Alla ricerca dei sogni perduti: Eva Kot'atkova in HangarBicocca

Nuova mostra nel museo di Pirelli, tra infanzia e introspezione

14.02.2018 - 15:00

0

Milano (askanews) - Da qualche parte i sogni esistono ancora, forse dobbiamo solo andarli a cercare in posti diversi, provando anche a farci aiutare, per esempio, dai bambini, superando la paura di guardare dentro noi stessi. Possiamo forse usare questo approccio per avvicinarci alla nuova mostra nello Shed di Pirelli HangarBicocca a Milano, dedicata al lavoro dell'artista praghese Eva Kot'atkova e intitolata "The Dream Machine is Asleep".

"L'idea della mostra fin dall'inizio - ha detto l'artista ad askanews - era basata su fatti reali, cioè sulle situazioni nelle quali non siamo più in grado di sognare, perché non siamo più capaci di dormire per tanti fattori. Quando accade stiamo nei nostri letti, incapaci di addormentarci, incapaci di sognare, e allora chiamiamo i bambini per aiutarci... Questa è l'idea di fondo della mostra e i bambini saranno i nostri aiutanti per tornare ad avere sogni e visioni che poi potremmo usare nella nostra vita di tutti i giorni".

La mostra milanese ruota intorno all'idea che il corpo umano sia una macchina che per funzionare necessita di manutenzione e che grazie al sogno ci consente di trovare altre vie e altri mondi, talvolta intimi, talvolta disorientanti. A curarla per Pirelli HangarBicocca è Roberta Tenconi.

"La mostra - ha detto la curatrice - e tutto il lavoro di Eva in generale parla della società in cui viviamo, quindi anche delle grandi domande dell'esistenza e lo fa a partire da una serie di riferimenti e visioni che affondano veramente le radici nella storia e nella cultura dell'arte. Da una parte la letteratura, il teatro, dall'altra i grandi movimenti artistici d'avanguardia, in particolare il dadaismo e il surrealismo".

La consapevolezza del contesto culturale - chissà se corroborata dalla comune origine praghese con il più grande e visionario scrittore realista del Novecento, ovviamente Franz Kafka, a noi piace pensare di sì - diventa rielaborazione, diventa oggetti, ma anche pensieri, diventa, ancora una volta, anche una sfida creativa e introspettiva per il visitatore.

"E' una grande installazione che ha la forma di una sorta di paesaggio notturno - ha aggiunto Eva Kot'atkova -: una volta entrato nello spazio lo spettatore deve orientarsi in questa atmosfera buia e il suo corpo è in qualche modo messo alla prova, camminando lungo corridoi che richiamano la forma di uno stomaco, oppure sdraiandosi in un letto di 10 metri per ascoltare i sogni che i bambini hanno preparato per lui".

Ascoltare l'infanzia, la propria o quella altrui, è sicuramente un qualcosa di utile, seppure spesso doloroso. Ma farlo nel contesto di una mostra come "The Dream Machine is Asleep" può essere anche un modo per riappropriarci, in modo delicato, di qualcosa che credevamo perduto. E questo non è poco.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Iran, individuati alcuni resti dell'aereo di linea precipitato

Teheran (askanews) - Il vicegovernatore della provincia di Kohgiluyeh e Buyer Ahmad in Iran, ha comunicato che sono stati individuati i rottami dell'aereo di linea Atr-72 schiantatosi domenica 18 febbraio 2018, con 66 persone a bordo, in una regione montuosa nel Sud-Ovest del Paese, durante una tempesta di neve. Le ricerche dell'aereo sono riprese nella mattinata di lunedì 19 febbraio dopo essere ...

 
Battiston (Asi): futuro esplorazione spaziale deve essere globale

Battiston (Asi): futuro esplorazione spaziale deve essere globale

Roma, (askanews) - "Noi riteniamo che il futuro dell'esplorazione spaziale debba essere globale, coinvolgere tutti i Paesi che hanno capacità e investimenti importanti nello spazio abitato dagli uomini, la Cina e l'India tra questi. Senza questa collaborazione globale è praticamente impossibile pensare seriamente di andare su Marte in tempi brevi, in tempi ragionevoli, perché il costo di una ...

 
Macchine da scrivere, grafica e design: i 110 anni di Olivetti

Macchine da scrivere, grafica e design: i 110 anni di Olivetti

Roma, 19 feb. (askanews) - La mostra "Looking forward. Olivetti: 110 anni di immaginazione", fino al primo maggio alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma, celebra l'importante anniversario dell'azienda di Ivrea che ha segnato la storia del design, della grafica, dell'innovazione tecnologica e della comunicazione nel nostro Paese. Oltre 300 pezzi tra oggetti iconici, come la ...

 
"Il fronte delle donne" nel '15-'18: lo spettacolo al Vascello

"Il fronte delle donne" nel '15-'18: lo spettacolo al Vascello

Roma, (askanews) - Dov'erano e dove sono le donne che hanno partecipato al farsi della storia? Perché scompaiono così facilmente dalla memoria collettiva? Si tratta di una censura consapevole e voluta, oppure, cosa ancora peggiore, di un'incapacità quasi automatica di riconoscere autonomia al pensiero femminile? "Il fronte delle donne", in scena al Tetro Vascello di Roma dal 20 al 25 febbraio e ...

 
Il Festival al duo Meta-Moro

Sanremo

Il Festival al duo Meta-Moro

I vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo sono Ermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone "Non mi avete fatto niente". Al secondo posto Lo Stato sociale con ...

11.02.2018

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

La mostra a Casa Bruschi

Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello

"Una Pieve preziosa. Quando la pietra diventa gioiello", in mostra i gioielli ideati e progettati dagli allievi del master in Storia e Design del Gioiello dell'Università di ...

10.02.2018

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Stagione di prosa a Cavriglia

Ottavia Piccolo e Orchestra Multietnica di Arezzo in "Occident Express"

Alla stagione del teatro comunale di Cavriglia proseguono gli eventi del cartellone di Fondazione Toscana Spettacolo. Sabato 17 febbraio alle 21.30  Ottavia Piccolo e ...

10.02.2018