra italiana, Cecilia Guerra e Giulio Marcon, all'uscita dall'incontro con la delegazione Dem, sanciscono la chiusura di ogni alleanza. "Non abbiamo dato una disponibilità a una trattativa in quanto abbiamo di nuovo sottolineato come le differenze di impostazione ...

 
Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura all'Auditorium "Le Fornaci"

Terranuova Bracciolini

Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura all'Auditorium "Le Fornaci"

Sabato 2 dicembre, presso il centro culturale auditorium Le Fornaci di Terranuova Bracciolini, in provincia di Arezzo, alle ore 21:30 si terrà il concerto del duo composto da ...

22.11.2017

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

L'esclusiva di "Chi"

Fabrizio Frizzi a passeggio con la famiglia

Fabrizio Frizzi passeggia con accanto la moglie Carlotta e la figlia Stella. Ecco le prime foto pubblicate in esclusiva dal settimanale "Chi" dopo l'ischemia che ha colpito ...

21.11.2017

"Vasari, Jacone e la maniera bizzarra" alla Casa Museo Bruschi

La mostra

"Vasari, Jacone e la maniera bizzarra" alla Casa Museo Bruschi

Alla Casa Museo di Ivan Bruschi di Arezzo inaugurata la mostra “Vasari, Jacone e la maniera bizzarra”. All’apertura dell’esposizione, che sarà visibile fino al 18 febbraio ...

18.11.2017