Tra l'intimo e il sociale: Luisa Rabbia in Collezione Maramotti

A Reggio Emilia la mostra antologica "Love"

18.10.2017 - 18:30

0

Reggio Emilia (askanews) - La condizione umana, le relazioni tra le persone e con l'ambiente esterno. Il lavoro di Luisa Rabbia, artista piemontese della generazione dei quarantenni che da anni vive a Brooklyn, è spesso costruito intorno al segno e alle interconnessioni, grafiche e metaforiche, che questo crea e induce. Un'esperienza che viene intensificata dalla mostra antologica che la Collezione Maramotti di Reggio Emilia le dedica, ripercorrendo diverse tappe del lavoro di Rabbia, dai disegni degli inizi fino al grande murale site specific realizzato durante una residenza nel museo. E anche il titolo della mostra è significativo e, perché no, anche un po' ambiguo: "Love".

A guidarci nel percorso espositivo la direttrice della Collezione, Marina Dacci. "Love - ha spiegato ad askanews - è anche un'attitudine e di questo mi piace parlare, perché nel lavoro di Luisa Rabbia il tema della ricerca nel suo percorso è molto legato a questo amore, chiamiamolo così, nei confronti delle persone, della dimensione interiore, della riflessione su quelle che sono le connessioni tra persone di etnie, generi diversi del genere umano".

Persone che possono essere i due corpi che si intrecciano nel grande lavoro che apre la mostra, ma anche gli anonimi personaggi che varcano diversi confini in molti lavori che, attraverso una pittura che si rinnova ogni volta, ci parlano del nostro presente.

"Il disegno in Luisa Rabbia - ha aggiunto Marina Dacci - pian piano nel corso del tempo si è trasformato in gesto pittorico. Le sue nebulose di segni sottili, quasi delle ragnatele in cui è prevalente il colore blu, da un lato evocano delle strutture vegetali, come delle radici tentacolari che si mescolano nel terreno, ma possono essere anche il percorso dei vasi sanguigni nel corpo umano, oppure le tracce di qualche transito di persone, come visibile con le impronte digitali che lei usa negli ultimi anni. Non è la lunghezza che determina l'intensità di un lavoro, ma è proprio la partecipazione fisica e corporea dell'artista che ha lavorato dentro lo spazio per alcuni giorni".

Il risultato è una dimensione sospesa, tra l'intimo e il sociale, che diventa, almeno in questa mostra, la cifra più intensa dell'esperienza dello spettatore.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Centrosinistra, Orlando: le persone in campo ci sono, si parlino

Centrosinistra, Orlando: le persone in campo ci sono, si parlino

Bologna (askanews) - Il centrosinista lo vogliamo largo, plurale, in grado di sfidare la destra e di vincere. Per questo il confronto si deve svolgere sulla base dei contenuti, dei programmi, delle cose che dobbiamo fare nei prossimi cinque anni, mettendo al centro il tema della sofferenza sociale e della lotta alle diseguaglianze, della battaglia per dare una prospettiva certa alle nuove ...

 
Spagna: "Manderemo Puigdemont in un carcere pieno di comfort"

Spagna: "Manderemo Puigdemont in un carcere pieno di comfort"

Roma, (askanews) - Il carcere di Estremera a Madrid è talmente pieno di comodità che tanti vorrebbero poterci vivere. Così il ministro degli esteri della Spagna, Alfonso Dastìs, ha cercato di rassicurare le autorità belghe sulle condizioni carcerarie in Spagna in vista della decisione sull'estradizione dell'ex presidente catalano Carles Puigdemont, destituito e incriminato per "ribellione" e ...

 
Orsi e migranti: alla Cop 23 le sculture per riflettere sul clima

Orsi e migranti: alla Cop 23 le sculture per riflettere sul clima

Bonn (askanews) - Migranti in fuga, forse dalla siccità, orsi polari infilzati dalle pipeline e una Statua della Libertà, figlia dei tempi di Trump e "libera di inquinare": sono alcune delle sculture, realizzate su commissione di alcune Ong per risvegliare le coscienze sui cambiamenti climatici. Sono esposte a Bonn vicino al centro congressi dove si è tenuta la Cop 23, la 23esima conferenza Onu ...

 
Iran, Macron: vogliamo "dialogare" con Teheran

Iran, Macron: vogliamo "dialogare" con Teheran

Goteborg (askanews) - "Nei confronti dell'Iran, il nostro augurio è che abbia una strategia regionale meno aggressiva e che si possa chiarire oggi la sua politica missilistica che sembra non sotto controllo. Ma l'Iran è una potenza con la quale noi ci auguriamo di dialogare, con la quale continueremo a dialogare": così il presidente francese Emmanuel Macron dopo che Teheran ha accusato Parigi di ...

 
Monologo su Maradona per aiutare il Thevenin

Arezzo

Monologo su Maradona per aiutare il Thevenin

Un monologo su Diego Armando Maradona per raccogliere fondi a favore di Casa Thevenin. Lo spettacolo di Michele Ruol, con la regia di Lorenzo Maragoni e la conduzione di ...

16.11.2017

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

Gossip

Ambra e Max, luna di miele a Venezia

La foto pubblicata dal periodico "Chi" è la prova provata che il rapporto fra Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri si sta sempre più saldando. Dopo che lei è andata a ...

14.11.2017

"Arezzo per Arezzo": 65 opere alla Galleria d'Arte Contemporanea

La mostra

"Arezzo per Arezzo": 65 opere alla Galleria d'Arte Contemporanea

Vittorio Angini, Giuliano Caporali, Giuseppe Fanfani, Lucio Gatteschi, Raffaello Lucci, Pasquale Marzelli, Dario Polvani, Eliana Sevillano, Sergio Tosi: sono gli artisti, ...

12.11.2017