Nella fabbrica dei Bafta, i premi al cinema britannico

A Ovest di Londra si realizzano le ambite maschere di bronzo

14.02.2018 - 12:30

0

Londra (askanews) - E' alta 28 centimetri, larga 14 e pesa quattro chili. E' la maschera dei Bafta, il premio più importante del cinema britannico. Questo oggetto ambitissimo, l'equivalente degli Oscar americani, è fabbricato in una piccola fonderia a conduzione familiare, a ovest di Londra. "Si comincia con questo modello. Poi ci sono gli stampi in cui sarà versato il metallo fuso", ha spiegato Patrick Helly, direttore della New Pro Foundries.

Un volta raffreddato, il metallo prende la forma definitiva della maschera, ispirata alle maschere in bronzo del teatro antico. Il primo Bafta è uscito dalle fornaci nel 1976. A riceverlo fu un certo Charlie Chaplin.

"Ogni lotto è fabbricato per una singola cerimonia. Le maschere devono essere pronte tre settimane prima, in modo che poi si possano incidere i nomi dei vincitori"

Oggi i Bafta non si limitano solo alla settima arte. I premi sono assegnati anche alla televisione e ai videogame. Tutti i vincitori devono tenere con cura le maschere antiche loro assegnate. "Non appartengono a nessuno, sono dati in prestito dall'Accademia dei Bafta. Se accade qualcosa alle maschere, dovranno rispondere ad essa", ha spiegato Helly.

I futuri vincitori sono dunque avvertiti. I premi Bafta saranno assegnati a Londra domenica 18 febbraio.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Casa delle Donne a Roma, il Senato si mobilita contro lo sfratto

Casa delle Donne a Roma, il Senato si mobilita contro lo sfratto

Roma, (askanews) - È lo storico centro del femminismo romano, diventato in quasi 40 anni di vita una vera e propria "istituzione" per la promozione culturale e sociale del mondo femminile che va ben oltre il panorama della capitale. La Casa Internazionale delle Donne a Trastevere ora rischia però la chiusura a causa proprio di un contenzioso con il Campidoglio guidato da Virginia Raggi. La ...

 
Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Addio allo schermo? Come sta cambiando l'arte contemporanea

Milano (askanews) - E' stata una delle opere d'arte simbolo degli ultimi anni, premiata alla Biennale di Venezia del 2013 e poi in giro per i musei più importanti del mondo. "Grosse Fatigue" di Camille Henrot sembra per certi versi rappresentare l'opera d'arte perfetta per il mondo contemporaneo, con il suo mix di visionarietà e di enciclopedismo. Eppure quello schermo che è l'elemento ...

 
Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Enel: arrivano i droni nella centrale di Civitavecchia

Roma, (askanews) - Arrivano i droni nella centrale Enel di Torrevaldaliga Nord di Civitavecchia. A loro sarà affidato il compito di supportare le attività di esercizio, manutenzione e protezione dell'impianto, grazie a soluzioni sviluppate da due star-up: Convexum e Percepto. In particolare, la start-up "Convexum" ha sviluppato un sistema in grado di impedire il sorvolo dell'impianto da parte di ...

 
Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Lo spettacolo

Super Ginger: un fuori stagione al Teatro Virginian

Torna il mercoledì del Teatro Virginian di Arezzo (in via de' Redi) che alza nuovamente il sipario sul suo ricco fuori stagione, ciliegina sulla torta di una stagione di ...

14.05.2018

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

La rassegna

Al festival di teatro spontaneo c'è "Ferdinando"

Torna il festival di teatro spontaneo. Bramosie sessuali, sentimenti intensi e qualche risata per lo spettacolo “Ferdinando” di venerdì 18 maggio, alle ore 21,15 presso il ...

14.05.2018

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Pieve Santo Stefano

"Segni di memoria, semi di storia", conferenza dell'Archivio dei Diari

Dalla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze all’Archivio dei diari di Pieve Santo Stefano per raccontare un ventennio di cambiamenti e trasformazioni che ha segnato l’Italia: ...

14.05.2018