Libia, Guardia costiera chiede all'Europa più aiuti per la flotta

Dopo denuncia Onu: disumana la cooperazione Ue-Libia sui migranti

15.11.2017 - 14:30

0

Tripoli, (askanews) - La Guardia costiera libica ha chiesto maggiori aiuti all'Europa per organizzare la sua flotta ormai obsoleta, avvertendo che altrimenti nel 2018 non sarà più in grado di soccorrere i migranti nel Mediterraneo.

"La Guardia costiera libica ha salvato oltre 80mila migranti clandestini dal 2012 e circa 15mila solo quest'anno" ha dichiarato il generale Ayub Kacem, portavoce della Marina libica.

"L'anno prossimo non saremo in grado di organizzare missioni di ricerca e soccorso nella acque territoriali libiche se dovremo impiegare la stessa flotta", ha avvertito il colonnello Abu Ajila Abdel Bari, comandante della prima brigata della Marina libica. "Le nostre navi hanno grossi problemi e devono essere sottoposte a complesse operazioni di manutenzione" ha concluso.

La richiesta libica giunge all'indomani della clamorosa denuncia dell'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Zeid Raad al Hussein, che ha denunciato il deterioramento delle condizioni di detenzione dei migranti in Libia, definendo disumana la cooperazione dell'Unione europea con il paese nordafricano, che consiste nell'aiutare la Guardia costiera libica per intercettare e respingere i migranti. La sofferenza dei migranti detenuti in Libia è un oltraggio alla coscienza dell'umanità, ha aggiunto.

Alle pesanti accuse dell'Onu all'Italia ha replicato il viceministro degli Esteri Mario Giro dai microfoni di Radio Anch'io, su Radio Uno. "Queste notizie mettono in imbarazzo l'Onu perché è una cosa che si sapeva da tempo. Non è una novità. Non è perché adesso lo scrivono i giornali anglosassoni o lo dice un responsabile Onu che non sapevamo quale fosse il problema - afferma Giro, che ha la delega alla Cooperazione -. Già l'8 agosto scorso ho definito la Libia un inferno".

L'Onu non ha il permesso di entrare nei campi perché interviene solo se il Consiglio di sicurezza trova un accordo, ha aggiunto Giro: "L'Italia è l'unico paese che sta cercando di mediare tra le forze libiche che sono fortemente contrapposte perché l'Onu possa entrare. È un po' ipocrita scoprire adesso ciò che sappiamo da tempo", ha concluso il viceministro .

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Placido Domingo ha festeggiato a Los Angeles 50 anni di carriera

Los Angeles (askanews) - Il tenore spagnolo Placido Domingo ha festeggiato, con un recital speciale al Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles, circondato da amici, cantanti e musicisti, i suoi 50 anni di carriera. Domingo, direttore generale della Washington National Opera e della Los Angeles Opera, esordì proprio nella città californiana il 17 novembre del 1967, senza immaginare - ha spiegato ...

 
Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Pensioni, nulla di fatto dopo l'incontro tra governo e sindacati

Roma (askanews) - Nulla di fatto dopo l'incontro sulle pensioni a Palazzo Chigi tra Governo e sindacati. Gentiloni ha chiesto ai leader di Cgil, Cisl e Uil uno sforzo significativo di condivisione sulle pensioni e di sostenere il pacchetto delle misure; un documento di tre cartelle sullo stop al rialzo dell'età pensionabile per 15 categorie di lavori gravosi, e il fondo per la proroga dell'Ape ...

 
Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Mattarella a Napoli per i 230 anni Scuola militare Nunziatella

Napoli (askanews) - Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella ha presenziato, in piazza del Plebiscito a Napoli, alla cerimonia del giuramento di 90 nuovi allievi della scuola militare della Nunziatella in occasione dei 230 anni dalla fondazione della prestigiosa scuola militare, voluta dal Re Ferdinando IV di Borbone il 18 novembre del 1787. Erano presenti anche il ministro della Difesa, Roberta ...

 
Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Saad Hariri all'Eliseo, incontro e pranzo con Macron

Parigi (askanews) - Il premier dimissionario libanese, Saad Hariri è stato accolto all'Eliseo dal presidente francese Emmanuel Macron, che gli ha riservato gli onori della Guardia Repubblicana, a sottolineare che per la Francia non si tratta di un premier decaduto, ma ancora in carica. Il 4 novembre 2017, l'annuncio delle sue dimissioni, aveva innescato le accuse che fosse trattenuto nel Paese ...

 
"Vasari, Jacone e la maniera bizzarra" alla Casa Museo Bruschi

La mostra

"Vasari, Jacone e la maniera bizzarra" alla Casa Museo Bruschi

Alla Casa Museo di Ivan Bruschi di Arezzo inaugurata la mostra “Vasari, Jacone e la maniera bizzarra”. All’apertura dell’esposizione, che sarà visibile fino al 18 febbraio ...

18.11.2017

"Fifty/Fifty": collettiva del Cenacolo degli Artisti Aretini

La mostra

"Fifty/Fifty": collettiva del Cenacolo degli Artisti Aretini

Dal 19 al 29 novembre 2017 l’Atrio d’onore della Provincia di Arezzo, con entrata da via Ricasoli 44/46, ospita “Fifty/Fifty”, concorso e mostra collettiva di pittura ...

18.11.2017

Monologo su Maradona per aiutare il Thevenin

Arezzo

Monologo su Maradona per aiutare il Thevenin

Un monologo su Diego Armando Maradona per raccogliere fondi a favore di Casa Thevenin. Lo spettacolo di Michele Ruol, con la regia di Lorenzo Maragoni e la conduzione di ...

16.11.2017