Myanmar, il Bangladesh rinvia il rimpatrio dei profughi rohingya

I rifugiati: abbiamo paura, se torneremo ci uccideranno tutti

22.01.2018 - 20:30

0

Dacca (askanews) - Il Bangladesh ha deciso di rinviare l'avvio del rimpatrio in Myanmar dei profughi rohingya inizialmente previsto per il 23 gennaio 2018, come concordato da Dacca e Naypyidaw. Lo ha fatto sapere Abul Kalam Azad, funzionario del Dipartimento per gli aiuti ai profughi e per i rimpatri dal Bangladesh.

"Saremo molto lieti di vedere il processo di rimpatrio iniziare il prima possibile - ha detto - ma allo stesso tempo vogliamo che tutto avvenga in maniera sicura e definitiva, per questo stiamo evidenziando diversi problemi di sicurezza".

La stessa Amnesty International ha accolto con un sospiro di sollievo la notizia perché, secondo l'associazione umanitaria, l'avvio del rimpatrio avrebbe messo a rischio l'incolumità e i diritti degli oltre 650mila rohingya musulmani, fuggiti oltreconfine nel 2017 a causa della brutale repressione subita in Myanmar in quella che l'Onu ha definito una vera e propria operazione di pulizia etnica.

Gli stessi profughi, in effetti, hanno confessato di temere per la propria salute.

"Non torneremo indietro anche se è stato raggiunto un accordo - dice questo anziano - le nostre vite non sono ancora al sicuro lì".

"Qui possiamo mangiare e stiamo tranquilli - aggiunge questo ragazzino - siamo spaventati, se attraversiamo il confine ci ammazzano tutti".

"Ci uccideranno - conclude quest'uomo - tortureranno le nostre donne e le violenteranno, scaveranno delle buche e ci getteranno dentro. È questo ciò che faranno se torneremo indietro".

Amnesty International sta sollecitando i governi di Bangladesh e Myanmar a non prendere in considerazione il ritorno dei rifugiati rohingya fino a quando non vi saranno le condizioni per un ritorno volontario e in condizioni di dignità e sicurezza, come richiesto dal diritto internazionale, e finché non saranno prese misure per coinvolgere i rifugiati rohingya nelle decisioni che li riguardano.

Al momento l'accordo tra Bangladesh e Myanmar prevede anche un possibile coinvolgimento delle Nazioni Unite ma solo sul lato del Bangladesh e non chiarisce quanto l'Alto commissariato Onu per i rifugiati possa avere capacità e autorità di valutare la volontarietà dei ritorni. Il 16 gennaio 2018 il governo del Myanmar aveva reso noto che avrebbe accolto 1.500 rifugiati ogni settimana, una cifra considerata insufficiente a completare il rimpatrio entro 2 anni come previsto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Royal wedding, è il giorno del sì: Harry e Meghan marito e moglie

Milano (askanews) - Si sono guardati e sorrisi a lungo, poi si sono presi per mano e così si sono scambiati le promesse di matrimonio: il principe Harry d'Inghilterra e Meghan Markle sono diventati marito e moglie nella cappella di St George del castello di Windsor. La sposa, arrivata in auto con la madre Doria, è entrata da sola in chiesa, seguita dai 10 paggetti e damigelle, tra cui i ...

 
Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Lo spettacolo

Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Torna il mercoledì del Teatro Virginian di Arezzo (in via de' Redi) che alza nuovamente il sipario sul suo ricco fuori stagione, ciliegina sulla torta di una stagione di ...

14.05.2018

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

La rassegna

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

Torna il festival di teatro spontaneo. Bramosie sessuali, sentimenti intensi e qualche risata per lo spettacolo “Ferdinando” di venerdì 18 maggio, alle ore 21,15 presso il ...

14.05.2018

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Pieve Santo Stefano

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Dalla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze all’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano per raccontare un ventennio di cambiamenti e trasformazioni che ha segnato l’Italia: ...

14.05.2018